Imagined Artefacts Anousha Payne l’artista digitale e il valore della copie digitale stampata in 3d

Imagined Artefacts: L’artista Imagined Artefacts utilizza la scansione e la stampa 3D con materiali definiti.
L’artista londinese, Anousha Payne, ha utilizzato la stampa 3D per creare la sua ultima serie d’arte “Imagined Artefacts”. Il progetto, che consiste in una serie di strutture astratte stampate in 3D, esplora diversi temi, tra cui la rappresentazione, la replica e il significato di un artefatto esterno al suo contesto.

Come artista, la Payne è conosciuta per affrontare domande attualmente rilevanti nel mondo dell’arte, come ad esempio l’immagine e l’identità di sé nell’era digitale e come si inseriscono le tecnologie moderne come la stampa 3D nel contesto reale.

Nel suo ultimo sforzo, la giovane artista ha utilizzato le tecnologie 3D di scansione e stampa 3D per appropriarsi e replicare manufatti esistenti – per reimpiegarli usando la tecnologia moderna.

Più in particolare, Payne si è ispirata  percorrendo musei e centri culturali , eseguendo la scansione 3D di alcuni manufatti. Con le scansioni 3D (che non sono state intenzionalmente catturate in modo perfetto), la Payne è riuscita a creare manufatti immaginati che sono emersi dalla sua stampante 3D.

I pezzi stessi risultano piuttosto strani come struttura, sembrano come dei vasi  immersi in un vortice. Tuttavia, catturano qualcosa dai manufatti originali senza essere delle copie. Nella mente dell’artista, gli oggetti stampati in 3D sono manufatti di un luogo e un tempo immaginari.

“Un artefatto immaginario è qualcosa che ho creato per descrivere gli oggetti che stavo facendo”, ha detto l’artista. “Quello che penso di un artefatto immaginario è piuttosto letterale. Sto immaginando un manufatto che potrebbe esistere in un altro mondo in altre dimensioni. Stavo pensando se un oggetto manenga qualità virtuali quando viene replicato. È ancora la stessa cosa quando la stampo in un altro materiale “.

Naturalmente, la questione dell’autenticità, dell’aura, della qualità e della replica è stata a lungo presente nel mondo dell’arte. La questione dell’aura, per esempio, è stata sollevata dal critico culturale  Walter Benjamin, che ha suggerito che una opera d’arte fosse esaurita attraverso la riproduzione meccanica (ad esempio una fotografia).

Ma nel mondo odierno, quando un’opera può essere replicata utilizzando avanzate tecnologie di scansione e stampa 3D, questa questione di aura e valore diventa ancora più rilevante. Qual è il valore culturale della copia stampata 3D di un antico artefatto? Il valore o l’importanza del cambiamento dall’originale?

In un video del suo lavoro, Payne ha messo a confronto i suoi manufatti 3D con immagini provenienti dai musei  , mostrando come i “manufatti immaginati” si trovano accanto a pietre e terre rovinate dalle antiche civiltà.

Sebbene non sia l’espresso intento del suo lavoro,  gli oggetti stampati 3D  un giorno potrebbero venire inseriti nei musei allo stesso modo in cui lo sono attualmente gli antichi manufatti.

Be the first to comment on "Imagined Artefacts Anousha Payne l’artista digitale e il valore della copie digitale stampata in 3d"

Leave a comment