Il Padiglione a Nashville di Branch Technology e Techmer PM

Branch Technology è stata al centro dell’attenzione per alcuni anni , da quando ha introdotto la sua tecnologia brevettata Cellular Fabrication, o C-Fab. Il motto dell’azienda è “Build Like Nature” e prende ispirazione dal modo in cui la natura fabbrica per creare le sue mura forti. La sua stampante 3D utilizza un grande braccio robotico per costruire forme libere nello spazio aperto, che gli consente di creare strutture imponenti come gli edifici.

Branch Technology ha lavorato con Techmer PM , un produttore di coloranti e additivi polimerici, in passato; le due aziende si sono unite per la NASA 3D Printed Habitat Challenge e sono state tra le vincitrici in più di un round. Ora Branch e Techmer hanno lavorato di nuovo insieme per una nuova coppia di progetti che dimostrano sia la forza dei materiali di Techmer PM che l’efficacia dei metodi di costruzione della Branch Technology.

L’ultimo progetto è un padiglione all’aperto a Nashville che misura 42 piedi di diametro ed è alto più di 19 piedi. Secondo Techmer PM, è la più grande struttura a stampa 3D in forma libera delNord America. Il guscio è composto da 36 parti, è lungo più di 18 piedi e riempie un volume di 61,5 piedi cubici. Il progetto, chiamato One City, ha coinvolto la Branch Technology 3D che stampa ancora il suo componente non supportato più a lungo: una campata di 42 piedi che trae forza dalla geometria ottimizzata e non richiede acciaio strutturale.

“Il padiglione di OneCity incarna le potenzialità della stampa 3D su larga scala. Rappresenta un’intersezione tra libertà di progettazione, ottimizzazione strutturale e gestione delle risorse “, ha detto a 3DPrint.com Melody Rees, Designer, Project Management per Branch Technology.
Il guscio della fascia è stampato in 3D dal materiale Electrafil di Techmer PM, un materiale plastico rinforzato con fibra di carbonio, leggero e resistente.

“Electrafil offre la massima resistenza e rigidità disponibile nei compound termoplastici, e quelle erano le proprietà più importanti per questo progetto”, ha dichiarato Alan Franc, Product Development Manager di Techmer PM.
Un altro recente progetto delle due società si chiama Nature Clouds ed è stato creato per il  125 ° anniversario del Chicago Field Museum of Natural History . Secondo Techmer, è la prima installazione da giardino pensile in forma libera creata attraverso la stampa 3D; le “nuvole” sono in realtà quattro giardini pensili comprendenti 3.940 libbre di materiale stampato in 3D e acciaio. Supportano la vegetazione, l’idroponica, l’illuminazione, la nebbia teatrale e le apparecchiature audio per un peso combinato di 12.270 sterline. Ciascuna delle nuvole può essere sollevata o abbassata se necessario. Fanno parte di un’installazione più grande che include diverse installazioni di dinosauri a grandezza naturale.

Branch Technology ha utilizzato un biopolimero formulato da Techmer PM per stampare in 3D le strutture.

“Abbiamo creato un composto specifico per le Nature Clouds del Field Museum per soddisfare le loro esigenze di resistenza, infiammabilità e resina bio-sourced”, ha affermato Franc.
Il volume totale di Nature Clouds è di 756 piedi cubici, con 279 parti totali. Il progetto è stato creato come un kit di parti ripetute in grado di supportare più di 1.000 piante e sistemi di vita delle piante.

“I metodi di costruzione tipici sono limitanti”, ha dichiarato Platt Boyd, fondatore e CEO di Branch Technology. “La forma complessa personalizzata è proibitivamente costosa e spesso inconcepibile per la produzione. Con C-Fab, la libertà di progettazione economica è democratizzata per tutti “.
La tecnologia C-Fab utilizza la robotica industriale, materiali compositi di carbonio e sofisticati algoritmi per la stampa 3D di strutture a celle aperte. Stampa volumi come matrici cellulari, che lo differenzia dalle altre tecnologie di costruzione stampate in 3D e utilizza una testina di stampa 3D brevettata collegata a un braccio di Kuka Robotics. Il braccio viaggia lungo una traccia orizzontale, creando un volume di costruzione di 3.000 piedi cubici. Il processo può stampare componenti in 3D che sono 8 ‘x 12’ x 30 ‘, e singoli componenti possono essere combinati per strutture virtualmente illimitate. Può anche stampare con un’ampia varietà di materiali, molti dei quali sono stati forniti da Techmer PM.

“Il processo di stampa in aria di Branch Technology AM è unico. È in grado di utilizzare vari tipi e composti di resina, ma come la maggior parte delle stampanti 3D, l’ottimizzazione della viscosità del materiale, della velocità di flusso e dei tassi di cristallizzazione sono fattori importanti per una stampa di successo “, spiega a 3DPrint Tom Drye, VP Emerging Markets and Innovations. .com. “Techmer PM raccoglie le informazioni necessarie in anticipo sull’applicazione: requisiti per l’uso finale, velocità di stampa e velocità di raffreddamento, quindi progetta un materiale per soddisfare tali esigenze. Composti speciali basati su: ASA, ABS, PA12, PC, PETG e altri hanno avuto successo con il processo di stampa della Branch Technology. Il portfolio di materiali 3D di Techmer e le sue competenze si estendono ampiamente tra i molti tipi di stampante. È previsto che molti potrebbero essere personalizzati per lavorare sul processo Branch oltre a quelli già elencati. ”

Con il crescere della costruzione stampata in 3D, è affascinante vedere i diversi tipi di processi che emergono da diverse aziende. Branch Technology non pretende di essere la più veloce, ma è rinfrescante in un’atmosfera di concorrenti che affermano di poter costruire una casa stampata in 3D più velocemente di chiunque altro. Branch Technology, con l’aiuto di Techmer PM, ha sicuramente creato un’interessante varietà di strutture, mettendo in risalto la versatilità della sua tecnologia.

Be the first to comment on "Il Padiglione a Nashville di Branch Technology e Techmer PM"

Leave a comment