Il JPL della Nasa e la tecnologia di stampa 3D ibrida THREAD di Mark Cocking

LA JPL DELLA NASA ESPRIME INTERESSE PER IL PROCESSO DI STAMPA 3D IBRIDO THREAD MADE IN UK

Gli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA contribuiranno allo sviluppo di una tecnologia di stampa 3D ibrida presso l’ Advanced Manufacturing Research Center (AMRC) di Sheffield, nel Regno Unito.

Conosciuto come THREAD, questo metodo è in grado di aggiungere elementi elettrici, ottici e strutturali fibrosi, o “fili”, all’interno di componenti in plastica / polimero.

È stato sviluppato all’AMRC in collaborazione con la multinazionale dell’aeronautica Boeing e, secondo i creatori, è un “potenziale cambio di gioco” per la stampa 3D e l’industria manifatturiera più ampia.

I primi dettagli del processo THREAD di Boeing e AMRC sono emersi nel 2017 a seguito della presentazione di un brevetto da parte dell’inventore del metodo Mark Cocking . Al momento di questa release, l’industria della stampa 3D ha intervistato Cocking che ha rivelato che la tecnica “non è legata a una singola piattaforma di processo AM”, sebbene i brevetti iniziali riguardino la sua aggiunta a una tecnica SLA.

Nel complesso, Cocking ha aggiunto, THREAD è un processo che “incorpora materiale in filato di diversi gruppi di materiali, ad esempio rame, fibra ottica, acciaio, nitinol, ecc.”

“È possibile incorporare singoli o più filamenti a una velocità che non influisce sul tempo di costruzione originale del componente, indipendentemente dal processo”, afferma

“NON C’È BISOGNO DI FERMARSI, METTERE IN PAUSA, RIMUOVERE, REINSERIRE O POST PROCESSO.”

Sulla base di queste affermazioni iniziali del processo, la NASA-JPL ha invitato Cocking a presentare il metodo THREAD al suo recente Workshop Additive Design di Spacecraft a Pasedena, in California.

Al workshop NASA-JPL, Cocking ha dimostrato come si potrebbe applicare THREAD per realizzare componenti funzionali per un rover spaziale. Ciò ha portato alla clamorosa approvazione del Senior Engineer della NASA-JPL Spacecraft Design Michael Schein, che ha definito la tecnologia “estremamente impressionante”. Ora Schein ha espresso interesse “nell’ulteriore sviluppo del processo THREAD per l’incorporamento di fibre in materiali stampati 3D […] soprattutto se può essere adattato alla stampa di metalli. “

Oltre allo sviluppo di THREAD nella sfera polimerica, Cocking sta attualmente adattando il processo per la fusione laser selettiva (SLM). Egli aggiunge , “filo ha potenziali applicazioni in molti settori come l’energia, medicale ed aerospaziale; dove i componenti trarrebbero vantaggio da energia integrata, dati e trasferimento fluido, come per la progettazione di assemblaggi di voli spaziali. “

Be the first to comment on "Il JPL della Nasa e la tecnologia di stampa 3D ibrida THREAD di Mark Cocking"

Leave a comment