Il segretario della difesa americano Ryan McCarthy a emesso una direttiva a sostegno dell’attuazione dell’uso della stampa 3d militare

IL SEGRETARIO della Difesa Americano PONE IL CENTRO DI STAMPA 3D DELLA POLITICA MODERNA

Nel settembre 2019, il segretario della difesa americano Ryan McCarthy ha emesso una direttiva a sostegno dell’attuazione in corso della forza della stampa 3D. Stabilendo una politica per le quattro fazioni ufficiali dell’esercito degli Stati Uniti, la direttiva si concentra in particolare su ” Abilitare la prontezza e la modernizzazione attraverso la produzione avanzata ” che comprende la produzione additiva, l’intelligenza artificiale (AI), la robotica e i materiali compositi avanzati.

“La produzione avanzata cambierà radicalmente il modo in cui l’esercito progetta, consegna, produce e sostiene le capacità del materiale”, afferma l’obiettivo.

“PERMETTERÀ ALL’ESERCITO DI MODERNIZZARE I SISTEMI MIGLIORANDO AL CONTEMPO LA PRONTEZZA”.

Come parte della direttiva, il comando dell’esercito americano , istituito nel 2018, è anche incaricato di scrivere una strategia per sviluppare capacità di produzione additiva per l’esercito, insieme a adeguate misure di sicurezza / protezione IP.

Produzione additiva nell’esercito americano

Come fonte primaria di finanziamento per la ricerca all’avanguardia, e di per sé un centro di eccellenza per la scoperta scientifica e l’ingegneria, l’esercito americano ha avviato iniziative attraverso una varietà di modalità di produzione additiva.

Con il Marine Corps Systems Command (MCSC), US Army Corps of Engineers (USACE) sta lavorando per costruire basi usando cemento stampato in 3D . Il Army Research Laboratory (ARL), tra le altre cose, sta sviluppando leghe ad alta resistenza per la stampa 3D . Alla fine del 2018, ARL e il National Center for Manufacturing Sciences (NCMS) degli Stati Uniti hanno anche aperto il centro e il consorzio Advanced Manufacturing, Materials and Processes (AMMP) ad Aberdeen, nel Maryland. Stampante 3D leader OEM 3D Systems è un collaboratore chiave per progetti di produzione additiva al centro.

Quest’anno, insieme all’acceleratore di produzione additiva America Makes e alla società di consulenza Catalyst Connection , con sede in Pennsylvania , il National Center for Defence Manufacturing and Machining (NCDMM) ha lanciato il suo programma AMNOW per facilitare l’integrazione additiva nella logistica dell’esercito.

Tenendo conto di tali sviluppi, la nuova direttiva sulla modernizzazione, in vigore dal 2019 al 2029, sembra essere uno sforzo per continuare questo slancio su vasta scala dell’esercito.

I marines del 7 ° ingegnere Support Battalion insieme agli ingegneri del Corpo di ricerca dell’ingegneria degli ingegneri dell’esercito americano posano con un bunker di cemento durante un esercizio di stampa 3D di cemento. Foto via US Marines / Staff Sgt. Michael Smith, 7o ESB.
I marines del 7 ° ingegnere Support Battalion insieme agli ingegneri del Corpo di ricerca dell’ingegneria degli ingegneri dell’esercito americano posano con un bunker di cemento durante un esercizio di stampa 3D di cemento. Foto via US Marines / Staff Sgt. Michael Smith, 7o ESB.
Esercito USA che implementa Industry 4.0

La nuova politica delinea quattro obiettivi per l’applicazione della produzione avanzata.

Il primo obiettivo è “consentire la produzione di parti complesse che non possono essere fabbricate utilizzando processi tradizionali”. Con tale produzione, l’esercito si aspetta di migliorare le prestazioni del sistema, nonché di incoraggiare l’innovazione “con una velocità senza pari” grazie alle capacità di prototipazione rapida .

Il secondo obiettivo discute lo sviluppo di una rete di produzione Industry 4.0, che consente “la connessione tra macchine, prodotti e persone” per “un migliore controllo di qualità, manutenzione predittiva e ordinamento automatico delle forniture”.

Il terzo obiettivo evidenzia la capacità avanzata della produzione di “affrontare le sfide di prontezza poste dall’obsolescenza delle parti”. Sebbene non si riferisca esclusivamente alla stampa 3D, ci si potrebbe aspettare che quest’area tragga il massimo beneficio dalla tecnologia grazie alla sua applicazione per la fabbricazione su richiesta .


In un ultimo punto, la direttiva sottolinea l’importanza di integrare la produzione avanzata nelle prime fasi del ciclo di vita di un sistema, aggiungendo: “Le organizzazioni di tutto il esercito, inclusi i requisiti, le attività di ricerca e sviluppo, acquisizione, sostegno e appalto, devono continuare a investire in e abbracciare la produzione avanzata. ”Questo punto viene ulteriormente esplorato nel profilo politico.

Il documento incoraggia inoltre il personale a “prendere in considerazione modelli di licenza alternativi” quando negozia i diritti di licenza su IP dell’esercito, suggerendo “un accordo basato su una commissione in base al quale viene pagato un prezzo negoziato all’entità che ha creato l’IP ogni volta che una parte viene stampata in 3D”.

Il documento si conclude con un elenco di ordini applicabili a coloro che rivestono un ruolo guida nell’adempimento della direttiva. Vale a dire Bruce Jette, capo delle acquisizioni civili dell’esercito e vice segretario per l’acquisizione, la logistica e la tecnologia, guiderà la politica e nei prossimi due anni avrà l’obiettivo di rivedere le norme dell’esercito in linea con la direzione. In collaborazione con Army Materiel Command, Army Futures Command e il vice capo dello staff per la logistica, Jette deve anche sviluppare un piano di attuazione dettagliato per la politica e un altro piano specifico per l’ingegneria digitale.

Be the first to comment on "Il segretario della difesa americano Ryan McCarthy a emesso una direttiva a sostegno dell’attuazione dell’uso della stampa 3d militare"

Leave a comment