Il Gruppo Lego si rivolge alla comunità dei produttori di stampa 3D con una serie di avvisi di rimozione

LA COMUNITÀ DELLA STAMPA 3D COLPITA DAGLI AVVISI DI RIMOZIONE LEGO

La scorsa settimana l’industria della stampa 3D ha appreso che il Gruppo Lego si rivolge alla comunità dei produttori di stampa 3D con una serie di avvisi di rimozione.

Una sentenza della Corte di giustizia europea del 2010 ha rilevato che sebbene il classico mattoncino LEGO non fosse protetto dal marchio, la protezione sarebbe stata garantita alle minifigure o minifig della società danese, come sono ampiamente conosciute. Gli attuali avvisi visti dall’industria della stampa 3D si riferiscono specificamente al “famoso logo LEGO quadrato rosso e alla figurina Minifigure” e chiedono ai destinatari di “Si prega di agire tempestivamente per rimuovere gli elenchi”.

Rispondendo a una domanda su come Lego vede la stampa 3D Jonas Søndergård, Global Press Officer del Lego Group ci ha detto: “La stampa 3D è una tecnologia entusiasmante e innovativa che offre nuove possibilità per una vasta gamma di applicazioni diverse. Attualmente utilizziamo la stampa 3D per creare prototipi di nuovi elementi LEGO e siamo sempre alla ricerca di nuovi modi di utilizzare questa tecnologia “.

“TUTTAVIA, LA STAMPA 3D NON È UNA VALIDA ALTERNATIVA ALLO STAMPAGGIO AD INIEZIONE CHE ATTUALMENTE UTILIZZIAMO PER PRODURRE I MATTONCINI LEGO CHE TROVI NELLE NOSTRE SCATOLE NEI NEGOZI. QUESTO PERCHÉ ABBIAMO REQUISITI DI SICUREZZA E QUALITÀ STRAORDINARIAMENTE RIGOROSI E ATTUALMENTE I MATTONI E GLI ELEMENTI STAMPATI IN 3D NON SODDISFANO QUESTI REQUISITI.

CONTINUEREMO A ESPLORARE LE OPPORTUNITÀ DI UTILIZZO DELLA STAMPA 3D E SEGUIREMO DA VICINO GLI SVILUPPI IN QUESTO SETTORE. “

Alla domanda sul perché il Gruppo Lego abbia emesso avvisi di rimozione, la società è stata meno disponibile. Ida Rosendahl, Associate Manager Corporate Communications presso il Gruppo Lego, ha spiegato di avere un elevato volume di domande. Rosendahl afferma che potrebbero passare settimane prima che LEGO fornisca una spiegazione del motivo per cui ha emesso avvisi di rimozione di marchi e diritti d’autore contro piattaforme e persone che condividono fan art.

Stian Ervik Wahlvåg è un designer 3D e autoproclamato Fan degli adulti di LEGO (AFOL) con sede in Norvegia ed è tra quelli a cui sono stati rimossi i file. “Sono cresciuto costruendo con i mattoncini LEGO e da allora sono un fan. Da adulto, continuo a comprare set per me che espongo nel mio laboratorio e i miei figli giocano ogni giorno con LEGO, abbiamo scatole piene di mattoni “, mi ha detto Wahlvåg su Twitter.

Ci sono molti fan di LEGO per tutta la vita nella comunità della stampa 3D e oltre che spesso trovano modi nuovi e divertenti per esprimere in modo creativo il piacere che il marchio offre loro. “Adoro la creatività infinita che LEGO offre”, spiega Wahlvåg, “Come designer 3D, volevo divertirmi e creare versioni a misura d’uomo di alcuni dei loro iconici mattoni in cui mi sono anche sfidato aggiungendo elettronica”. Il risultato era una serie di video tra cui un LEGO Space Blaster ingrandito stampabile in 3D e un ” Parrot LEGO Parrucchiere con stampa umana in scala 3D “.

Questi video erano inizialmente accompagnati da collegamenti per scaricare i file .stl. I collegamenti sono stati ora rimossi. Wahlvåg non ha addebitato i file, né ha venduto i modelli. “Questo progetto è stato basato sulla nostalgia e sull’amore per i mattoni”, dice, “Con la distinta materiali finisco per spendere soldi per questi progetti. I file che creo condivido sempre gratuitamente e trovo divertente vedere altre persone condividere le foto delle loro marche. “

Secondo Chengxi Wang, CEO della piattaforma di contenuti stampabili 3D MyMiniFactory , Wahlvåg non è il solo. Un rappresentante legale di LEGO ha recentemente contattato MyMiniFactory e gli ha chiesto di “rimuovere un lungo elenco di contenuti gratuiti correlati a LEGO. Il legale rappresentante non ha menzionato in quale modo specifico quei contenuti gratuiti hanno violato il marchio LEGO e il copyright ”, afferma Wang.

La reazione sui social media è stata estremamente critica per la mossa di LEGO. L’utente di Twitter jmtosses ha scritto, “mi ricorda come le etichette hanno trattato la musica mp3 e il campionamento qualche anno fa … Resta nel passato, muori nell’esplosione”. Rispondendo a un tweet non correlato di LEGO, un altro utente ha scritto: “Che ne dici di smettere di attaccare? # Creatori di stampa 3D. Alcuni di noi sono cresciuti spendendo tutta la nostra indennità d’infanzia sui tuoi prodotti .. e ora ci fai risentire. “

Sulle piattaforme di contenuto, la risposta è mista. Alcune piattaforme hanno rimosso gran parte dei contenuti relativi a LEGO, altrove viene adottato un approccio diverso. “Poiché la missione di MyMiniFactory è rispettare e responsabilizzare la comunità dei progettisti 3D per massimizzare la loro creatività, anziché rimuovere direttamente il contenuto, abbiamo deciso di aprire la discussione con la nostra comunità di progettisti”, afferma Wang.

Wahlvåg riassume la sua recente esperienza dicendo: “Comprendo appieno che [LEGO] deve fare questo per proteggere il loro IP e lo rispetto, ma come AFOL e produttore che vuole mostrare la mia passione e amore per LEGO con i miei progetti che sono un po ‘deluso. Probabilmente mi concentrerò meno su LEGO in futuro e passerò più tempo sui miei progetti. È un peccato perché mi è piaciuto molto realizzare questi progetti LEGO. ”

L’approccio adottato da LEGO non è l’unico modo per i marchi di interagire con il numero crescente di designer 3D e quelli della comunità della stampa 3D che si divertono a creare quella che viene spesso chiamata fan art. “In alternativa, abbiamo proprietari di proprietà intellettuale, come Ravensburger e Little Prince, che riconoscono e apprezzano il potere creativo della nostra comunità e lanciano campagne di progettazione in co-creazione “, mi dice il CEO di MyMiniFactory.

“CONSIDERIAMO QUESTO UN MODO PROMETTENTE PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA PROTEZIONE IP NELLA STAMPA 3D, CHE NON SOLO PROTEGGE LA CREATIVITÀ DELLA STRAORDINARIA COMUNITÀ DI STAMPA 3D, MA OFFRE ANCHE AI PROPRIETARI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE UNA STRAORDINARIA FONTE DI INNOVAZIONE.”

Be the first to comment on "Il Gruppo Lego si rivolge alla comunità dei produttori di stampa 3D con una serie di avvisi di rimozione"

Leave a comment