Il prototipo di atomizzatore ad ultrasuoni di Amazemet con tecnologia repowder

L’ERA DELLE POLVERI DI STAMPANTI 3D SOSTENIBILI? AMAZEMET LANCIA L’ATOMIZZATORE ULTRASONICO

L’atomizzatore ad ultrasuoni della società polacca Amazemet è in grado di creare materie prime per stampanti 3D in polvere da una varietà di materiali di origine diversi. Elementi puri, materiale pre-legato, stampe non riuscite e altri rifiuti possono essere facilmente elaborati dal sistema e riciclati in polvere di metallo sottile. Sviluppato per la prima volta nel 2016 presso l’ Università della Tecnologia di Varsavia (WUT), negli ultimi tre anni il team Spinout di Amazemet ha lavorato per perfezionare il processo pronto per la commercializzazione.

Segnando una tappa importante in questo time-to-market, l’azienda ha ora prodotto il suo primo prototipo di atomizzatore per polveri metalliche che è in fase di test presso WUT.

L’idea di Amazemet è nata dal lavoro di Łukasz Żrodowski, scienziato dei materiali presso WUT. Lavorando con DMLS, owsrodowski ha realizzato il potenziale che questo metodo aveva per lavorare con materiali in un modo senza precedenti per l’industria. “Esistono materiali con proprietà straordinarie come il vetro metallico dal quale oggetti solidi tridimensionali sono spesso impossibili da produrre con altri metodi”, spiega Żrodowski, “Questo rende la stampa 3D in metallo non solo un processo di formazione di una forma, ma anche la sintesi di materiali con proprietà migliorate. “

Strutture con pareti sottili e composizioni chimiche perfezionate sono alcuni dei vantaggi che devono ancora essere sbloccati dalla produzione di additivi metallici. Tuttavia, gli scienziati che esplorano queste opportunità devono affrontare una sfida nella fornitura di materiale.

“I metodi tradizionali di produzione delle polveri richiedono elevate spese in conto capitale o una procedura in più fasi per formare il materiale in un filo”, spiega owsrodowski, “In entrambi i casi, non è stato possibile produrre rapidamente una polvere adatta alla stampa 3D su scala di laboratorio . ”La soluzione Amazemet è stata quindi sviluppata per soddisfare le esigenze dei ricercatori.

Piuttosto che altri metodi di uso frequente che sfruttano la potenza del gas o del plasma per la polverizzazione, Amazemet utilizza un processo di atomizzazione ad ultrasuoni. Denominato rePowder, il metodo è in grado di produrre polvere solo nelle quantità (fino a 10 kg / h) specificate a scopo di ricerca. Riciclando materiali usati e di scarto, il metodo riduce anche i costi di produzione quando si utilizza un materiale di origine vergine.

Un ciclo completo di produzione di polvere, ad esempio da una stampa non riuscita a materiale utilizzabile, viene eseguito all’interno di un dispositivo rePowder. Le polveri create possono quindi essere alimentate direttamente a una stampante 3D DMLS per creare un sistema di ricerca e sviluppo a circuito chiuso secondo i principi dell’economia circolare.

Un sistema così innovativo è un requisito necessario per il crescente settore della produzione di additivi metallici. Poiché l’hardware continua a migliorare, i produttori di macchine e i clienti hanno bisogno di materiali ad alte prestazioni per convalidare la tecnologia. La sostenibilità è anche un importante riscontro, soprattutto in settori verticali come quello aerospaziale e automobilistico che hanno pressioni governative e sociali per ridurre la propria impronta.

Amazemet ha ora prodotto un prototipo di dispositivo rePowder che dovrebbe essere utilizzato in un prossimo futuro. Continuando a lavorare all’interno di WUT, i beneficiari immediati del sistema dovrebbero essere altri ricercatori che lavorano nei materiali biomateriali, aerospaziali e funzionali.

Be the first to comment on "Il prototipo di atomizzatore ad ultrasuoni di Amazemet con tecnologia repowder"

Leave a comment