Il Titomic Kinetic Fusion processo produttivo addizionato brevettato CSIRO per leghe di titanio con la stampa 3d

La società australiana di stampa 3D Titomic sta commercializzando il “Titomic Kinetic Fusion”, un processo produttivo addizionato brevettato CSIRO per leghe di titanio. Basato sulle tecnologie tradizionali a spruzzo a freddo, il nuovo processo di stampa 3D può stampare su una scala da 9 x 3 x 1,5 metri.

La tecnologia a spruzzo a freddo non è rara nel mondo manifatturiero, in quanto spesso viene utilizzata come un modo per ricoprire o riparare. Ma per la Titomic di Melbourne, i principi dietro il freddo spray si prestano bene ad un processo ancora più emozionante: la produzione di additivi.

Sviluppato congiuntamente da CSIRO e Force Industries, il nuovo processo di stampa 3d metal di Titomic prende la tecnologia a freddo spray, ma lo usa per stampare in 3D le leghe di titanio. E con Titomic lanciato sul Australian Securities Exchange qui a settembre , il processo Titomic Kinetic Fusion potrebbe essere estremamente interessante per i potenziali investitori.

“E’ stata usata come tecnologia di rivestimento, ma la stiamo trasformando in un processo di produzione addizionale, per cui invece di rivestire una superficie in realtà stampiamo una componente”, ha dichiarato il CEO di Titomic e CTO Jeffrey Lang .

Il processo prevede l’irrorazione dellai polvere di titanio in una camera in cui viene riscaldato il gas che accelera le particelle di titanio attraverso un ugello e da una pistola a spruzzo. La pistola a spruzzo è controllata da un braccio robotico per spruzzare in precisi schemi e quando le particelle “colpiscono” in superficie, diventano legate a livello meccanico attraverso un processo di deformazione plastica.

E il Titomic Kinetic Fusion non è solo diverso nel modo in cui fabbrica parti in metallo, ma le sta anche stampando su una scala notevolmente grande.

“L’impianto che stiamo costruendo al momento [in Tonsley, Australia Meridionale] avrà una stampante 3D in metallo che ha un piano di nove metri per  tre metri per 1,5 metri”, ha detto Lang. “Quindi stiamo parlando di produzione additiva [su] una scala che nessuno è in grado di fare in metal su questa scala”.

Il sito web di Titomic prosegue ulteriormente affermando che questa stampante 3D sarà “la più grande macchina per la produzione di additivi nel mondo”.

Oltre alla sua dimensione, il processo di stampa 3D della società australiana funziona anche con una velocità fenomenale: Lang afferma che le stampanti 3D di Titomic possono depositare circa 45 chilogrammi di materiale all’ora, rendendoli 10-100 volte più veloci delle stampanti 3D più veloci presenti sul mercato. Inoltre, si dice che questi oggetti stampati in fretta siano circa il 34% più forti delle normali componenti in titanio.

E poi c’è anche la quarta proprietà desiderabile vale a dire  l’efficienza dei costi di Kinetic Fusion.

“Possiamo rendere le parti più economiche”, ha detto Lang. “Questo apre un’occasione per l’industria automobilistica di utilizzare il titanio più a buon mercato e apre anche l’opportunità per noi di esportare componenti di alta qualità a livello globale”.

Tutto questo non poteva non invogliare gli acquirenti a investire nella società australiana, con Titomic a fare il debutto sull’ASX il 21 settembre con un valore di 22 milioni di dollari australiani (17,7 milioni di dollari). Ha attualmente incrementato di  6,5 milioni di dollari australiani ( 5,2 milioni di dollari americani) dagli investitori.

È interessante notare che Lang sostiene che l’esperienza produttiva addizionale della sua azienda potrebbe anche aiutare l’Australia a recuperare un po ‘di competitività con l’industria del titanio russa.

“Abbiamo molte sabbie minerali con alto tenore di titanio, ma l’industria del titanio è controllata dai russi”, ha detto Lang. “Utilizzando risorse australiane, diventeremo più competitivi nei costi e possiamo diventare un hub globale di tecnologie addizionali”.

Con questo status come hub globale, Lang pensa che la sua azienda possa essere competitiva in molti mercati, diffondendo la sua rete molto ampia.

“Il potenziale di questa tecnologia è estesa, con un’ampia gamma di diverse industrie manifatturiere e di costruzione che potrebbero trarre vantaggio dalla nostra tecnologia”, ha detto Lang all’inizio di quest’anno. “Ad esempio, vediamo applicazioni in settori diversi come quello petrolifero  o il settore del  gas, nelle miniere, nell’aerospaziale, nel marittimo, nell’automobilistico, nel sttore medico, sportivo e militare”.

Be the first to comment on "Il Titomic Kinetic Fusion processo produttivo addizionato brevettato CSIRO per leghe di titanio con la stampa 3d"

Leave a comment