Il Jetpack stampato in 3d della Martin Aircraft troba a Dubai i primi clienti

Lo abbiamo visto nei film di 007 e all’inaugurazione delle olimpiadi di Los Angeles nel 1984 al Coliseum , ma non l’abbiamo mai visto impiegato nella vita reale stiamo parlando del Jetpack o meglio del sistema a razzi che permette ad un uomo di volare e di atterrare come un elicottero.

Questo perchè a parte i rischi insiti nell’essere attaccati a dei razzi c’era sempre il problema dell’autonomia infatti di solito la capacità di volo era di poche decine di secondi.

Il jetpack quindi è sempre stato un punto fermo nel mondo della fantascienza.  Questo non ha impedito al neozelandese Glenn Neal Martin di spendere trent’anni della sua vita per sviluppare il suo  sogno .

Questa settimana al Dubai Airshow, il primo Jetpack stampato in 3d  della Martin Aircraft ha fatto una dimostrazione con un impatto mediatico notevole ed ha annunciato di aver fatto un accordo per vendere i primi venti jetpack al mondo che saranno consegnati il prossimo anno. Il primo cliente della Martin Jetpack è il Dipartimento di Difesa Civile di Dubai, per l’impiego in operazioni di ricognizione e di soccorso. Non c’erano particolari dettagli finanziari sulla vendita annunciata, ma il Jetpack ha un prezzo di 250 mila dollari ad esemplare. L’accordo include anche un simulatore di volo e un operatore per garantire  una formazione completa al personale che dovrà usarlo.

Il Martin Jetpack dovrebbe essere molto divertente da usare, ma non trattenete il respiro in attesa che vi sia la possibilità di acquistarne uno voi stessi. Non diventerà un giocattolo per i ricchi e famosi, almeno non ancora; sono stati effettivamente concepiti per sostituire gli elicotteri in operazioni di ricerca e salvataggio, e per  alcune applicazioni militari. Il jetpack super leggero è più piccolo e molto più maneggevole di un elicottero e può volare dentro e fuori i quartieri della città e tra gli edifici con facilità. Dubai per esempio sta progettando di usarli  per combattere gli incendi che possono generarsi in uno dei tanti grattacieli presenti.

“Li vediamo svolgere un ruolo di primo-risponditore. A volte abbiamo difficoltà  per raggiungere i piani superiori di quegli edifici. Il velivolo può entrare in spazi ristretti. Stiamo procedendo a  modificarli con telecamere termiche “, ha spiegato il tenente colonnello Ali Hassan Almutawa, direttore del Dipartimento delle Operazioni di Difesa Civile di Dubai.

Il Martin Jetpack è un veicolo personale ultra-leggero, con un corpo costruitocon la stampa 3d e con componenti in fibra di carbonio. E ‘alimentato da  motore a due tempi V4 200hp di due litri ed è capace di una velocità massima di 60 km/h e un carico utile massimo di 150 chili. Il jetpack può raggiungere altitudini fino a 3.000 piedi, e ha un tempo massimo di volo di circa 45 minuti. C’è un sistema di computer di bordo che manterrà automaticamente la stabilità del velivolo, per cui se l’operatore lascia andare il joystick il sistema non cade automaticamente. Vi è anche un paracadute ad alta potenza di emergenza  capace di sopportare il peso dell’intero jetpack e dell’operatore.

Va notato che il nome “jetpack” è un po’ fuorviante poiché in realtà non ha un motore a reazione su di esso. Invece il Martin Jetpack utilizza una coppia di ventole   che forniscono ascensione e propulsione. In realtà è un piccolo elicottero personale piuttosto che un jetpack  tradizionalmente concepito . Per il momento l’aviazione civile della Nuova Zelanda ha certificato il Martin Jetpack come veicolo ultraleggero, ma la società sta lavorando a stretto contatto con il regolatore per creare una classificazione unica e più specifica per il tipo di veicolo che è.

Mentre la società si sta concentrando sulla vendita il jetpack per servizi di emergenza ai dipartimenti e ai militari,  non escludono la vendita ai privati. Tuttavia, è molto probabile che i paesi avrebbero bisogno di regolamentare pesantemente l’utilizzo e la licenza dei jetpack. Martin Aircraft sta sviluppando anche una versione senza equipaggio da controllare in modo simile ad un drone. Potrebbe essere usato per fornire carichi di forniture mediche, cibo e pezzi di ricambio per le attrezzature danneggiate, o anche per l’estrazione di emergenza.

Be the first to comment on "Il Jetpack stampato in 3d della Martin Aircraft troba a Dubai i primi clienti"

Leave a comment