Il Motore a Combustione Interna stampato in 3d In Plastica da Polimotor perfettamente funzionante


Un’azienda sta stampando in 3D motori a combustione interna perfettamente funzionanti per le corse, realizzati in plastica!

Quando questo motore è stato portato alla nostra attenzione per la prima volta, abbiamo pensato che fosse un altro di quegli affascinanti modelli 3D di motori che trovi su Thingiverse. Sapete di cosa stiamo parlando: i progetti con dozzine di parti stampabili in 3D che puoi assemblare in una replica meccanica, per esempio, di un motore V8. Fate un giro e vedrete i pistoni muoversi su e giù.

Sono divertenti, anche se spesso richiedono molto lavoro.

Ma il progetto di Polimotor non è assolutamente questo, per niente. Stanno davvero producendo un motore a combustione interna in plastica.

Motore automobilistico in plastica
Eravamo piuttosto scettici su questo concetto: i motori a combustione interna (ICE) comportano un calore elevato, numerosi stress meccanici e ambienti operativi talvolta severi. Non è possibile produrre un motore usando solo la plastica.

Ma poi abbiamo esaminato un po ‘più a fondo la questione e abbiamo scoperto che in realtà Polimotor LLC è in circolazione dal 1972, quando hanno prodotto il primo motore in plastica funzionante. C’è anche una pagina di Wikipedia sul progetto, il ” Plastic Automotive Engine “.

A quanto pare il fondatore Matti Holtzberg si dedica a questo settore dalla fine degli anni ’60 e ha trovato successo nella vendita di pistoni di plastica agli equipaggi negli anni ’70. Nel 1979 ha fondato Polimotor, che intendeva costruire interi motori in materiali plastici.

Ad essere sinceri, i loro motori sono in realtà un mix di metallo e plastica, ma la percentuale di parti in plastica è piuttosto elevata e il metallo viene utilizzato solo quando assolutamente necessario. Un tentativo iniziale, POLIMOTOR 1, non fu utilizzato in un veicolo, ma POLIMOTOR 2 corse con successo con diverse squadre negli anni ’80.
Il vantaggio qui è ovviamente il peso. POLIMOTOR 1 era solo la metà del peso delle sue controparti metalliche, poiché era in gran parte costituito da composti termoindurenti rinforzati con fibra di vetro.


POLIMOTOR 2 ha coinvolto parti stampate ad iniezione che hanno permesso di convertire più componenti metallici in equivalenti plastici.


La versione attuale, il “POLIMOTOR 3D” coinvolge componenti stampati in 3D, e si ottiene un rapporto peso potenza ancora migliore con la plastica che aumenta la sua presenza sul metallo – alla fine pesa solo 73 kg. Sembra che Polimotor Research stia collaborando con l’Istituto Fraunhofer e Solvay dal 2015 su questo progetto.

Tutto ciò non sorprende, vista l’emergere nel corso degli anni di numerosi materiali di ingegneria avanzata per la stampa 3D. Infatti, guardando l’elenco dei componenti convertiti sulla pagina di Wikipedia vediamo molti materiali di stampa 3D ormai familiari, tra cui: fibra di carbonio, PEEK, PPA, PPS, PA6 e altro.

Polimotor Research è quindi in grado di progettare componenti con meno peso non solo per via dei materiali più leggeri, ma anche con progetti stessi più leggeri, come ha fatto l’industria aerospaziale con i loro componenti.


Ci viene detto che l’intenzione è quella di iniziare a correre con POLIMOTOR 3D un po ‘di tempo nel 2021. La ricerca Polimotor dice:

“Nel 2020, un P3D normalmente aspirato alimenterà un prototipo sportivo della serie FARA USA a Homestead, in Florida. Nel 2021, un P3D turbocompresso potrebbe tornare a correre nelle gare in salita e possibilmente alle Pikes Peak. “

Staremo a vedere come procede questo progetto.

Be the first to comment on "Il Motore a Combustione Interna stampato in 3d In Plastica da Polimotor perfettamente funzionante"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi