Impianti stampati in 3D biodegradabili per il trattamento del cancro

I ricercatori di Swti e UTSA sviluppano impianti stampati in 3D biodegradabili per il trattamento del cancro
I ricercatori del Southwest Research Institute (SwRI) e dell’Università del Texas a San Antonio (UTSA) stanno sviluppando un impianto medicinale minimamente invasivo stampato in 3D che potrebbe fornire una dose controllata e personalizzata di medicinale per diverse settimane per il trattamento delle infezioni e disturbi come l’artrite, il cancro e l’AIDS. Impiantato per la consegna localizzata, il dispositivo utilizza forme geometriche specializzate per controllare il rilascio del farmaco e si dissolve dopo il trattamento.

Guidato da Albert Zwiener della Divisione Chimica e Ingegneria Chimica di SwRI e dal Dr. Lyle Hood del College of Engineering dell’UTSA, il progetto è supportato da una sovvenzione di $ 125.000 dal programma Connecting through Research Partnerships (Connect).

“L’impianto si rivolge a una specifica malattia del paziente, oltre alla loro storia medica e ad altri problemi di salute”, ha detto Zwiener. “Iniettiamo questo dispositivo non invasivo nel corpo per somministrare medicinali per un periodo di tempo significativo.”

Il team UTSA, guidato dall’assistente di ricerca Priya Jain, è responsabile della progettazione e della stampa 3D dell’impianto. Il design utilizza forme geometriche specializzate per personalizzare ciascun dispositivo al disturbo dell’individuo e sfrutta il timing selettivo e il rilascio del composto. L’impianto ha un piccolo foro con dentro il farmaco e uno dei polimeri selezionati.

“Quindi il polimero interno (si dissolve) e poi quel farmaco e il polimero disciolto escono entrambi dal piccolo foro”, ha detto Zwiener. “In questo modo è possibile controllare la velocità di rilascio in termini di dimensioni del foro e selezione di polimeri. ”

Il team ha utilizzato una stampante 3D specializzata presso UTSA e un polimero biodegradabile per stampare l’impianto. Man mano che degrada, il dispositivo rilascia un farmaco che è stato dissolto al suo interno. Inoltre, non è necessario rimuovere l’impianto, poiché si dissolverà semplicemente all’interno del corpo una volta completato il trattamento.

L’impianto è anche progettato per innescare l’immunoterapia localizzata per i trattamenti contro il cancro. Il team di SwRI-UTSA crede che le capacità di trattamento localizzate del dispositivo possano far scattare il corpo a distruggere il cancro invasivo.

“Se clinicamente tradotto, questo consentirebbe ai medici e ai farmacisti di stampare dosaggi specifici per soddisfare le esigenze del paziente”, ha detto Hood. “Nell’immunoterapia, la maggior parte delle strategie impiegano la circolazione sistemica attraverso una linea IV, proprio come la chemioterapia, che può causare problemi con le reazioni immunitarie lontane dall’obiettivo previsto. Speriamo che, erogando localmente, possiamo mantenere gli effetti acuti limitati alla regione malata. ”

Mentre l’impianto è ideale per il trattamento del cancro , è progettato per essere agnostico ai farmaci, il che significa che può funzionare con qualsiasi tipo di farmaco e potrebbe avere un impatto significativo su una vasta gamma di malattie e disturbi.

Be the first to comment on "Impianti stampati in 3D biodegradabili per il trattamento del cancro"

Leave a comment