Il Piano Nazionale del governo della Cina per la stampa 3d

‘Piano nazionale’ svela governo cinese per lo sviluppo del settore della stampa 3D

Luo Jun segretario generale dello sviluppo della stampa 3d cinese e Romano ProdiSappiamo che il governo cinese è particolarmente interessato alla tecnologia di stampa 3D.  Dopo tutto ha  promosso vari esperimenti di stampa 3D innovativi in passato, e  ha  fatto e sta  facendo molto per lo sviluppo del settore della stampa 3D cinese. Basta guardare il loro recente esperimento di inserire le stampanti 3D su navi da guerra, per la produzione su misura parti di ricambio in situazioni di emergenza.

Ma ora il governo cinese sta affrontando le cose ad un livello completamente diverso. Per il Ministero cinese dell’Industria e dell’Information Technology (MIIT), ha appena presentato il loro ‘Piano nazionale’ per la stampa 3D.

O per dare il suo nome completo, ‘Additive Manufacturing Industry Promotion Plan del Paese 2015-2016’. Come suggerisce il titolo, questo piano mira a sviluppare la produzione additiva (o semplicemente la stampa 3D) e il sistema industriale entro il 2016. Il ‘Plan’ presenta una serie di pilastri principali, come ad esempio in che modo le imprese cinesi possano tenere il passo con il livello generale di tecnologia del mercato internazionale della stampa 3D, raggiungendo il livello internazionale della stampa 3D più avanzatoper il settore aerospaziale e per altre industrie di alto livello, e conquistando e mantenendo una larga fetta del mercato internazionale della stampa 3D.

E ‘ quindi un piano ambizioso, ma il fatto che il governo si impegna su questo fronte  della tecnologia di stampa 3D la dice lunga sul ruolo percepito nella produzione di nuova generazione. “Ancora più importante, il” Piano “aumenterà la fiducia di tutti. Prima del ” Piano ” , la stampa 3D si basava sulla promozione privata e su molto volontariato, ma ora il governo sta promuovendo lo sviluppo della stampa 3D, e rafforzerà la fiducia tra i player cinesi,” Questo è quanto dichiarato da Luo Jun,  segretario generale del World 3D Printing Technology Industry Alliance.

Concentrandosi sullo sviluppo del trasporto aereo e industria medica

Come risulta evidente dalla ‘Piano’, l’industria della stampa cinese 3D mirerà a raggiungere un tasso di crescita dei ricavi delle vendite di oltre il 30% all’anno e cercherà di promuovere due o tre aziende di stampa 3D con un alto livello di competitività internazionale. Per quanto riguarda le industrie pesanti, si porrà l’accento sullo sviluppo di tecnologie di stampa 3D come un importante mezzo di produzione e riparazione  . Come parte di questo sviluppo, saranno stabiliti applicazione e dimostrazione centri in tutta la Cina, concentrandosi sulla R & S per le applicazioni mediche, gli strumenti e le procedure. Si spingono i settori medicali, aerospaziali, automobilistici, culturali e biomedici .

Queste applicazioni dell’ industria pesante richiedono anche lo sviluppo di produttori nazionali di lega di alta qualità di titanio, acciaio ad alta resistenza, e anche ad alta temperatura e ad alta resistenza  inoltre allo sviluppo di una ingegneria delle materie plastiche più avanzata entro il 2016, al fine di garantire che gli obiettivi possano essere raggiunti. Come Luo Jun ha spiegato: “Nel campo dei materiali, sempre più aziende saranno coinvolte, la disponibilità di diversi tipi di materiali sarà aumentato in modo significativo, mentre i costi sono suscettibili discendere in modo rilevante nei prossimi tre-cinque anni.”

Allo stesso tempo, il ‘Piano’ si propone inoltre di promuovere con forza il settore della difesa nell’applicazione e l’uso della stampa 3D per i componenti metallici in campo aerospaziale.  Sono attesi anche nuove  politiche e nuove normative in materia di stampa 3D  nei dispositivi medici, nei settori quali la classificazione, la validazione , la clinica, la registrazione del prodotto e l’accesso al mercato.

Industria nazionale prevede l’attuazione di norme dettagliate

Ma un tale sviluppo su larga scala non può funzionare senza misure politiche adeguate, e quindi il ‘piano’ mira inoltre a rafforzare il coordinamento, aumentare gli sforzi di sostegno fiscale per i canali di investimento e di finanziamento nel mondo della stampa  3D, così come la facilitazione nella formazione scolastica e la espansione della cooperazione internazionale. Come parte di questi sforzi, il ‘Piano’ afferma anche che incoraggia “le imprese di stampa 3D di alto livello ad accedere ai mercati internazionali e di emettere strumenti di finanziamento del debito  per finanziare direttamente se stessi.”

Come parte di questo sforzo il Programma Nazionale si prenderà cura del sostegno fiscale per lo sviluppo della tecnologia di stampa 3D. Gli sforzi del governo per ampliare i canali di investimento e di finanziamento consistono anche nella distribuzione di una guida politica per le imprese e dei mercati per incoraggiare le imprese e le istituzioni finanziarie e i fondi di capitale sociale da investire nelle industrie di stampa 3D. Banche e istituti finanziari saranno incoraggiate ad aumentare il sostegno del credito alle imprese di stampa 3D.

Anche se questo suona molto promettente, gli addetti ai lavori sono scettici sulla sua attuazione. Una fonte anonima ha detto che “questo è solo un periodo di due anni per promuovere il programma con misure a livello macro. In pratica, manca di piani specifici, per esempio  la politica di bilancio necessaria per sostenere l’industria.”(almeno è quello che sperano gli americani)

Industria della stampa 3D incoraggiati a concentrarsi sulla collaborazione

Mentre è ottimista sul futuro della stampa 3D in Cina, Luo Jun ha anche sostenuto che le aziende di stampa 3D devono essere realistiche circa la loro posizione sul mercato. “La stampa 3D non è una forte tecnologia alternativa. Essa, pertanto, non può seguire i modelli di sviluppo di industrie manifatturiere tradizionali per produrre solo attrezzature e vendere le attrezzature,” Luo Jun sostiene che i produttori di apparecchiature di stampa 3D,i fornitori di materiali e i fornitori di servizi devono stabilire alleanze strategiche per formare una comunità di interessi. Allo stesso tempo, si dovrebbe cercare di integrare le capacità nell’elaborazione di enormi moli di dati, del cloud computing,del networking, della robotica e di altre tecnologie avanzate con  i materiali intelligenti e con la tecnologia di intelligenza artificiale, per consentire lo sviluppo e la crescita comune.

Mentre il ‘Piano’ si concentra quindi sui mercati industriali, Luo Jun ha inoltre sostenuto che egli ritiene che molte imprese manifatturiere di macchine da casa  e anche gli investitori stranieri gradualmente spingeranno  verso lo sviluppo e la produzione di stampanti 3D industriali. Nei prossimi anni il mercato biomedicale ha il maggior potenziale, dove – Luo Jun crede – un grande passo avanti sarà realizzato nei prossimi tre anni  . Applicazioni culturali e creative devono ancora essere definite , nel frattempo, mancano di focus  . Il settore delle costruzioni, per esempio, mentre è molto potente, per la stampa 3d attualmente siamo ancora solo al campo della notizia.

Come ha detto Luo: “A partire dal 2015, l’industria della stampa cinese 3D è entrata in una fase di rimescolamento completo è in  circa tre anni, la struttura del mercato inizierà a  regolarsi e ad  espandersi  Fusioni e acquisizioni non devono  quindi essere viste come dei drammi”

In breve, il ‘Piano’ è  ambizioso, ma un po ‘vago circa la sua attuazione pratica.  Ma la forza di propulsione della Cina è così forte che probabilmente cambierà ancora una volta lo scenario mondiale.

Be the first to comment on "Il Piano Nazionale del governo della Cina per la stampa 3d"

Leave a comment