Il Futuro della chirurgia di ricostruzione del seno con il reticolo stampato in 3d

Protesi mammarie stampate in 3d in  reticolo potrebbero rivoluzionare la chirurgia ricostruttiva del seno

Ricercatori francesi hanno vinto un premio per il loro uso innovativo di stampa 3D per creare una protesi mammaria per la chirurgia di ricostruzione del seno dopo l’intervento di asportazione dovuta al cancro.

Il progetto, coniato col nome Mat (t) ISSE, è stato compiuto da Julien Payen e Pierre-Marie Danze dottorato Scienze della Vita e della Salute presso l’Università di Lille 1, con il finanziamento del Centro Ospedaliero Regionale Universitario De Lille (CHRU). Per questo, al duo è stato assegnato il premio Théophile Legrand Textile Innovations il 16 marzo.

Il progetto ISSE Mat (t) prevede la stampa di una struttura a guscio assorbibile che può tranquillamente contenere iniettati dei tessuti grassi . Il processo è essenzialmente una combinazione delle due tecniche di ricostruzione correnti di lipofilling ed impianti di silicio. Mat (t) ISSE ha il potenziale per fornire un risultato più naturale e mitigare gli attuali metodi che possono essere sia costosi e pericolosi per i pazienti.

Le tecniche convenzionali

Il trattamento standard per la chirurgia di ricostruzione del seno comporta l’impianto di protesi di silicone che possono creare problemi come reazioni da corpo estraneo. Alternativamente lipofilling viene utilizzato con il tessuto autologo, quelli rimossi dal paziente. Tuttavia, questo può anche essere pericoloso e complesso per ottenere il tessuto a crescere nei posti giusti. Nonostante questo, l’impianto autologo dei tessuti è più ideale in quanto è più naturale.

tessuti adiposi autologhi

Il processo ISSE Mat (t) combina aspetti desiderabili dei due processi attuali. Utilizzando la stampa 3D al posto delle protesi di silicio e iniettando tessuti adiposi autologhi, cioè cellule adipose singole, in questo guscio. Julien Payen, dottore della Scuola Nazionale delle Arti e delle industrie tessili, ha spiegato che,

L’idea è che le cellule di grasso utilizzeranno il pizzo come supporto per mantenere e moltiplicare e riformare il seno,
Il vantaggio rispetto alle protesi al silicone è la struttura che utilizzano questo guscio stampato 3D in combinazione con un laccio Calais Caudry, il volume desiderato può  analogamente essere raggiunto. Il guscio 3D stampato  si compone di bio materiali riassorbibili con scansioni MRI utilizzate per definire la forma e le dimensioni della struttura.

Futuro della chirurgia di ricostruzione del seno

Secondo Payen, ci vorranno diversi anni, fino a sette, per ottimizzare il prodotto per il mercato. Tuttavia, nel frattempo, un brevetto è stato depositato da CHRU, Lille. Il duo ha anche formato l’azienda Lattice Medical per commercializzare l’idea.

Be the first to comment on "Il Futuro della chirurgia di ricostruzione del seno con il reticolo stampato in 3d"

Leave a comment