Il Mit e le macchine che costruiscono altre macchine modulari per la prototipazione rapida

Il Progetto MIT che introduce macchine modulari per la prototipazione rapida di macchine di prototipazione rapida

La Prototipazione rapida è un vantaggio chiave della stampa 3D, permettendo ai progettisti e ingegneri di  costruire rapidamente e testare molteplici iterazioni di un oggetto senza perdere tempo  . Ma per quanto riguarda le macchine in rapida prototipazione rapida che-sono un prototipo? Non è solo uno scioglilingua-le macchine modulari che compongono progetto ([m] MTM) ha rilasciato un  hardware totalmente modulare a basso costo  con un  software elettronico e modulare che renderà macchina di prototipazione semplificate, a basso costo e facili.

Una collaborazione tra  ‘Machines that Make Projec’ e il Center for Bits and Atoms del Massachusettes Institute of Technology,  MTM è composto da tre componenti principali: le parti di macchine modulari, Il nodo di configurazione  e il quadro di configurazione . L’approccio adottato è “quella di una macchina virtuale basata su software di controllo di una macchina fisica” per consentire una maggiore modularità e dare   la capacità individuale di “creare nuovi strumenti automatizzati, e quindi di auto-estendere la loro capacità di creare oggetti che sarebbero troppo noiosi o impossibili da creare a mano “.

Le parti della macchina sono completamente modulari e hanno ciascuna un asse di movimento (sono disponibili sia in fase lineare o pezzi  rotanti). Ciò significa che possono essere collegate insieme in  varie configurazioni per produrre vari tipi di macchine per scopi specifici. Ciò che è particolarmente impressionante delle parti di macchine modulari è che sono costituite da 0,15 millimetri di cartone, . “Il cartone è un ottimo materiale per la prototipazione  perché si può tagliare, incollare ,attaccare col nastro adesivo, laminare, affettare e piegare con facilità”, dicono gli sviluppatori del progetto. “Dal momento che il materiale è a buon mercato, l’iterazione è un gioco da ragazzi!”

La componente software è conosciuto come Gestalt (configurazione), un quadro di sistema di controllo modulare per la fabbricazione personale che è disponibile per il download via GitHub. Gestalt, tra l’altro, è definito come “un tutto organizzato che viene percepito come più della somma delle sue parti”, un nome preciso per questo particolare progetto.

Il framework software modulare Gestalt consente agli utenti di importare le loro macchine come moduli Python e rende facile collegare le macchine alle interfacce utente basate su browser. Il progetto è completamente integrato e progettato in modo che gli utentidel  quadro Gestalt consente di definire i nodi della Gestalt (piccole schede elettroniche di controllo che si connettono al computer tramite USB Fabnet e un programmatore AVR) e persino collegare più Nodi Gestalt  con cavi aggiuntivi.

Un aspetto importante e unico di questo quadro è che non si basa su G-code, il linguaggio di programmazione a controllo numerico più diffuso in produzione automatizzata (inclusi metodi additivi come la stampa 3D). Fornendo un’alternativa, il progetto  MTM potrebbe aprire ad un nuovo pubblico di utenti non-G-code, ma rischiano anche di alienarsi  base di utenti già consolidata di G-Code; solo il tempo dirà se la loro strategia pagherà.

Il progetto nasce dalla collaborazione tra James Coleman e Nadya Peek contributi da Ilan Moyer, Rebecca Li, Lin Pease e Elena Byun, ed è una parte del Centro del MIT per Bit e Atomi “, un’iniziativa interdisciplinare per esplorare il confine tra informatica e fisica  . ”

Anche se il software richiede ancora un certo know-how tecnico avanzato, le macchine modulari che compongono il progetto Machines è a basso costo e una soluzione accessibile per le persone interessate alla fabbricazione digitale e alla rapida prototipazione di macchine per uso personale, come le stampanti 3D e e le macchine di fresatura formato desktop . Per saperne di più sul progetto, e avere le istruzioni dettagliate passo-passo e le immagini, andate alla pagina del MIt . monograph.io/james/m-mtm

Be the first to comment on "Il Mit e le macchine che costruiscono altre macchine modulari per la prototipazione rapida"

Leave a comment