Il rapporto AMFG 2020 sulla stampa 3d

AMFG pubblica il rapporto 2020 sul paesaggio manifatturiero additivo: abbattere l’industria e guardare al futuro

Oggi, la società londinese AMFG , che fornisce MES e software per il flusso di lavoro per la produzione di additivi industriali (AM) che aiuta le aziende a semplificare e gestire i flussi di lavoro di produzione , ha rilasciato la seconda edizione del suo rapporto annuale Additive Manufacturing Landscape e infografica . Da quando il primo rapporto è stato pubblicato nell’aprile del 2019 , ci sono stati alcuni grandi cambiamenti nel settore AM, tra cui nuovi materiali e tecnologie, investitori e società e nuove applicazioni, tutti elementi che indicano chiaramente che il settore sta continuando a muoversi maggiore industrializzazione.

“Mentre l’inizio del 2020 ha suscitato molte incertezze a livello globale, i progressi nel settore della stampa 3D non mostrano segni di rallentamento”, ha affermato Keyvan Karimi, CEO di AMFG. “In questi tempi straordinari, stiamo assistendo alla continua maturazione della stampa 3D in una tecnologia industrializzata, favorendo la trasformazione digitale”.

L’edizione 2020 di Additive Manufacturing Landscape fornisce alcuni spunti molto importanti sull’attuale mercato AM, abbattendo il panorama attuale della tecnologia e fornendo alle parti interessate del settore e alle aziende manifatturiere alcune osservazioni significative e accorte sulle tendenze che stanno plasmando l’industria, sia quest’anno e nel futuro.

“In un momento di necessità globale, la stampa 3D sta svolgendo un ruolo chiave nel dimostrare la sua capacità di rispondere alla necessità di produzione su richiesta e contribuire ad alleviare l’interruzione della catena di approvvigionamento”, afferma il sommario esecutivo del rapporto. “Oltre a fattori esterni, i nuovi attori continuano ad entrare nel mercato AM, mentre acquisizioni e partnership continuano a imporsi in tutto il settore.”

AMFG ha clienti in una vasta gamma di settori in oltre 25 paesi e, quindi, ha una vasta esperienza da cui attingere nella compilazione di questo rapporto. Un totale di 231 organizzazioni sono state incluse nell’infografica del paesaggio 2020, mostrata sopra, con aziende di hardware, materiali, post-elaborazione e materiali. Tuttavia, poiché questo rapporto si concentra sul lato industriale del settore, le società di stampa 3D di consumo non sono state incluse.

Il rapporto, con 27 pagine, analizza il panorama AM 2020, affermando che i principali “diversi fattori che guidano la crescita del settore” includono gli utenti che si concentrano sulla creazione di chiare applicazioni AM e sul fatto che la tecnologia è ora parte della più ampia tendenza della digitalizzazione in il mondo manifatturiero. Offre inoltre uno sguardo alle tendenze previste per il 2021 e discute alcune delle molte pietre miliari che si sono verificate nel 2019, come:

il lancio del Centro per l’innovazione dei materiali di Jabil
l’annuncio che Orbex aveva prodotto il più grande motore a razzo monopezzo in metallo
la nuova serie 5200 di stampanti HP Multi Jet Fusion 3D
I maggiori investimenti del carbonio
Angel Trains e Stratasys collaborano con componenti di stampa 3D per treni passeggeri
la collaborazione tra Made In Space e CELLINK per sviluppare la tecnologia di bioprinting per lo spazio.

Il white paper tratta approfondimenti sui principali segmenti del settore, con un’intera sezione dedicata ai fornitori di servizi AM e alle piattaforme online. Additive Manufacturing Landscape 2020 dà un’occhiata al tasso di adozione della stampa 3D in tutto il mondo, dal Nord America e dalla regione Asia-Pacifico all’Europa, all’Africa e al Medio Oriente, e presenta alcune osservazioni di esperti di Joseph Crabtree , CEO di Additive Manufacturing Technologies e Scott Dunham , Vice President of Research presso SmarTech Analysis .

“In base al nostro monitoraggio e ai nostri modelli, il 2019 è stato il totale di crescita più basso rispetto a tutti gli anni da quando ho iniziato a fornire servizi di consulenza e ricerca alla comunità additiva nel 2012”, ha affermato Dunham. “Ma mentre non prevedo che nessun mercato sarà totalmente immune dalla litania di impatti negativi di COVID-19, posso vedere che gran parte del mercato della produzione additiva sta effettivamente uscendo da questo per il meglio.”

Alcuni dei principali punti del rapporto includono che il segmento più grande del settore è rappresentato dalle macchine metalliche, che rappresentano il 22,5 percento dell’intero panorama AM e che l’hardware, al 56 percento, è la categoria più ampia. Questa categoria ha un nuovo segmento quest’anno nelle stampanti 3D composite, che sono spesso di nicchia, ma hanno il potenziale per crescere in un mercato più redditizio.

Inoltre, il libro bianco afferma che lo scorso anno sono stati effettuati investimenti per un valore stimato di $ 1,1 miliardi in 77 società AM nella fase iniziale, con i produttori di stampanti 3D che hanno ricevuto il pezzo più grande della torta di finanziamento. Un altro punto importante dichiarato nel rapporto è che la connettività e la collaborazione continueranno ad essere fondamentali per aiutare il frammentato settore manifatturiero degli additivi a consolidarsi in un fronte più unificato.

Be the first to comment on "Il rapporto AMFG 2020 sulla stampa 3d"

Leave a comment