Il progetto residenziale Botswana e la stampa 3d

Progetto residenziale autosufficiente in Botswana per ricevere edifici dalla stampante 3D

Un team di diverse università internazionali e l’HTWG Costanza stanno lavorando insieme in un distretto autosufficiente in Botswana. Le stampanti 3D dovrebbero anche essere usate per una costruzione economica ed efficace del progetto . Presentiamo il progetto in Africa in modo più dettagliato.

HTWG Costanza Una rete di università internazionali, l’Università del Botswana e aziende locali lavorano con studenti e docenti dell’HTWG Costanza in un distretto autosufficiente e sostenibile nel delta del Botswana Okavango, nell’Africa meridionale. Il concetto di design sviluppato sarà realizzato nei prossimi anni, come spiega HTWG sul suo sito web .

Individuare e attuare le esigenze
“Le tue scoperte saranno un elemento fondamentale e confluiranno nelle fasi successive del progetto”, afferma il prof. Michael Bühler. Il gabinetto del Botswana ha già approvato il progetto nell’ambito della strategia nazionale di trasformazione digitale.

La prima cosa da fare è determinare i bisogni locali, la cultura vivente e le normative edilizie, nonché i problemi esistenti nell’ambiente umano.

I futuri residenti del Maun Science Park saranno dotati delle ultime tecnologie e vivranno, ricerceranno e svilupperanno l’interazione ecologica tra le persone e l’ambiente.

Case intelligenti e parti di costruzione dalla stampante 3D
Inaugurazione del Maun Science Park 2019
Il Maun Science Park è stato presentato a giugno 2019 (Immagine © HTWG Costanza).
Sono previste case intelligenti, sistemi fotovoltaici che forniscono elettricità e parti stampate in 3D delle case assemblate in modo modulare. I microfarmaci autosufficienti dovrebbero essere meglio realizzati con questo. Le tecnologie IoT collegano tra loro tutte le unità per consentire sistemi di monitoraggio intelligenti. Questi hanno lo scopo di monitorare se tutte le unità funzionano e lavorano insieme, dal generatore di corrente al trattamento delle acque fino alla produzione alimentare interna, il più neutro possibile in termini di CO2. Ad Austin, in Texas, la stampa 3D di intere case aiuta a dare una nuova casa al 40% dei senzatetto.

Un altro obiettivo è un centro di start-up e ricerca che svilupperà soluzioni tecnologiche e si occuperà delle conseguenze della crisi climatica e dei cambiamenti demografici. Il progetto è integrato nella strategia di internazionalizzazione dell’università. I primi incontri online con l’Università del Botswana e l’HTWG sono previsti per il semestre estivo. Lo scambio personale dovrebbe seguire ed essere incoraggiato.

“I compiti che implementeremo nell’ambito del progetto consentiranno agli studenti HTWG di tenere lezioni e semestri pratici adeguati, nonché di scrivere tesi di laurea o di laurea in inglese. Il lavoro sarà interdisciplinare e interdisciplinare per tutti gli studenti HTWG “, spiega il Prof. Bühler.

Be the first to comment on "Il progetto residenziale Botswana e la stampa 3d"

Leave a comment