Il Self-Assembly Lab del MIT il futuro della design 4D col Rapid Liquid Printing (RLP)

Il laboratorio di autoassemblaggio del MIT suggerisce il futuro del design 4D negli oggetti pneumatici

Il MIT offre alle menti brillanti lo spazio per svilupparsi nella reciproca compagnia e, non sorprendentemente, come risultato, vengono prodotti sviluppi affascinanti nel design e nella tecnologia. Una delle tante organizzazioni interne che creano questa atmosfera di sperimentazione e innovazione è il Self-Assembly Lab . Il Self-Assembly Lab è un laboratorio di ricerca dedicato alla creazione di tecnologie di materiali autoassemblanti e programmabili. La loro ultima creazione, la rapida stampa a liquido, sta suscitando molto interesse in quanto potrebbe potenzialmente creare uno spostamento tettonico nel modo in cui la stampa 3D di oggetti viene concepita e prodotta.

Rapid Liquid Printing (RLP) differisce dalla tradizionale stampa 3D in quanto invece di costruire un oggetto alzando strato dopo strato di materiale, l’oggetto viene creato disegnando una sospensione di gel liquido che funziona per supportare l’oggetto mentre viene disegnato roboticamente . Questo processo non è solo più veloce della tradizionale stampa 3D, ma consente la creazione di oggetti con livelli di complessità molto maggiori. Il team di Self-Assembly Lab è pronto per il loro processo di stampa 3D nuovo e migliorato come segue:

“La stampa 3D non è decollata come processo di produzione tradizionale per tre motivi principali: 1) è troppo lento rispetto ai processi convenzionali come stampaggio a iniezione, fusione, fresatura, ecc. 2) è limitato dalla scala, sebbene sia utile per creare piccoli componenti, non è possibile produrre oggetti su larga scala 3) i materiali sono in genere di bassa qualità rispetto ai materiali industriali. Rapid Liquid Printing risolve tutti questi limiti: è incredibilmente veloce (produce strutture in pochi minuti), progettato per prodotti di grandi dimensioni (è possibile stampare un intero pezzo di arredamento) e utilizza materiali di livello industriale reali. ”
Lampada da parete gonfiabile in gomma siliconica bianca stampata a liquido, progettata da
I prodotti più recenti che utilizzano questa tecnologia fanno parte di una collezione creata dal designer svizzero Christoph Guberan e dal Self-Assembly Lab e sono esposti e disponibili per l’acquisto presso la Patrick Parrish Gallery di New York. La mostra, intitolata  Liquid to Air: oggetti pneumatici,è in esposizione fino al 26 agosto e comprende oggetti stampati da un materiale in silicone elastico che può essere gonfiato, sfruttando quindi quello che è stato in genere un materiale molto difficile da utilizzare con le stampanti 3D. Il potenziale che questi oggetti hanno da manipolare e spostare dopo la stampa è la quarta dimensione che è stata aggiunta al processo, piuttosto che un oggetto come fine, questi oggetti continuano a svilupparsi dopo la loro produzione. Guberan, che collabora con il laboratorio dal 2014, ha spiegato l’interesse a lavorare con tale oggetto:

“Le persone spesso mi chiedono dove sia l’interesse per un progettista di prodotti o se identifico di più come designer di prodotti o ricercatore di materiali. Per me, vedo il laboratorio e le persone che vi lavorano semplicemente come se avessero un nuovo modo di produrre oggetti. È come lavorare con i futuri artigiani, gli artigiani di domani. Come designer, la gente di solito si aspetta che realizziamo un progetto, un perfetto capolavoro finale, ma con questa tecnologia il risultato è molto più flessibile, meno definito. Una volta stampato, l’oggetto ha la capacità di assumere un’altra vita propria “.
Imbarcazione in gomma siliconica trasparente stampata a liquido, progettata da Self-
Gli oggetti creati per questa mostra sono stati dotati di luci a LED o sono stati interpretati come vasi e sono disponibili al pubblico per prezzi che vanno da $ 95 a $ 3200 a seconda delle dimensioni e della complessità dell’oggetto. Il potenziale presentato da questi tipi di oggetti è molto più grande della semplice produzione di oggetti decorativi e ben oltre il cinematico fattore di tecnologia avanzata. I ricercatori del Self-Assembly Lab vedono il potenziale di tali oggetti in continua evoluzione in qualsiasi cosa, dal futuro degli airbag alla creazione di rifugi di emergenza gonfiabili. È la capacità di questi oggetti di continuare ad evolversi ed esibirsi dopo la loro creazione che li rende così particolarmente interessanti, più i materiali diventano intelligenti, più i nostri oggetti possono fare per noi.

Be the first to comment on "Il Self-Assembly Lab del MIT il futuro della design 4D col Rapid Liquid Printing (RLP)"

Leave a comment