Il Museo archeologico nazionale spagnolo e Acciona hanno presentato il primo arco romanico stampato in 3D

Le collezioni di oggetti sono normalmente esposte dietro vetrine chiuse per impedire alle persone di toccarle. Considerando che questi oggetti sono fragili e hanno un grande valore storico, i musei devono assumersi i requisiti necessari per proteggerli. Con la stampa 3D, questo sta cambiando. Le repliche vengono stampate in 3D, consentendo ai visitatori di toccarle .

Le repliche potrebbero scatenare discussioni sull’originalità dei pezzi d’arte, dal momento che le loro riproduzioni possono essere considerate “false”, o addirittura il diritto di catturare e distribuire modelli online che chiunque può successivamente stamparli . Tuttavia, le repliche stampate in 3D consentono ai visitatori di apprezzare e apprezzare meglio le opere d’arte e di saperne di più sul patrimonio culturale. Ad esempio, nel 2017, la tomba di Tutankhamon nella Valle dei Re in Egitto , è stata ricreata da Factum Arte che ha permesso ai visitatori di sperimentare l’interno della tomba, senza danneggiare il luogo di sepoltura originale.

Questo mese, il Museo archeologico nazionale spagnolo e Acciona (una società globale di energia rinnovabile, infrastrutture, acqua e servizi) hanno segnato una pietra miliare con la stampa 3D dell’arco romanico di San Pedro de las Dueñas . L’arco è già parte della collezione del museo, ma la replica stampata in 3D si trova ora nel giardino del museo. L’arco è stato creato per contribuire ai progressi tecnologici nelle tecniche di conservazione e anche per la conservazione del patrimonio storico della Spagna.

L’arco di San Pedro de las Dueñas è un esempio duraturo di architettura romanica. L’arco faceva parte del monastero di San Pedro de las Dueñas, costruito nel tardo X secolo e all’inizio dell’XI secolo. Si trova nella regione di Castiglia e León, nella Spagna nordoccidentale.

Alla cerimonia di presentazione, il direttore del Museo Archeologico Nazionale, Andrés Carretero, ha dichiarato che lo sviluppo “mette il Museo in prima linea a livello mondiale nell’applicazione delle nuove tecnologie alla diffusione e alla conservazione del patrimonio culturale”.

Il vice presidente esecutivo di Acciona, Juan Ignacio Entrecanales, ha espresso l’importanza di questo progetto congiunto tra Acciona e il Museo Archeologico Nazionale, che ha dimostrato “l’immenso potenziale che le nuove tecnologie, come la stampa 3D, hanno per la conservazione, la divulgazione, il restauro e accessibilità del patrimonio culturale “.

L’arco si trova nel giardino a 2,2 m di altezza per 3,3 m di larghezza. È stato riprodotto utilizzando la tecnologia D-Shape , che è una tecnica di stampa 3D che utilizza un getto di calcestruzzo. Secondo Acciona, la durabilità del materiale consente di ottenere la riproduzione architettonica che stavano cercando, adatta per le posizioni esterne grazie alla sua resistenza alle condizioni atmosferiche.

“La possibilità di ottenere repliche esatte significa che il pubblico può avvicinarsi alla riproduzione mentre l’originale è conservato. Questa tecnologia consente inoltre di riprodurre i pezzi nelle loro posizioni originali mentre l’originale è conservato in strutture adeguate “, afferma Acciona.

Acciona ha anche digitalizzato 30 oggetti medievali del Museo archeologico nazionale spagnolo per consentire ai visitatori di manipolarli attraverso uno schermo interattivo. Tra il 4 ° e il 15 ° secolo, alcuni di questi elementi digitalizzati includono: il Crocifisso di Ferdinando e Sancha (León), il fibulo aquiliforme Alovera (Guadalajara) e l’ottone Astrolabio di Ibrāhim ibn Sa’īd al-Shalī (León) . Acciona crede che i modelli digitali saranno di grande aiuto nei futuri restauri , poiché la tecnologia consente di replicare le opere attraverso stampanti 3D.

Be the first to comment on "Il Museo archeologico nazionale spagnolo e Acciona hanno presentato il primo arco romanico stampato in 3D"

Leave a comment