Il Governo francese mette la stampa 3d sotto controllo per gli investimenti esteri nei settori delle tecnologie sensibili ci vuole l’autorizzazione del ministro francese dell’Economia in caso di investimento estero

In un aggiornamento del decreto n. 2018-1057, il governo francese ha posto un ulteriore controllo sugli investimenti esteri nei settori delle tecnologie sensibili, compresa la produzione additiva.

Parte di un aggiornamento periodico per garantire che il codice del paese rimanga aggiornato, i cambiamenti significano che alcune attività di ricerca e sviluppo, relative alla sicurezza pubblica e alla difesa nazionale, saranno sottoposte a un controllo più approfondito.

Come spiegato da Stéphanie Faber e Véronique Collin di The National Law Review , “Il governo ha dichiarato che il suo obiettivo è quello di aiutare il paese ad adattarsi alle nuove e contemporanee sfide attraverso una migliore protezione dei settori tecnologici del futuro”,

“SEBBENE L’OPINIONE DEL GOVERNO SIA CHE QUESTO NON DOVREBBE CREARE UN OSTACOLO PER I FUTURI INVESTIMENTI ESTERI, I POTENZIALI INVESTITORI NEI SETTORI TECNOLOGICI DOVREBBERO ESSERE CONSAPEVOLI CHE GLI INVESTIMENTI IN FRANCIA POSSONO ESSERE ESAMINATI ATTENTAMENTE”.

In che modo viene influenzata la stampa 3D?

Il decreto n. 2058-1057, entrato in vigore il 1 ° gennaio 2019 e consolidato il 25 gennaio 2018, ha subito numerosi emendamenti, ma quello relativo alla produzione additiva è elencato all’articolo 1. Questo articolo si riferisce all’elenco delle attività che richiedono autorizzazione del ministro francese dell’Economia in caso di investimento estero.

Una di queste attività è elencata come attività di ricerca e sviluppo relative a “intelligenza artificiale, robotica, produzione additiva, [e] semiconduttori”. In particolare, si tratterà di attività di R & S relative al seguente elenco di settori sensibili:

  • 4 ° Attività relative a dispositivi o dispositivi tecnici che potrebbero consentire l’intercettazione della corrispondenza o progettati per il rilevamento remoto di conversazioni o la cattura di dati informatici “
  • 8 ° Attività relative ai mezzi di criptologia e ai servizi di crittologia
  • 9 ° Attività svolte da aziende che detengono segreti di difesa nazionale
  • 12 ° Altre attività relative a attrezzature, prodotti o servizi, compresi quelli relativi alla sicurezza e al corretto funzionamento di impianti e attrezzature, essenziali per garantire gli interessi del paese in materia di ordine pubblico, sicurezza pubblica o difesa nazionale, in materia di fonti di energia e acqua fornitura, trasporto, sanità pubblica, comunicazioni e calcolo sicuro, (cioè per la polizia nazionale).

Oltre a questi controlli estesi, il governo ha anche introdotto sanzioni più severe per la mancata conformità.

Per mettere in prospettiva la Francia di investimenti esteri in prospettiva nel 2017, secondo l’UNCTAD World Investment Report, gli investimenti esteri diretti (IED) verso la Francia sono aumentati da $ 35 miliardi a circa $ 50 miliardi. Inoltre, secondo gli ultimi dati disponibili dell’OCSE , Lussemburgo, Paesi Bassi, Regno Unito e Svizzera rimangono i primi quattro investitori in Francia. Nel 2016, il Lussemburgo ha rappresentato il 20,6% degli IDE francesi, i Paesi Bassi il 13,4%, il Regno Unito l’11,8% e la Svizzera il 10,6%. Gli Stati Uniti, per confronto, costituivano l’8,2% degli IDE.

Per settore, le attività professionali, scientifiche e tecniche e l’industria manifatturiera accumulano i maggiori investimenti di gran lunga. Nel 2016, le attività professionali, scientifiche e tecniche rappresentavano il 24,6% del flusso totale di IDE del paese, mentre il settore manifatturiero rappresentava il 24,2%.


Considerando anche l’impatto delle nuove tecnologie nell’interesse della sicurezza nazionale, il Federal Bureau of Industry (BRI) e la Sicurezza statunitensi stavano cercando consigli su come definire la produzione additiva , che a sua volta riguarderebbe lo stato delle esportazioni .

Be the first to comment on "Il Governo francese mette la stampa 3d sotto controllo per gli investimenti esteri nei settori delle tecnologie sensibili ci vuole l’autorizzazione del ministro francese dell’Economia in caso di investimento estero"

Leave a comment