Il Governo Cinese metterà una stampante 3d in ognuna delle sue 400 mila scuole elementari

Il Governo cinese fornirà almeno una  stampante3D a  tutte  le sue 400.000 scuole elementari entro il prossimo anno

scuole elementare cineseL’ educazione  è  uno dei settori che più beneficeranno dalla stampa 3d nel lungo termine. Il problema però è sempre fornire le macchine nelle scuole . Con  prezzi che  vanno dai  400 ai 3.000 dollari per stampante 3D  desktop, non è un investimento  a buon mercato, e con budget  scolastici ridotti all’osso , sia negli Stati Uniti e sia all’estero, il fatto  è che molte scuole semplicemente non possono permetterseli , per non parlare dei materiali e il tempo che ci vuole per formare gli insegnanti ad utilizzarli. In Italia poi siamo al buon cuore degli insegnanti in quanto abbiamo scelto di di disinvestire nella scuola e nei nostri ragazzi , cosa che in futuro e anche nel presente pagheremo e paghiamo. E come se negli anni ottanta e novanta non avessimo fornito le scuole di computer ( che in Italia insomma… ).

Gli Stati Uniti capiscano  chiaramente l’importanza di questa tecnologia, in particolare il presidente Obama. Oltre ad investire pesantemente per portare la produzione di nuovo sul suolo degli Stati Uniti, ha ricordato l’importanza della stampa 3D in diverse occasioni, in visita agli  impianti di produzione che utilizzano le stampanti 3D, e arrivando persino a parlare della tecnologia in una deli suoi discorsi annuali sullo Stato dell’Unione.

Detto questo, le notizie provenienti da Tapei, Taiwan e oggi, da Simon Shen, CEO di Kinpo Group (società madre di XYZprinting), suggerisce che la Cina è in procinto di superare  gli Stati Uniti  su questa strada.

Secondo Shen, il governo cinese ha una nuova politica per l’installazione di una stampante 3D in ciascuno delle sue circa 400.000 scuole elementari nel corso dei prossimi due anni. Questo numero ci  ha colto completamente alla sprovvista per due motivi. Prima di tutto, è un numero enorme di scuole elementari. Ad esempio, negli Stati Uniti, ci sono  circa 70.000 scuole elementari . Come nazione gli Usa potrebbero facilmente pareggiare l’iniziativa cinese  . Se una la stampante media   costa  1.000 dollari , sarebbe un investimento pari a  a circa 100 milioni di dollari in spese aggiuntive per il bilancio dell’istruzione della nostra nazione. Suona come un grande investimento , e certamente lo è, ma una tale cifra è pari ad un  un onere fiscale aggiuntivo di circa 30 centesimi l’anno per ogni uomo, donna e bambino in questo paese.

Inoltre, il fatto che Gartner preveda che un totale di 217.000 stampanti 3D saranno  disponibile quest’anno, e circa il doppio, o   nel 2016, ci  fa pensare che potrebbero aver sottovalutato ancora una volta la dimensione del mercato totale  . XYZPrinting annunciando due settimane fa che avevano stretto una collaborazione con Magic Factory, il nuovo e-commerce  di Lenovo Group Ltd., per la distribuzione dei loro stampanti 3D, e che si aspettano di vendere 100,000-120,000 macchine solo quest’anno  aggiunge benzina sul fuoco delle previsioni sbagliate.

Per quanto riguarda i dettagli sul programma  della Cina, nulla è stato messo a disposizione del pubblico, ma sarà interessante vedere quali stampanti 3D scelgono di mettere in queste scuole. Con XYZprinting offrendo macchine per meno di $ 500, e con uffici situati in Cina, c’è una buona possibilità che potrebbero contribuire una gran parte di queste stampanti. In realtà, Shen conta su di essa, dicendo: “Sarà il nostro driver di crescita del terzo trimestre e del quarto trimestre.”

In Italia abbiamo 20207 scuole elementari si tratterebbe di 20 mila stampanti 3d che per questi volumi si potrebbero facilmente avere a 500 euro l’una  quindi sarebbe un investimento di 10 milioni di euro….. ma visto che hanno tagliato tutto e le scuole non hanno neanche i soldi per la carta igienica.

Be the first to comment on "Il Governo Cinese metterà una stampante 3d in ognuna delle sue 400 mila scuole elementari"

Leave a comment