Il microscopio OpenFlexure stampabile in 3D di livello da laboratorio che costa solo 18 dollari dall’Università di Bath

QUESTO MICROSCOPIO OPEN SOURCE “DA LABORATORIO” STAMPABILE IN 3D TI FARÀ GUADAGNARE $ 18

Un team di ricercatori dell’Università di Bath , nel Regno Unito, ha sviluppato un progetto open source per un microscopio stampabile in 3D “di livello da laboratorio”, che costa solo $ 18.

Il microscopio OpenFlexure è un dispositivo completamente automatizzato con posizionamento motorizzato del campione, controllo della messa a fuoco e un preciso stadio meccanico.

Oltre ad essere facile da usare, il microscopio è stato progettato per essere più economico di un microscopio commerciale. Il suo design open source, stampabile in 3D, offre ai laboratori di tutto il mondo l’opportunità di stampare in 3D anche i propri microscopi di precisione, dotandoli dei mezzi per analizzare campioni e rilevare malattie.

Il dott. Joel Collins, co-creatore del microscopio e ricercatore di fisica presso l’Università di Bath, spiega: “Vogliamo che questi microscopi vengano utilizzati in tutto il mondo – nelle scuole, nei laboratori di ricerca, nelle cliniche e nelle case delle persone se vogliono un microscopio solo per giocare. Devi essere in grado di raccoglierlo e usarlo immediatamente. Ne hai anche bisogno per essere conveniente. “

Il progetto OpenFlexure mira ad aumentare l’accessibilità del posizionamento meccanico ad alta precisione per quelli con una stampante 3D – per l’uso in microscopi, micromanipolatori e altro.

È stato inizialmente istituito dal dott. Richard Bowman nel 2015, attualmente professore presso il Dipartimento di Fisica di Bath. Il progetto è ora sviluppato e gestito da BOING, il gruppo Open INstrumentation di Bath. Lo sviluppo del microscopio ha coinvolto anche le collaborazioni di STICLab, Ifakara Health Institute, WaterScope e Università di Cambridge.

Al fine di garantire che il microscopio stampato in 3D possa essere utilizzato dalla maggior parte delle persone, i ricercatori si sono assicurati di mantenere bassi i costi, sia in termini di costi iniziali che di costi di manutenzione delle apparecchiature. Mentre un microscopio commerciale destinato all’uso in laboratorio può vendere per decine di migliaia di sterline, il microscopio OpenFlexure può essere costruito per $ 15. Questo prezzo copre il costo della plastica stampata, una fotocamera e alcuni elementi di fissaggio.

Tuttavia, nonostante il prezzo contenuto e la costruzione stampata in 3D, lo sviluppo del microscopio si è concentrato sulla garanzia della sua capacità di produrre immagini di alta qualità. È dotato di un’interfaccia software e semplici funzioni di allineamento per massimizzare la facilità d’uso, pur essendo personalizzabile. Ciò significa che OpenFlexure può essere adattato per l’uso in laboratorio, a scuola e a casa.

Infatti, i ricercatori spiegano che oltre 100 microscopi OpenFlexure sono stati stampati in 3D in Tanzania e Kenya. Tale impresa mette in mostra il potenziale di hardware complesso, progettato in una parte del mondo, per essere prodotto e adattato per l’uso in altre aree, utilizzando la stampa 3D e il design open source. Richard Bowman spiega: “I nostri partner della Tanzania, STICLab, hanno modificato il design per adattarsi meglio al loro mercato locale, dimostrando un altro punto di forza dell’hardware open source: la capacità di personalizzare, migliorare e diventare proprietario di un prodotto”.

Sviluppo di strumenti ottici accessibili con stampa 3D

Questo non è il primo caso in cui la stampa 3D è stata utilizzata per produrre strumenti ottici a basso costo per migliorarne l’accessibilità.

The Optical Society (OSA) ha pubblicato uno studio nel 2019 che descrive in dettaglio un microscopio stampabile 3D microscopia olografica digitale ad alta risoluzione (DHM). Cercando di produrre un microscopio portatile, potente ed economico, i ricercatori statunitensi hanno stampato in 3D il dispositivo per consentire la diagnosi di malattie come la malaria, la malattia da anemia falciforme, il diabete e altri.

Realizzato interamente con parti stampate in 3D e componenti ottici comunemente trovati, la semplicità e il basso costo di costruzione dello strumento potrebbero “aumentare l’accesso a test diagnostici medici a basso costo”, secondo il leader del team di ricerca Bahram Javidi dell’Università del Connecticut.

Gli scienziati della RMIT University hanno anche sviluppato un filtro “clip-on” stampato in 3D che può trasformare le fotocamere degli smartphone in un potente microscopio. Con la capacità di analizzare campioni piccoli fino a 1/200 di millimetro, il dispositivo può essere sfruttato come strumento diagnostico point of care per cliniche sanitarie remote e gruppi di ricerca sul campo.

Be the first to comment on "Il microscopio OpenFlexure stampabile in 3D di livello da laboratorio che costa solo 18 dollari dall’Università di Bath"

Leave a comment