Il primo Testlab Industry 4.0 della Swinburne University of Technology in Australia

Organizzazioni come la  Swinburne University of Technology in Australia sanno che la collaborazione è importante quando si tratta di sviluppare innovazioninel campo della stampa 3D. Due anni fa, l’università ha collaborato con altre tre organizzazioni per  creare un centro di ricerca manifatturiera congiunto nella provincia cinese di Shandong.

Ora, come parte della ricerca sul processo di produzione digitale, sta lavorando con diversi nuovi partner per creare il primo Testlab Industry 4.0 al mondo per la produzione di carbonio composito.

“Swinburne, con i nostri partner, guiderà il mondo nella fornitura di soluzioni di produzione digitale per garantire il posto dell’Australia nel redditizio mercato dei prodotti intermedi”, ha affermato la professoressa Bronwyn Fox, direttore del Manufacturing Futures Research Institute di Swinburne .

Il punto focale di Industry 4.0 Testlab sarà il primo approccio multistrato su scala industriale alla stampa 3D di materiali compositi in fibra di carbonio, che sarà in grado di produrre parti commerciali realizzate con il materiale per meno rifiuti, meno costi e una migliore capacità di produzione.

L’esclusiva tecnologia di stampa 3D multistrato, che Swinburne utilizzerà per la realizzazione del primo materiale Testlab Industry 4.0 in Australia, è stata sviluppata secondo le specifiche dell’università dalla società di ingegneria austriaca Fill , un’impresa familiare fondata nel 1966.

I materiali compositi in fibra di carbonio offrono numerosi vantaggi: i materiali ingegnerizzati possono essere utilizzati per fabbricare prodotti intelligenti e offrono una flessibilità infinita quando si tratta di progettare. Tuttavia, a causa dell’elevato costo del lavoro e dei limiti di velocità di produzione, è difficile produrre volumi elevati di materiale su scala commerciale. Ecco perché Swinburne sta lavorando con un fornitore e tre produttori di apparecchiature, al fine di, come dice l’università, “dimostrare la produzione di parti commerciali effettive in una linea pilota integrata”.

Il professor Aleksander Subic, vice-presidente di Swinburne (Research), ritiene che i materiali di prossima generazione, come questi materiali compositi 3D in fibra di carbonio, siano al centro del nuovo Testlab Industry 4.0 dell’Università, nonché della sua Fabbrica del futuro , che presenta uno studio di visualizzazione e progettazione 3D ed è stato digitalizzato di recente grazie a una sovvenzione di digitalizzazione industriale da  135 milioni di dollari da parte di Siemens,  rilasciata nell’agosto 2017. La sovvenzione sarà utilizzata anche per aiutare a sviluppare il Testlab di Industria 4.0.

Il professor Subic ha spiegato: “Al fine di rendere i prodotti ad alto valore aggiunto da tali materiali accessibili per la produzione su scala in Australia, stiamo sviluppando tecnologie e processi che hanno il potenziale di distruggere e trasformare le industrie manifatturiere e infrastrutturali.

“La partnership con Fill (Austria) è di particolare importanza per la nostra strategia in quanto ci consente di introdurre nel nostro laboratorio una forma unica di tecnologia di stampa 3D per prodotti compositi e di automatizzare completamente il processo.

“Nella fase finale, digitalizzeremo il laboratorio attraverso la nostra partnership strategica con Siemens e la sovvenzione di digitalizzazione industriale di $ 135 milioni concessa a Swinburne alla fine dello scorso anno.

“Questo sarà il primo impianto pilota completamente operativo di Industry 4.0 nel suo genere al mondo, offrendo opportunità educative e di ricerca uniche ai nostri studenti, al personale e ai partner del settore.”

L’intero processo, che includerà l’erogazione e la polimerizzazione della resina e il processo multistrato di Fill, sarà interamente controllato digitalmente.

La professoressa Fox ha dichiarato: “Con i nostri partner industriali creeremo un gemello digitale del processo e spingeremo i confini della messa in servizio virtuale”.
La professoressa Fox ha anche affermato che il nuovo Testlab Industry 4.0 dell’Università darà ai produttori australiani l’accesso alle ultime tecnologie all’avanguardia, come la stampa 3D.

“L’Advanced Manufacturing Growth Center (AMGC) ha riportato che il 41% dell’economia globale si trova nel mercato del prodotto intermedio, eppure l’Australia attualmente ne detiene meno dell’uno per cento”, ha spiegato la professoressa Fox.

“Questo rappresenta un’opportunità significativa per le PMI australiane e grazie alle nostre collaborazioni internazionali Swinburne’s Industry 4.0 Testlab collegherà attivamente le PMI australiane alle catene globali del valore come stiamo già facendo con il nostro partner Imagine Intelligent Materials”.

“Attraverso la nostra partnership con gli OEM globali abbiamo identificato che la vera opportunità per l’industria australiana non è nelle materie prime, ma nella progettazione digitale, nella simulazione e nella produzione di prodotti ad alto valore aggiunto”.
Secondo la Professoressa Fox, Swinburne sta lavorando anche con la progettazione di prodotti automobilistici e con il produttore di parti Mulitmatic  per l’Industry 4.0 Testlab dell’università e il nuovo processo di stampa 3D multistrato. Insieme, i due svilupperanno un nuovo prodotto a prezzi competitivi per l’industria automobilistica, oltre ad aumentare il numero di opportunità per i processi produttivi.

Be the first to comment on "Il primo Testlab Industry 4.0 della Swinburne University of Technology in Australia"

Leave a comment