Il problema DreamLab col Covid 19 coronavirus

Stampa 3D e COVID-19: DreamLab sotto inchiesta a causa di reclami dei clienti

Sebbene molte operazioni di produzione additiva possano sembrare in piena espansione all’inizio della primavera, il 2020 si sta rivelando un brutto anno per DreamLab Industries . Questo è vero per molti individui e aziende negli Stati Uniti, con decine di milioni che combattono la disoccupazione e le sfide imprenditoriali dovute alle ricadute della pandemia COVID-19; tuttavia, sembra che DreamLab possa aver causato problemi a se stesso a causa di errori di calcolo nelle loro capacità di produrre.

La società di stampa 3D di Traverse City, Michigan, è ora oggetto di indagine non solo dal Better Business Bureau, ma anche dal Procuratore generale del Michigan e dal Federal Bureau of Investigation. I reclami hanno iniziato a circolare già a maggio, a quanto pare, dopo che DreamLab, gestito dal CEO Brandon Williams, non è riuscito a dare seguito agli ordini e potrebbe anche aver consegnato prodotti difettosi.

Unendosi a una manciata di altre aziende che fanno perno dalle loro normali attività di stampa 3D alla fabbricazione digitale di dispositivi di protezione personale e altri articoli correlati a COVID-19, comprese parti di ventilatori e adattatori per apparecchiature respiratorie, DreamLab ha interrotto la normale produzione di attrezzature per macchine stampate in 3D per iniziare la stampa 3D maschere per il viso a marzo.

I documenti sono stati citati in giudizio da DreamLab tra le accuse che potrebbero essersi effettivamente rappresentati in modo errato dicendo ai clienti che avevano certe approvazioni, offerto false dichiarazioni e fatto pubblicità false. Il procuratore generale ha anche affermato di non essere riuscito a “fornire merci ai clienti in modo tempestivo”.

Ancora peggio, Williams ha ammesso che il collegamento sul suo sito Web che consente ai clienti di donare agli operatori sanitari è stato effettivamente utilizzato per pagare più materiale per stampare maschere. Ha affermato che quei fondi sono stati restituiti a clienti che pensavano di fare donazioni valide.

L’FBI ha già parlato con Williams, che ha recentemente affermato che il tentativo di “scalare troppo velocemente” è ciò che ha portato ai problemi dell’azienda.

DreamLab era la stampa 3D di maschere per il viso durante la pandemia COVID-19.

“Eravamo solo in ritardo sulla spedizione dei prodotti”, ha detto Williams in una recente intervista . “Non ci sono affatto frodi. Abbiamo lottato per tenere il passo con la domanda e non siamo riusciti a ottenere i materiali in tempo “.

Williams ha anche sottolineato che, poiché gli ordini hanno iniziato ad arrivare così rapidamente, non c’era tempo per organizzarsi adeguatamente o condurre la quantità di ricerca e sviluppo che avrebbe potuto essere normalmente richiesta nei tempi pre-COVID. Alcuni clienti hanno riferito di aspettare mesi (invece dei sette-dieci giorni promessi) per le loro maschere stampate in 3D, che poi sono arrivate ed erano inutilizzabili, con difetti come spaccature nel mezzo.

Il CEO di DreamLab ammette che le prime maschere che hanno inviato mancavano, ma che il secondo lotto era “anni luce avanti”. Sembrerebbe che qualsiasi miglioramento nei materiali sia stato troppo piccolo e troppo tardi, tuttavia, poiché DreamLab ha dovuto smettere di prendere ordini e Williams è ora lasciato a produrre richieste più piccole di maschere da solo dopo aver licenziato la sua squadra.

“Guido ancora la stessa macchina. Sono tutti licenziati. Non abbiamo fatto un omicidio. Eravamo davvero là fuori per cercare di fare la cosa giusta “, ha detto Williams. “Non c’erano cattive intenzioni di sorta. Nessuno guida una Lamborghini. “

Be the first to comment on "Il problema DreamLab col Covid 19 coronavirus"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi