Il futuro del cibo passa per la stampa 3d ?

La stampa 3D è il futuro del cibo?

La stampa 3D ha interrotto il modo in cui le persone costruiscono cose che vanno dalle rampe per sedie a rotelle alle case. Quindi, non sorprende che siano in corso indagini per vedere se la tecnologia potrebbe aiutare a soddisfare le future esigenze alimentari.

La stampa 3D potrebbe cambiare come funzionano i ristoranti
Alcune delle parti coinvolte nella stampa 3D per il cibo lavorano per vedere quali dei metodi disponibili funzionano meglio per esigenze particolari. Ad esempio, i risultati pubblicati hanno indicato che la stampa 3D basata sull’estrusione offre vantaggi tra cui le stampanti entry-level a basso costo e la varietà di materie prime disponibili . Sapere quali metodi di stampa sono maggiormente applicabili al cibo potrebbe aiutare questo metodo di produzione a guadagnare slancio.

Uno dei motivi principali del crescente interesse per la stampa 3D per prodotti alimentari è che potrebbe aiutare i ristoranti a operare in modo più efficiente con un migliore controllo di qualità. Una società chiamata Natural Machines offre una stampante 3D chiamata Foodini.

Le capsule in acciaio inossidabile contengono gli ingredienti e gli utenti navigano attraverso le scelte su un pannello touch screen per preparare il cibo. Se questa opzione ottiene un appeal diffuso, le aziende del settore alimentare potrebbero scoprire che è più facile soddisfare le fluttuazioni della domanda. Inoltre, i ricercatori stanno lavorando per migliorare i parametri di progettazione per il cibo stampato in 3D. Quindi, la cucina potrebbe sembrare particolarmente attraente per i buongustai a causa della maggiore diversità dei materiali utilizzati e della natura artistica del risultato.

Biscotti a farfalla stampati 3D.

La maggior parte delle persone si è probabilmente meravigliata delle torte incredibilmente intricate spesso presenti in occasione di matrimoni e altri eventi speciali. Alla fine, potrebbe esserci un altro elemento di avvio della conversazione su quelle creazioni, come se le persone usassero una stampante 3D per realizzarle. Dinara Kasko è uno dei pasticceri pionieri che ha adottato tale approccio finora.

Se tutto va come previsto quando si stampano i suoi disegni, il processo richiede fino a quattro giorni . Quindi, fare le cose in questo modo non è necessariamente più efficiente di fare dolci di lusso nel modo tradizionale. Ma i risultati sono a dir poco stupefacenti.

Le persone che provano a stampare dolci cose hanno anche delle considerazioni speciali da tenere a mente, specialmente quando si usa il cioccolato. Questo perché, rispetto ai materiali plastici, il cioccolato ha punti di fusione molto diversi . Quella realtà potrebbe significare che il cioccolato potrebbe diventare troppo caldo e andare fuori forma quando vengono formulate altre parti di un trattamento.

Ma, non c’è dubbio che molte persone amano i cibi dolci. Una volta che le persone che usano le stampanti 3D perfezionano i loro metodi, le persone che vogliono indulgere potrebbero farlo in un modo nuovo che potrebbe diventare più efficiente e dare risultati notevolmente coerenti.

Opzioni per alimenti più sostenibili
Una passeggiata attraverso le corsie dei negozi di alimentari di oggi mostra che le persone hanno molte scelte se vogliono acquistare prodotti che li aiutino a vivere stili di vita più sostenibili. E la ricerca mostra che, globalmente, il 66% delle persone è disposto a pagare di più per prodotti realizzati da società sostenibili. In molti casi, gli alimenti stampati in 3D potrebbero essere la risposta a una migliore sostenibilità.

Ad esempio, la macchina Foodini menzionata in precedenza memorizza gli ingredienti per i pasti in capsule. Un metodo del genere dovrebbe ridurre gli sprechi alimentari perché le persone non dovrebbero comprare grandi quantità degli ingredienti necessari che alla fine potrebbero andare sprecati.

E, parlando di rifiuti, una coppia di studenti universitari olandesi ha inventato un modo per fare una nuova cucina stampata in 3D dallo spreco di cibo . Hanno iniziato con il pane, dato che è il numero uno di cibo scartato nei Paesi Bassi. Ma alla fine si espansero ad altre cose, compresi frutta e verdura scartate. Finora, hanno appena fatto degli snack, ma i risultati già ottenuti incoraggiano le persone a pensare in modo diverso agli sprechi alimentari.

Le persone hanno capito come realizzare anche salumi a base vegetale con stampanti 3D. Gli esperti ambientali già avvertono che mangiare non è sostenibile e che i membri della società dovrebbero cercare di ridurre drasticamente i loro consumi o essere disposti a seguire una dieta vegetariana o vegana. Questa è una mossa che alcune persone non sono ancora disposte a fare. Grazie alle carni a base vegetale stampate in 3D, le persone potrebbero non dover scegliere tra mangiare carne e salvare il pianeta.

Una chiave per risolvere la crisi della fame?
Le persone hanno anche sottolineato che la stampa 3D potrebbe alleviare il problema della scarsità di cibo. La popolazione sta crescendo e i ricercatori stanno cercando con diligenza soluzioni che possano nutrire tutti con nutriente sostentamento. Alcuni analisti ritengono che i materiali di consumo stampati in 3D possano rispondere al fatto che non abbastanza persone hanno accesso al cibo di cui hanno bisogno per mantenersi in salute.

Per ora è più un concetto stimolante che una risposta infallibile. Ma la gente sa che arrivare alla fine della crisi richiede un pensiero creativo. La stampa 3D potrebbe essere un aspetto di molti che si combinano per ampliare l’accesso generale al cibo.

Possibilità affascinanti
Questa panoramica lascia intravedere come la stampa 3D possa apportare sostanziali cambiamenti nell’industria culinaria. Dovremo stare al passo con le notizie per vedere come progrediscono le cose.

Be the first to comment on "Il futuro del cibo passa per la stampa 3d ?"

Leave a comment