Il progetto Nitrous la stampa 3D per aiutare le persone con disabilità in Egitto

Nel 2016, Mohamed El-Hossary e Ahmed Mohsen gestivano un servizio di stampa 3D e un mercato chiamato Etba3ly. Quando hanno deciso di partecipare a una Maker Faire, le cose sono cambiate per loro. Alla fine, El-Hossary ha incontrato Jon Schull, CEO di e-NABLE, che celebra  notoriamente le mani protesiche stampate in 3D per coloro che ne hanno bisogno in tutto il mondo. L’incontro ha fatto capire a El-Hossary e Mohsen che c’erano migliaia di persone in Egitto che avevano bisogno di protesi e non erano in grado di accedervi. Il padre di Mohsen, infatti, possedeva una fabbrica di legno dove i lavoratori talvolta subivano gravi ferite a mani e braccia.

Schull ha sottolineato quanto sia stato facile creare protesi usando l’attrezzatura che El-Hossary e Mohsen avevano già ad Etba3ly. Entusiasti, decisero di aprire una filiale egiziana di e-NABLE, testando la loro prima mano protesica su un ingegnere che si offrì volontario per agire come soggetto di prova. Il dispositivo è stato un successo, ei due fondatori di Etba3ly hanno iniziato a produrre più protesi.

Una volta svelata la notizia di ciò che stavano facendo El-Hossary e Mohsen, organizzazioni come ONG, associazioni di beneficenza e organizzazioni studentesche hanno iniziato a collaborare per sostenere il progetto. Alla fine del 2017, Giza Systems ha riconosciuto il progetto e pochi mesi dopo è nato Project Nitrous , un’organizzazione che supporta e potenzia il lavoro svolto per le persone con disabilità (PwD).

La chiave per Project Nitrous è che abilita le persone con disabilità rendendole parte del processo di sviluppo per i propri dispositivi di assistenza.

“Certo, non tutti vogliono imparare queste competenze e sono interessati ai passi della fabbricazione digitale, ma noi continuiamo a servirli ugualmente”, ha dichiarato l’ingegnere del Progetto Nitrous Islam Mohamed. “Aiutare le persone è solo uno dei nostri due obiettivi”.
Il progetto non è privo di sfide. Si è dovuto occuparsi delle pratiche burocratiche, della legalità e delle importazioni: le stampanti 3D e le forniture utilizzate per il progetto rimangono spesso bloccate in dogana per mesi. Ci sono anche problemi di classe che rendono più difficile per i fondatori raggiungere i bisognosi.

“È sufficiente dire che è già difficile per i PwD attraversare la strada statale per raggiungere i nostri locali, quindi dobbiamo salire nelle nostre auto per prenderli, per non parlare dell’altra residenza e dei problemi logistici che sorgono”, ha detto El -Hossary. “Ahmed Said, uno dei nostri ingegneri, ha dovuto incontrare uno dei PwD in un bar locale perché il trasporto era troppo costoso per il PwD”.
A volte le persone con cui lavora l’organizzazione sono piene di dubbi sul fatto che il Progetto Nitrous possa essere di aiuto a loro.

“Loro [PwDS] hanno promesso innumerevoli volte agli studenti di ingegneria senior che i loro progetti di laurea cambieranno le loro vite, e alla fine il PwD è estremamente deluso e dimenticato da tempo”, ha detto Esraa Mahmoud, lo specialista di Community Outreach. “La maggior parte delle persone alle quali siamo rivolti è scettica sul fatto che possiamo aiutarle. Troppo spesso ci dicono ‘sei come gli studenti di ingegneria senior che affermano di poterci aiutare ma che dimenticano di noi una volta che hanno finito i loro progetti di laurea,’ così capiamo da dove provengono i loro dubbi. ”
A volte ci sono ulteriori problemi di comunicazione quando un portavoce è designato per trasmettere i bisogni di una persona con disabilità.

“Per progettare uno strumento adatto per il PwD, dobbiamo parlare con la persona stessa e ascoltare i loro bisogni di prima mano”, ha continuato Mahmoud. “Non riusciamo a trovare una soluzione se la persona in contatto non ci permetterà di parlare del PwD per il quale stiamo progettando lo strumento.”
Nonostante le difficoltà, tuttavia, le persone del Progetto Nitrous considerano ciò che stanno facendo per essere più che all’altezza.

“Una delle persone con cui lavoravamo ha detto che stava affrontando difficoltà a legare i bottoni della sua camicia proprio prima di lasciare il nostro laboratorio dopo ore di lavoro con lui, quindi senza pensarci troppo, gli abbiamo dato un kit che avevamo già progettato per quella funzione specifica “, ha detto Mahmoud.
Il giorno dopo, l’uomo ha chiamato per ringraziare il Progetto Nitrous e per esprimere la sua gioia.

“Abbiamo cambiato la sua vita aiutandolo a legare i bottoni della sua maglietta”, ha detto Mohamed.
Project Nitrous sta estendendo il suo lavoro in quattro tracce principali:

Creazione di dispositivi di assistenza
Dare alle persone con disabilità le conoscenze tecniche per progettare i propri strumenti
Creazione di un’estensione di avvio del progetto gestita da persone con disabilità
Fornire un programma per gli altri che desiderano avviare attività simili e creare una comunità open source in cui design e strumenti siano accessibili a tutti
Project Nitrous è nato ufficialmente nel febbraio 2018 e finora ha aiutato 23 persone, con 18 progetti aggiuntivi attualmente in corso. Le storie sono varie, ma tutto porta a persone che sono in grado di fare cose che prima non erano in grado di fare, dall’abbottonare i bottoni di una maglietta al ritorno a scuola per continuare l’educazione.

Be the first to comment on "Il progetto Nitrous la stampa 3D per aiutare le persone con disabilità in Egitto"

Leave a comment