Il problema dei pezzi di ricambio per le stampanti 3d desktop

Dai giorni inebrianti di RepRap alle attuali stampanti da $ 200, centinaia di aziende hanno cercato di sviluppare e vendere stampanti 3D. Altre centinaia hanno rivenduto stampanti 3D o realizzato filamenti. Tuttavia, è stata prestata poca attenzione imprenditoriale al mercato post-vendita della stampa 3D. Perché sono stati fatti così pochi sforzi nel mercato post-vendita della stampa 3D? Cosa sta succedendo e quali sono le opportunità?


Ci sono molti venditori che offrono ugelli e altri pezzi di ricambio su AliBaba e altre piattaforme. Non è stato facile trovare fornitori in grado di adattarsi alla produzione degli ugelli in ottone inizialmente utilizzati dalle stampanti desktop. Vi erano, tuttavia, moltissime officine e produttori che disponevano delle giuste attrezzature per la tornitura e la fresatura per produrre ugelli e testine morbide come il burro a basso volume.

Ciò significava che le aziende nel mezzo di un folle iper-ridimensionamento, come Ultimaker , Prusa e Makerbot , potevano inizialmente scoprire i fornitori, ma trovavano difficoltà a trovare aziende che potevano servirli quando facevano centinaia o migliaia di unità. Queste aziende e altre, quindi, si sono concentrate sull’espansione sviluppando nuove stampanti. Gli OEM in più rapida crescita stavano dimenticando le attività relative ai materiali di consumo e ai pezzi di ricambio o valutando i punti caldi in modo eccessivamente elevato per riflettere i fastidi nella loro catena di approvvigionamento. Ciò ha permesso a molte aziende di entrare nel mercato. Ciò ha portato a un mercato un po ‘frammentato con molti concorrenti casuali ma pochi giganti. Nel settore della sostituzione diretta, pochi sono stati in grado di fare soldi o marchi seri.


Il business più bello del mondo era mendel-parts.com . È stato avviato da un ingegnere idealista che voleva produrre vitamine per stampanti 3D e tutte le esigenze accessorie ordinarie e poco costose. Anche RepRapSource e altre aziende sono state avviate vicino alla comunità e lontane dai piani aziendali. Entrambi i siti e molti altri simili non funzionano al momento.

Questi siti offrivano tutte le parti necessarie per le vostre stampanti. Finora, tuttavia, i rivenditori e le nuove parti di ricambio a basso prezzo di OEM o fornitori di Alibaba hanno mangiato presso le società un tempo centrali di parti di ricambio pure-play. I rivenditori online che hanno offerto tutti i tuoi materiali di consumo ed elettronica sono stati soppiantati per lo più ora. Considerando che si potrebbe forse supporre che sarebbe ragionevolmente possibile avviare un’attività di ricambi simile a Sparkfun , queste opportunità sono state finora sfuggenti. Si potrebbe pensare che ci sarebbe un enorme valore per una “Volkswagen” di materiali di consumo e pezzi di ricambio per la stampa 3D, ma nessuno ha ancora decifrato la formula per questo.

Una ditta che ha decifrato il codice segreto per avere successo nei pezzi di ricambio è E3D . Deve essere molto più che orsetti gommosi (inclusi nelle spedizioni E3D ai clienti) che hanno portato l’azienda con sede nel Regno Unito a questo punto. Anche se le ricerche di mercato hanno dimostrato che l’invio di orsetti gommosi insieme ai tuoi prodotti è un indicatore affidabile per il successo nella stampa 3D.

Stranamente situato nell’Isola di Wight e avviato da insegnanti, E3D è un business fuori dal comune, perfettamente adatto a un settore fuori dal comune. Ha iniziato in modo molto simile ad altre società di tornitura a caldo, ma presto ha iniziato in modo univoco a progettare i propri ugelli e estremità calde. La squadra di pollaio inchiodata ha rapidamente entusiasmato la comunità con progetti a valore aggiunto che hanno sovraperformato le apparecchiature fornite con le loro stampanti. È davvero folle che le aziende che realizzano milioni di entrate possano essere sovraperformate da tre ragazzi in un capannone che costituisce l’unica parte critica dei loro dispositivi.

E3D ha consolidato il suo vantaggio in seguito con l’ ugello V6 in metallo molto copiato e molto spedito che ha anche iniziato a vendere direttamente agli OEM, in particolare Prusa. L’azienda ha quindi ampliato la sua gamma per diventare un rivenditore molto più ampio di filamenti, estrusori, parti calde, elettronica e pezzi di ricambio.

Considerando che le società di sportello unico hanno replicato le parti esistenti e le hanno vendute, E3D progetta, innova e progetta assemblaggi complessi e li rende perfetti. La compagnia è raccomandata quasi universalmente dalle persone della comunità; le persone apprezzano il loro servizio clienti e pensano di fornire un buon rapporto qualità-prezzo. Ci concentriamo così spesso sulla visione e sull’innovazione nella stampa 3D che dimentichiamo che il primo è il desiderio dell’orso che vuole andare in bicicletta, e in seguito l’orso è il primo a guidare una bicicletta. In nessuna parte di quella formazione c’è l’abilità fondamentale di imparare e lavorare sodo per migliorare te stesso. Eppure, nella vita aziendale, è il miglioramento continuo, la capacità di rotolare con i pugni e l’umore di stare al passo che consente ad alcuni di vincere contro altri. È questo che E3D ha in serbo. Talento, energia,

Alcune aziende hanno cercato di sciare sulla scia di E3D con Olsson Nozzle e Bondtech , entrambi esempi di progetti e innovazioni che sono stati coltivati ​​dalla comunità. Ugelli facili da sostituire, prestazioni migliori con materiali abrasivi e capacità di stampare materiali flessibili sono state alcune delle maggiori sfide della stampa 3D.

Con gli OEM focalizzati sull’ottenere il kit fuori dalla porta, i problemi quotidiani della stampa sono stati ignorati. Soprattutto con gli utenti esperti: la commutazione degli ugelli o degli zoccoli è stata una seccatura. L’aumentata usura dei materiali riempiti di metallo e di fibra di vetro / fibra di carbonio che ha reso un ugello l’ultima bobina e le configurazioni Bowden con desideri in TPU stavano limitando anche la comunità.

Le soluzioni che andavano oltre ogni singolo utente e che spesso utilizzavano un accesso alla produzione che gli utenti non riuscivano facilmente a trovare. Finora, queste aziende si sono avvicinate ai loro prodotti iniziali e non sono riuscite a ripetere il volume o il successo più ampio di E3D. Una nuova generazione di aziende come la canadese Dyze Design sta realizzando unità di estrusione complesse orientate alle prestazioni per la produzione, ugelli per applicazioni ad alta usura e ugelli ad alta temperatura per un mercato emergente ad alta temperatura. Dyze non si concentra sul desktop in sé ma molto di più sulla produzione industriale mediante FDM.

Lo strumento di rimozione Spatula di BuildTak è un esempio della sua estensione di prodotto.

La mia attività di stampa 3D preferita è quella persona che vende fogli PEI su Amazon. Sapevamo che i fogli PEI funzionavano; dopotutto, le persone che usano le apparecchiature Stratasys le usano già da un po ‘, ma nessuno ha notato l’opportunità. Le persone hanno avuto successo nella stampa su FDM desktop con fogli PEI, ma nessuno voleva o poteva acquistare un intero rotolo. Una persona l’ha fatto e voglio solo abbracciarli e, COVID permettendo, fare il giro dei presepi MTV a casa loro.

Ricordo di aver pensato se forse dovessi anche comprare un rotolo di PEI e poi ritagliarne dei fogli di dimensioni di piattaforma. Veloce: provare a creare un’attività più semplice come tagliare qualcosa su misura e venderlo? Ho deciso di no, dopotutto, non sarebbe un affare difendibile, e sicuramente tutti lo farebbero prima o poi. Anni dopo, mi sbagliavo. A volte altre persone che non trovano la tua attività abbastanza interessante sono solo il “fossato” di cui hai bisogno. Buildtak è un esempio di un’azienda che è andata oltre e ha risolto un problema chiave nell’FDM desktop, l’adesione del letto attraverso i propri fogli. Mentre BuildTak ha successo, è di nuovo relativamente limitato, sebbene si sia spostato in lastre flessibili e altri prodotti.

Nuove opportunità
Ci sono nuove potenziali opportunità all’orizzonte, tra cui lastre flessibili o altre piattaforme di costruzione. Gli OEM stanno innovando qui nell’offrire diversi vetri o rivestimenti al momento, ma nessuno deve ancora offrire un set di lastre che offrono un’adesione ottimale. Le soluzioni di raffreddamento premium stanno diventando parte di alcune offerte ma potrebbero avere più potenziale. Ho creduto a lungo che un kit di strumenti per la stampa 3D con le pinze, i cacciaviti e i raschietti giusti potesse essere un prodotto meraviglioso e stanno emergendo.

Con l’attuale boom dello SLA, nuove opportunità nelle resine SLA dirette al consumatore offriranno anche opportunità a pochi eletti che sanno cosa sono i dong. Anche i rivenditori specializzati a valore aggiunto che personalizzano le stampanti 3D per la produzione sono qualcosa in cui credo, ma ne vedo scarse prove. Esistono numerosi rivenditori specializzati per l’istruzione e le persone che hanno cercato di personalizzare le loro offerte per un particolare verticale; questo ha ancora un potenziale sostanziale non soddisfatto. Nel complesso, l’approccio donchisciottesco di E3D sembra essere quello che funziona con una combinazione di innovazione, esecuzione negli affari ed essere simpatico, permettendo loro di governare il mercato post-vendita della stampa 3D.

Be the first to comment on "Il problema dei pezzi di ricambio per le stampanti 3d desktop"

Leave a comment