Impalcatura di acido polattico stampata in 3D per applicazioni di ingegneria del tessuto cutaneo: la proliferazione di fibroblasti in vitro

Ingegneria tissutale: impalcature in PLA stampate in 3D per la semina di fibroblasti cutanei umani

I ricercatori in Turchia stanno stampando in 3D con PLA in un nuovo studio riguardante i fibroblasti cutanei umani e l’ingegneria dei tessuti delle cellule della pelle. Le loro nuove scoperte sono delineate in ” Impalcatura di acido polattico stampata in 3D per applicazioni di ingegneria del tessuto cutaneo: la proliferazione di fibroblasti in vitro “, mentre il team dell’Università di Dokuz Eylul ha sperimentato due diverse dimensioni dei pori durante la semina di HDF.

L’ingegneria dei tessuti delle cellule della pelle potrebbe portare a scoperte fondamentali per nuovi metodi di guarigione delle ferite. Come nella maggior parte delle forme di ingegneria dei tessuti, i ricercatori usano le impalcature bioprinted come strutture per alimentare la crescita cellulare, fungendo da sostituto della matrice extracellulare umana (ECM). Per la guarigione, l’obiettivo è che i fibroblasti si infiltrino in una ferita con proteine ​​ECM e, in alcuni casi, fungano da sistemi di rilascio di farmaci.

Le impalcature devono essere biocompatibili, biodegradabili e possedere proprietà meccaniche adeguate per le prestazioni in un’area in cui la sfida di mantenere in vita le cellule può essere formidabile. Il PLA è un materiale comune per la creazione di impalcature grazie alle stesse qualità necessarie per le impalcature ed è spesso usato in applicazioni biomediche che abbracciano i suoi elementi antibatterici , oltre a introdurlo in compositi per la rigenerazione ossea , la riparazione di fratture e molto altro.

Le impalcature per lo studio sono state fabbricate con due diverse velocità di riempimento, progettate in SolidWorks.

“I ponteggi porosi sono stati stampati strato per strato sotto forma di quadrati circondati da un denso perimetro di PLA”, hanno spiegato i ricercatori. “Abbiamo determinato la velocità ottimale di 15 mm / s per la velocità di riempimento e 25 mm / s per la velocità del gap. La velocità di traslazione dell’estrusore era impostata su 100 mm / s. Abbiamo fabbricato ponteggi con due diverse dimensioni dei pori (35% e 40%). ”

I ponteggi, seminati con cellule, sono stati quindi coltivati ​​per 12 e 18 giorni, con la maggiore proliferazione che si verificava in quei giorni, dimostrando ai ricercatori non solo che la densità è profondamente legata a quell’attività, ma anche che le dimensioni dei pori del 35 percento e Il 40 percento non ha avuto alcun impatto.

“Poiché gli HDF continuano ad attaccarsi sui ponteggi nei giorni 12 e 18, i ponteggi in PLA stampati in 3D sono ancora confermati per essere biocompatibili e sicuri nel lungo periodo”, hanno concluso i ricercatori.

“I nostri risultati di biocompatibilità in vitro degli scaffold in PLA hanno dimostrato che il microambiente formato all’interno degli scaffold è adatto e sufficiente affinché le cellule conservino la loro vitalità, il che è cruciale per l’ingegneria dei tessuti. Ulteriori studi sull’uomo e sugli animali sono raccomandati per un’ulteriore valutazione delle prestazioni meccaniche degli scaffold progettati contenenti cellule di fibroblasti. In studi futuri, per ottenere ulteriori prove sulle proprietà degli scaffold 3D per migliorare la rigenerazione dei tessuti, questi scaffold 3D saranno valutati in un contesto che imita una caratteristica clinica utilizzando il modello di guarigione delle ferite nei ratti diabetici in vivo. “

Be the first to comment on "Impalcatura di acido polattico stampata in 3D per applicazioni di ingegneria del tessuto cutaneo: la proliferazione di fibroblasti in vitro"

Leave a comment