In Australia il dottor Carmine Gentile, laureato a Pisa, ottiene delle cellule cardiache vive in grado di battere

Gli scienziati sono un passo più vicino al cuore stampato in 3d con le cellule cardiache in grado di battere.

La stampa 3d di organi sani impiantabili è ancora abbastanza lontana, sappiamo che ogni piccolo progresso nel campo del bioprinting 3D è un passo più vicino a diventare una realtà. In Australia, ad esempio, l’Istituto di Sydney (HRI) ha sviluppato una stampante  bioprinter che è in grado di stampare cellule umane che potrebbero essere utilizzate per riparare i tessuti cardiaci danneggiati.

La svolta è significativa in quanto si sta portando il campo del bioprinting un passo avanti verso l’obiettivo finale della stampa di organi umani impiantabili. Come ha spiegato lo scienziato dello HRI il  Dr. Carmine Gentile, i pazienti avrebbero semplicemente bisogno di fornire al personale medico alcune cellule dalla loro pelle, che sarebbero poi  utilizzate per generare cellule staminali, e, successivamente, cellule cardiache. Con la capacità di generare le cellule del cuore specifiche per e del paziente, i medici potrebbero creare dei tessuti che possono essere impiantati sul cuore del paziente per riparare l’organo vitale se è stato danneggiato senza alcun problema di rigetto.

Ad esempio, la  nuova bioprinter 3D potrebbe avere molti benefici per i pazienti che soffrono di attacchi di cuore, soprattutto per coloro i quali trattamenti tradizionali non sono efficaci. trattamenti tipici per gli attacchi di cuore includono l’angioplastica, un processo in cui un palloncino viene gonfiato ad ampliare le arterie coronariche che sono bloccate, e la terapia di riperfusione, che coinvolge l’impianto di stent e la somministrazione di farmaci anti-coagulazione. I tessuti stampati in 3D potrebbero rappresentare un’alternativa valida.

Come spiega Gemma Figtree, un cardiologo e professore associato presso l’Istituto Kolling, : “Sostituendo il muscolo cardiaco morto con una patch efficace, possiamo risolvere la loro insufficienza cardiaca che potrebbe migliorare notevolmente la loro mancanza di respiro e la loro qualità di vita.” Considerando che circa 350.000 persone sono colpite da attacchi di cuore nella sola Australia, e circa 24 australiani al giorno muoiono per questo, la svolta della stampa 3D è significativa.

Oltre a creare tessuti cardiaci impiantabili, la bioprinter 3D potrebbe anche contribuire a creare tessuti organici ai fini dei test farmacologici . Vale a dire, di avere un mini organo a base di cellule proprie del paziente su cui testare i farmaci, i medici potrebbero più efficacemente testare farmaci prima di utilizzarli sul paziente stesso. “Questo è un risultato molto suggestivo saremmo in grado di identificare in un tempo molto breve  gli effetti collaterali nelle persone”, ha commentato il Dr. Gentile.

Naturalmente, la tecnologia non è ancora pronta per la distribuzione negli ospedali in tutto il paese, ma  i ricercatori ritengono che la loro tecnologia HRI bioprinting potrebbe essere disponibile entro i prossimi cinque-dieci anni per i trattamenti dei pazienti. Finora, la ricerca ha prodotto risultati sorprendenti, con le cellule del cuore stampate che sono già in grado di battere, proprio come un vero cuore farebbe .

Be the first to comment on "In Australia il dottor Carmine Gentile, laureato a Pisa, ottiene delle cellule cardiache vive in grado di battere"

Leave a comment