Il progetto Daimler e BMW AutoAdd

I risultati del progetto Daimler e BMW AutoAdd mostrano che la stampa 3D per la produzione di massa nell’industria automobilistica è possibile

Nell’ambito dell’iniziativa di finanziamento ” Catene di processo fotoniche ” del Ministero federale tedesco dell’Istruzione e della ricerca ( BMBF ), diversi partner – due istituti di ricerca e cinque aziende, per essere precisi – si concentrano sulla stampa 3D nel settore automobilistico . Il progetto di ricerca “Integrazione dei processi produttivi addizionali nella produzione di serie automobilistiche – AutoAdd” è coordinato da Daimler AG e le sue scoperte mostrano che integrando in modo olistico il processo di fusione a letto laser a polvere metallica (LPBF), noto anche come SLM e DMLS, sviluppato a l’ Istituto Fraunhofer per la tecnologia laser (ILT)  nella produzione di serie automobilistiche, i costi unitari possono andare giù.

Il BMBF ha lavorato su diversi progetti al fine di promuovere il collegamento intelligente di processi di produzione basati su fotoni, come la stampa 3D di metalli, come mezzo per produrre prodotti complessi o individualizzati. Il suo scopo è quello di creare progetti di produzione ibridi concettuali e flessibili, che possano quindi essere utilizzati per scopi di produzione. Tuttavia, su tutti e 14 i progetti comuni dell’iniziativa di finanziamento, iniziata nel 2015 e conclusasi a maggio, AutoAdd dovrebbe rendere più semplice l’utilizzo della stampa 3D nell’industria automobilistica in soli tre anni.

Oltre a Fraunhofer ILT e Daimler, i partner del progetto AutoAdd includono:

BMW
GKN Sinter Metals Engineering GmbH
Istituto di tecnologia di Karlsruhe (KIT)
Netfabb GmbH
TRUMPF Laser- und Systemtechnik GmbH

Questi partner stanno lavorando per ridurre i costi unitari integrando la catena di processo LPBF nell’ambiente di produzione di massa automobilistico, al fine di sviluppare una nuova catena di processo ibrida. Daimler e il BMW Group hanno lavorato insieme per definire i requisiti necessari per la nuova catena di processi additivi, quindi Fraunhofer ILT e TRUMPF hanno utilizzato la catena per creare una varietà di progetti concettuali di progettazione e finitura per la stampa 3D.

Oltre a un’architettura di sistema modulare che consente l’utilizzo di un “principio cilindrico intercambiabile” e più sorgenti di raggio, sono stati creati progetti ottici potenzialmente pronti per la produzione. I partner AutoAdd hanno anche analizzato i nuovi materiali scalabili di GKN, oltre a creare alcuni promettenti concetti di post-elaborazione che potrebbero essere automatizzati, come la rimozione della struttura di supporto.

KIT è stato il partner che ha finito per valutare questi nuovi progetti di fabbrica.

Secondo un comunicato stampa di Fraunhofer ILT, “Usando un modello di simulazione, gli ingegneri dell’Istituto wbk per le scienze della produzione hanno visualizzato una catena di processi esemplare, convenzionale, nella quale erano in grado di progettare vari possibili concetti di impianto LPBF. Con metodi come analisi dei costi o dei benchmark, sono stati in grado di confrontare i nuovi approcci dal punto di vista tecnico ed economico con quelli precedenti. ”
Registrazione a lungo termine dell’esposizione del contorno durante la stampa 3D di una mola. [Immagine: MTU Aero Engines AG]
Ci sono stati diversi effetti positivi derivanti dal progetto da 3,37 milioni di euro, almeno in termini di accademici. C’era abbastanza contenuto utile da AutoAdd per alimentare quattro dissertazioni separate e questa conoscenza può essere utilizzata anche per le lezioni in futuro. L’anno prossimo verrà lanciato un nuovo progetto, parzialmente basato sui risultati di AutoAdd, incentrato sull’integrazione di linea della stampa 3D per “implementare la catena di processo additiva progettata”.

I risultati del progetto congiunto sono interessanti e impressionanti, a dimostrazione del fatto che è effettivamente possibile ottenere una produzione di massa additiva. Ad esempio, l’intera catena di processo può essere automatizzata, rendendola più efficiente ed economica, in quanto il team ha scoperto che i cilindri modulari e i bagni di immersione chimico-bagnati sono modi efficaci per rimuovere, in sequenza, i componenti durante la post-elaborazione. Inoltre, i partner del progetto AutoAdd hanno sviluppato metriche comuni per la valutazione delle apparecchiature di produzione LPBF, che possono essere utilizzate per identificare i produttori di apparecchiature più diffuse per un esercizio di benchmark su larga scala.

“Usando processi di benchmark standardizzati con diversi campioni di test, gli utenti industriali possono ora calcolare le cifre chiave trasferibili con le quali saranno in grado di trovare il sistema più economico per i loro scopi”, ha osservato il comunicato stampa.
Uno dei punti più importanti , se non il più importante, necessario al team di AutoAdd per rendere la stampa 3D pronta per la produzione in serie era la capacità di riprodurre le proprietà meccaniche. I partner hanno compiuto un importante passo fondamentale dimostrando e valutando questa funzionalità in più strutture, dimostrando che è possibile integrare una catena di processi di additivi economici nella produzione di massa automobilistica.

Be the first to comment on "Il progetto Daimler e BMW AutoAdd"

Leave a comment