Il sondaggio di reichelt elektronik mostra che il 62% delle aziende manifatturiere europee ha almeno una stampante 3D

Il 62% delle aziende manifatturiere ha stampanti 3D

La stampa 3D è diventata uno standard per le aziende negli ultimi anni. reichelt elektronik ha condotto un sondaggio sulla stampa 3D in collaborazione con OnePoll.

Nel giugno 2020, 1680 dipendenti e manager europei delle aree di progettazione, sviluppo, produzione e tecnologia sono stati invitati in tutti i settori, che sono significativamente coinvolti nelle decisioni tecniche, tra cui 500 dalla Germania. Le aziende provengono dal settore manifatturiero, dalla logistica, dalla farmaceutica, dall’energia, dall’IT e dallo sviluppo.
La stampa 3D sta diventando lo standard, in particolare per le singole parti

Innanzitutto, mostra che la stampa 3D è diventata uno standard tecnico per le aziende. Il 70 percento delle aziende intervistate utilizza la stampa 3D, il 62 percento ha i propri dispositivi direttamente sul posto di lavoro. L’area di applicazione più comune per la stampa 3D è la produzione di modelli illustrativi. L’84 percento degli intervistati ha affermato che la propria azienda utilizza la stampa 3D per questo tipo di applicazione. La stragrande maggioranza del 66 percento è soddisfatta dell’uso della stampa 3D per questo scopo.

Anche lo sviluppo di prototipi è molto popolare. Per questo l’82% delle aziende intervistate utilizza la stampa 3D. Il 71 percento è soddisfatto delle opportunità in questo settore.

Il processo di produzione viene utilizzato dal 79 percento delle aziende per produrre pezzi di ricambio, con il 59 percento che non ha nulla di cui lamentarsi in questi processi. D’altra parte, il 20 percento degli intervistati non è ancora soddisfatto dei pezzi di ricambio stampati in 3D. Ciò solleva la questione di dove sia ancora necessario lo sviluppo della tecnologia di stampa 3D.

I filamenti più utilizzati
La maggior parte delle aziende (81%) stampa con filamenti di plastica come ABS , PLA o PETG. Inoltre, i materiali compositi (49%) sono già ampiamente utilizzati. La possibilità di utilizzare i metalli come materiale è generalmente più costosa, ma questo processo è utilizzato anche dal 38 percento delle aziende intervistate.

Il 32 percento utilizza opzioni meno note come la stampa con materiali come ceramica, cera, resina sintetica o carta. Il cemento è attualmente utilizzato come materia prima solo dall’8% delle aziende.

I filamenti che le aziende vorrebbero stampare in futuro includono silicone (FQM), materiali simili a legno o legno, tessuti e vetro, materie prime refrattarie, carbonio, ingredienti attivi e ausiliari per compresse, gomma e alimenti. Il desiderio di una più ampia selezione di materiali suggerisce che il potenziale della stampa 3D è lungi dall’essere esaurito e che le aziende produrranno i loro prodotti individualmente e con nuove materie prime in futuro su richiesta del cliente.

C’è ancora potenziale in termini di velocità e precisione
Alla domanda sulle difficoltà che le aziende incontrano quando si occupano di stampa 3D, il 29 percento ha affermato che la creazione delle stampe 3D richiede troppo tempo. Il 29 percento ha inoltre giudicato insoddisfacente la qualità dei prodotti. Lo stesso vale per le difficoltà nel formare le forme richieste a causa di vuoti o limitazioni di dimensioni.

Queste carenze indicano che la tecnologia informatica sottostante e le opzioni applicative dei dispositivi di stampa 3D richiedono ancora sviluppo. Gli errori e le imprecisioni possono anche avere altre cause. Ad esempio, un utente potrebbe utilizzare una stampante non corretta o materiale inappropriato. Inoltre, possono verificarsi errori nella progettazione del computer, nel funzionamento della stampante o del software. Più la tecnologia avanza e maggiore è il know-how tra gli utenti, meglio queste fonti di errore possono essere evitate.

La maggioranza vede un grande potenziale futuro, anche come una via d’uscita dalla crisi
Un notevole 86 percento delle aziende intervistate prevede di investire di più nella stampa 3D e di ampliarne l’utilizzo nella propria azienda. Il 43 percento ha dichiarato di aver pianificato di farlo come risultato diretto della crisi della corona. Molti vedono questo processo come un’opportunità per compensare le perdite aziendali causate dalla crisi della corona attraverso possibili risparmi sui costi o offerte ampliate. Questo è inizialmente associato alle spese per l’acquisto dei dispositivi, ma i risparmi che ne risultano rendono redditizio l’investimento.

In generale, il 76% degli intervistati considera ragionevole la produzione interna al fine di colmare i ritardi nella catena di approvvigionamento.

Ciò è supportato da informazioni sugli effetti positivi dell’uso della stampa 3D sulla redditività delle aziende intervistate. Il 56 percento delle aziende che lavorano con il processo è stato in grado di aumentare la propria produttività, il 52 percento è stato in grado di risparmiare sui costi. Oltre la metà (51%) è stata anche in grado di espandere la propria gamma di prodotti, mentre il 41% ha dichiarato di essere in grado di aprire nuove aree di business utilizzando la tecnologia di stampa 3D.

Queste informazioni suscitano grandi aspettative in merito al potenziale futuro dei processi di stampa 3D, che sono confermati da ulteriori valori di indagine: il 35 percento delle aziende partecipanti prevede di introdurre la propria produzione utilizzando, ad esempio, la stampa 3D nei prossimi dodici mesi. Inoltre, il 55 percento è certo che la stampa 3D sarà più importante nella catena di approvvigionamento nei prossimi 1-2 anni. Sarà entusiasmante vedere come si sviluppano le possibilità tecniche e la diffusione della stampa 3D e se si confermano le elevate aspettative riguardo a questa tecnologia. Secondo questo sondaggio, ci sono attualmente alcune prove per suggerire questo.

Be the first to comment on "Il sondaggio di reichelt elektronik mostra che il 62% delle aziende manifatturiere europee ha almeno una stampante 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi