Il mantello e la corona della Black Panther stampati in 3D Ruth E. Carter vincono l’Oscar

Ruth E. Carter e il mantello e la corona della Black Panther stampati in 3D vincono l’Oscar per il miglior costume

La cerimonia degli Oscar del 2019 si è svolta il 24 febbraio 2019 al Dolby Theatre di Hollywood, a Los Angeles. La costumista statunitense Ruth E. Carter ha portato a casa il premio per il miglior design di costumi per il suo lavoro per Black Panther, uno dei film di maggior incasso del 2018.

Per portare la vita ispirata ai modelli africani presentati negli schizzi iniziali del design, Ruth E. Carter si è avvicinata a Julia Koerner per aiutare la stampa 3D di una mensola per il personaggio principale Queen Ramonda.

“Sulla base degli schizzi iniziali di Ruth Carter, ho sviluppato una serie di modelli 3D di ispirazione africana e ho progettato il cappello Zulu e il manto della spalla in modo che avessero elementi corrispondenti nel modello”, ha detto Koerner a 3ders. “Era importante che i pezzi di moda non fossero di fattura artigianale e incorporassero l’aspetto tecnologico di qualcosa generato parametricamente da algoritmi da un computer. Pertanto, abbiamo utilizzato un software di programmazione visiva per sviluppare le geometrie dei pezzi e sperimentato la complessità e il comportamento dei materiali. Insieme abbiamo sviluppato i wearables più all’avanguardia e progettati digitalmente che potessimo immaginare “.

In realtà fabbricando gli oggetti di scena in costume, Koerner ha lavorato con la società belga Materialise. “La tecnologia utilizzata era la sinterizzazione laser, una tecnologia di stampa 3D a base di polvere che consente il massimo livello di libertà di progettazione in quanto non sono necessari supporti”, ha spiegato Koerner. “Gli oggetti di scena in costume sono stati realizzati in PA 12, un materiale in poliammide che ci ha fornito un alto livello di precisione, flessibilità e resistenza.Il materiale è anche adatto per il contatto con la pelle, rendendolo ideale per la moda e i costumi”.

Carter ha anche chiesto a Koerner di progettare un pezzo di dichiarazione che rendesse omaggio alla Pantera Nera che avrebbe potuto indossare al 21 ° Costume Designers Guild Awards e al Vanity Fair Oscars Party. L’accessorio per il collo è stato ispirato da disegni e motivi africani, insieme agli abiti da gala di Balenciaga degli anni ’50 e all’opera del fotografo maliano Seydou Keïta. Il design stesso è stato interamente personalizzato per Ruth E. Carter, a partire da una scansione 3D della testa e delle spalle. Il design è stato poi stampato in 3D da Materialise in PA 12 con la tecnologia SLS e in seguito Koerner ha impreziosito a mano l’ornamento con cristalli Swarovski per farlo brillare in alcuni orientamenti.

“I cristalli intensificano, ancora di più, i dettagli del pezzo. Questa è stata anche la prima volta che questo processo di gocciolamento dei cristalli è stato eseguito su un pezzo stampato in 3D: è una grande combinazione di artigianato digitale e tradizionale “, ha spiegato Koerner.

“Sono ispirato dalla natura e dai suoi modelli e strutture. La crescita organica e i processi di produzione sintetici hanno un incredibile impegno contrastante che trovo allettante. La produzione additiva è sicuramente l’unica tecnica per produrre i disegni 3D che sviluppo sul computer nella loro forma organica, i modelli intricati e le geometrie spesso mettono in discussione sia la capacità computazionale dei miei strumenti sia le società di produzione con cui lavoro. Spingo sempre e vedo cosa non è stato ancora fatto e sono ansioso di creare qualcosa di nuovo. “

Be the first to comment on "Il mantello e la corona della Black Panther stampati in 3D Ruth E. Carter vincono l’Oscar"

Leave a comment