Il Leone delle caverne estinto stampato in 3d in Slovacchia

Il Leone delle caverne estinto ritorna grazie alla stampa 3D
Il Museo Nazionale Slovacco dell’Insurrezione (SNP) si trova a Banská Bystrica nel mezzo di un parco erboso. L’insolito edificio custodisce mostre e importanti materiali d’archivio legati allo sviluppo della Slovacchia, in particolare degli anni di guerra del 1938 – 1945. Oltre alle mostre, c’è un museo all’aperto con pesanti attrezzature militari e un aereo che fornisce i rifornimenti a partigiani che utilizzano l’aeroporto Tri Duby a Sliač, nonché un sito dedicato al Milite Ignoto nel quale brucia una fiamma eterna.

Un’altra cosa che si trova al museo è un laboratorio di digitalizzazione all’avanguardia, iniziato nel 2012, che include scanner 3D e stampanti 3D, tra le altre apparecchiature high-tech. Il laboratorio di SNP è stato assemblato per digitalizzare le proprietà del museo in modo da preservarle e consentirle di essere facilmente condivise tra studiosi e altre parti interessate. Non rimarranno a corto di cose da scovare in qualunque momento, perché altri musei e conservazionisti in Slovacchia hanno capito il potenziale che tale laboratorio di digitalizzazione possiede e il team di SNP sta ora lavorando su una varietà di progetti.

Il loro progetto più recente, supervisionato da Ján Šperka, capo tecnico del Digitization Center (DC), è stato quello di scansionare e quindi stampare in 3D lo scheletro completo di un leone rupestre, uno dei reperti paleontologici di Leu appartenenti al Museo di conservazione della natura e il Grotta di Liptovsky. Il leone delle caverne eurasiatico, la Panthera spelaea , si estinse circa 13.000 anni fa ed era strettamente imparentato con il leone moderno, anche se leggermente più grande e senza la caratteristica criniera. La creazione di una scansione di uno scheletro completo è stata abilitata mettendo insieme scansioni di pezzi di vari individui preservati.

Questi leoni, che erano presenti nei disegni di caverne a Lascaux e nello Chalet, sono una parte importante della storia felina eurasiatica, ma il numero di scheletri e fossili esistenti non è grande, e una manipolazione eccessiva può causare il deterioramento di quegli esempi limitati. Analizzando lo scheletro, non solo il team della DC è riuscito a creare una replica stampata in 3D, ma sono stati in grado di rendere disponibile il file digitale da condividere con chiunque fosse interessato a studiare il gatto e consentire loro di studiarlo senza presentare alcun rischio per lo scheletro originale. Per stampare lo scheletro completo sono state necessarie circa 27 libbre (12 chilogrammi) di filamento e 110 ore di tempo di stampa continuo sono state dedicate solo al completamento del cranio.

L’integrazione della tecnologia 3D è stata uno dei più grandi ringraziamenti per i musei del XXI secolo e qualcosa di cui abbiamo visto un numero sempre maggiore di istituzioni approfittare, e tutto, dai reperti egizi ai fossili di dinosauri hanno subito processi di digitalizzazione simili. In questo modo, questi oggetti non solo sono aperti ad un esame più ampio dagli esperti, ma diventano anche più immediatamente disponibili per i visitatori che ora possono vedere copie di qualcosa che avrebbero dovuto percorrere in precedenza per percorrere grandi distanze. Inoltre, viene spesso offerta l’opportunità di interagire fisicamente con le repliche stampate in 3D, creando un altro livello di connessione tra oggetto e spettatore.

Be the first to comment on "Il Leone delle caverne estinto stampato in 3d in Slovacchia"

Leave a comment