Il Progetto AME, il primo escavatore stampato in 3D del mondo presentato al ConExpo 2017

I visitatori che questa settimana si recano al  CONEXPO-CON / AGG e IFPE 2017 sono in grado di vedere i risultati del Progetto AME (Additive Manufactured Excavator), il primo escavatore stampato in 3D del mondo, che è stato sviluppato presso l’Oak Ridge National Laboratory (ORNL) a Knoxville, in Tennessee .

Coloro che amano stare al passo con le notizie della  stampa 3D costruzione hanno già sentito parlare del Progetto AME. Già nel giugno dello scorso anno, abbiamo riportato che un gruppo di studenti della University of Illinois aveva vinto un concorso per la progettazione della cabina (la sezione in cui il conducente siede) di un escavatore stampato in 3D, che era già in fase di sviluppo. ORNL era così soddisfatto di AME (e della sua cabina stampata in 3D), che ha suggerito che poteva essere utilizzata per costruire una colonia su Marte. L’escavatore stampato in 3d completato ora è stato mostrato al pubblico per la prima volta alla fiera  CONEXPO-CON / AGG, di Las Vegs

Il Progetto AME è stato sviluppato pressogli Oak Ridge National Laboratory della Manufacturing Demonstration  a Knoxville, in Tennessee. E ‘costituito da tre componenti principali: La  cabina stampata in 3d  in cui l’operatore si siede, progettata dagli studenti della Università dell’ Illinois a Urbana-Champaign. Utilizzando il sistema della Cincinnati Incorporated Big Area Additive Manufacturing system di ORNL , la cabina è stata stampato in sola cinque ore con la fibra di carbonio rinforzata in plastica ABS. Pi è stato stampato il braccio meccanico ( un grande braccio articolato idraulicamente) dell’escavatore, che è lungo sette piedi e pesa 400 libbre. E ‘stato stampato interamente in acciaio a basso costo sulla stampante Wolf Robotics al Wolf Pack in soli cinque giorni. Infine lo scambiatore di calore in alluminio di 13 libbre, che è stato stampato in 3D interamente sulla stampante a base di polvere 3D Concept Laser X-line 1000.

L’idea di AME, l’escavatore stampato in 3d, è nata quando i membri del CCEFP  hanno visitato ORNL nel 2014 e ha visto una macchina 3D stampata in mostra. Ispirata a quella opera di ingegneria, i membri del CCEFP hanno discusso la possibilità di utilizzare la produzione di additivi per il proprio progetto . ORNL ha lavorato con “numerosi partner nel settore industriale, il governo, e il mondo accademico” per portare il progetto a buon fine, mentre un consorzio di gruppi di ricerca che fanno parte del CCEFP ha contribuito alla progettazione e alla realizzazione.

L’escavatore stampato in 3D è progettato per mostrare come più processi di stampa 3D, plastica e metallo, possono essere utilizzati in combinazione per produrre macchine di alta qualità per il settore delle costruzioni. Ma la macchina non è un “concetto” semplice: la macchina è usata per scavare in fiera  e continuerà a farlo durante tutta la manifestazione. “La bellezza di un progetto di queste dimensioni è che mette insieme molte persone intelligenti a lavorare su una serie di sfide, per realizzare un obiettivo comune”, ha commentato Lonnie Love, leader del Manufacturing Systems Research Group di ORNL.

L’escavatore è stato sviluppato congiuntamente dalla Associazione dei produttori di apparecchiature (AEM), Fluid Association National Power (NFPA), il (CCEFP), l’Oak Ridge National Laboratory (ORNL), e la National Science Foundation ( NSF). Il progetto è stato finanziato dalla Presidenza del DOE per l’ efficienza energetica e le energie rinnovabili.

Be the first to comment on "Il Progetto AME, il primo escavatore stampato in 3D del mondo presentato al ConExpo 2017"

Leave a comment