Il progetto europeo BARBARA per trasformare i rifiuti alimentari in biopolimeri stampabili in 3D

Il progetto BARBARA, finanziato dall’UE, trasformerà i rifiuti alimentari in biopolimeri stampabili in 3D
11 organizzazioni provenienti da tutta Europa hanno unito le forze per BARBARA, un progetto triennale di ricerca . Con un budget di 2,7 milioni di euro (3,02 milioni di dollari), il progetto cercherà di sviluppare “Biopolimeri con funzionalità avanzate per la costruzione e le parti automobilistiche trattate attraverso la produzione di additivi”.

I membri di BARBARA si riuniscono a Saragozza, in Spagna

“Ba, ba, ba, ba, Barbara Ann,” hanno cantato i Beach Boys nel loro successo di successo “Barbara Ann” del 1965. Fast forward al 2017, e la conversazione si è rivolta a Barbara AM, con un certo numero di organizzazioni europee BARBARA, un nuovo e interessante progetto di produzione di additivi che potrebbe rendere la stampa 3D più verde che mai.

BARBARA (Biopolimeri con funzionalità avanzate per la costruzione di  parti automobilistiche trattate attraverso la produzione di additivi) riunisce 11 partecipanti provenienti da Spagna, Italia, Germania, Svezia e Belgio e coinvolgerà lo sviluppo di nuovi materiali bio-bollati prodotti da rifiuti alimentari o da prodotti  agricoli. Il progetto dura circa tre anni.

L’iniziativa è finanziata dall’Unione Europea nell’ambito del programma di innovazione “Horizon 2020”, che ha anche finanziato  progetti come il consorzio LASIMM affiliato a BAE e la soluzione di occhiali 3D di scansione di Fuel3D. I 2,7 milioni di euro di BARBARA potrebbero sembrare molto, ma Horizon 2020 investe circa  80 miliardi di euro di finanziamenti in vari progetti di ricerca e innovazione entro il 2020.

Gli 11 partecipanti di BARBARA comprendono sia le imprese che le università, con specialisti nei rifiuti alimentari e agricoli, nella costruzione, nell’automotive, nella chimica, nei materiali industriali, nei processi di lavorazione e nella progettazione, nonché nell’efficienza e nel monitoraggio dell’impatto.

Il loro obiettivo? Sviluppare polimeri biodegradabili che possono essere stampati in 3D in componenti  per il settore automobilistico, oltre a stampi, giunzioni e altre strutture che possono essere utilizzate nel settore delle costruzioni.

Nell’ambito del progetto, Acciona Construction, uno degli 11 partecipanti di BARBARA, sta progettando di sperimentare stampi prototipali basati su biopolimeri per i fasci nei suoi laboratori di costruzione. Tali stampi sono spesso usati per costruire ponti, torri, tetti e per strutture portanti che devono essere in grado di assorbire le vibrazioni, buone e cattive.

Gli 11 membri del progetto BARBARA

“I compositi in fibra rinforzata possono offrire un’alternativa efficace alle strutture metalliche tradizionali, poiché sono più leggeri e più resistenti, anche se l’unicità e le specifiche di ciascun progetto richiedono stampi specifici, il che rende il loro uso nelle opere di ingegneria civile problematico”, dice Acciona.

Non solo i biopolimeri stampabili 3D di BARBARA saranno utilizzati per una vasta gamma di settori delle costruzioni e dell’industria automobilistica, ma saranno realizzati anche da risorse disponibili: rifiuti alimentari e sottoprodotti agricoli.

Naturalmente non tutti i rifiuti alimentari saranno idonei per essere trasformati in materiali di stampa 3D, ma parte del progetto comporterà l’identificazione e la selezione dei migliori materiali disponibili per il compito . Dio sa solo quando la stampa 3D sarà vista come un processo produttivo veramente ecologico, ma il successo di BARBARA potrebbe certamente aiutare l’industria a spingere verso questo obiettivo.

I biopolimeri stampabili 3D riciclati che le organizzazioni sperano di sviluppare saranno adatte per la stampa FDM / FFF 3D.

“Il progetto mira alla valorizzazione delle frazioni laterali e dei residui della produzione agroalimentare in nuovi polisaccaridi e additivi funzionali”, hanno scritto i membri della BARBARA nella loro proposta dell’UE. “Queste materie prime sono state selezionate in base alle funzionalità avanzate [che forniscono] alle matrici polimeriche”.

Il progetto di stampa 3D BARBARA sarà coordinato dal Centro Tecnologico Aitiip di Saragozza, in Spagna, dove il gruppo ha recentemente tenuto la sua riunione inaugurale. Non sarebbe bello se il progetto triennale abbia prodotto un metodo efficace per trasformare i rifiuti organici in materiali di stampa 3D? Saremo tenuti d’occhio sul progetto per vedere se è possibile.

Be the first to comment on "Il progetto europeo BARBARA per trasformare i rifiuti alimentari in biopolimeri stampabili in 3D"

Leave a comment