Il fondatore di Make Magazine Dale Dougherty prima accusa Naomi ‘SexyCyborg’ Wu di essere un fake e poi ritratta e si scusa ma oramai la frittata è fatta

Il fondatore di Make Magazine si scusa dopo aver sostenuto che  Naomi ‘SexyCyborg’ Wu non sia una persona reale ‘

Il fondatore di Make Magazine, Dale Dougherty, si è scusato dopo le sue affermazioni infondate sul fatto che il produttore cinese Naomi “SexyCyborg” Wu non sia una persona reale. La dichiarazione iniziale su Twitter diceva, “Sto mettendo in discussione chi sia veramente. Naomi non è una persona reale. Lei è molte persone, ”

Abbiamo seguito da vicino la traiettoria di Naomi Wu nel mondo dei maker e negli anni scorsi abbiamo costantemente ammirato i progetti creativi della giovane maker, che in genere condivide attraverso i tutorial di YouTube.

Wu, è specializzata in progetti sperimentali indossabili, come una stampante 3D indossabile e un bikini stampato in 3D , ha anche ottenuto un seguito significativo su Internet, con oltre 140 mila follower su  YouTube e oltre 500 sostenitori su Patreon, che seguono tutti i suoi aggiornamenti e le dettagliate descrizioni  video.

Nel complesso, Naomi “SexyCyborg” Wu è stata una presenza rinfrescante all’interno del mondo dei maker, accompagnando gli spettatori attraverso i suoi progetti originali di fai-da-te, passo dopo passo, spesso cercando di capire come il riscontro per ogni progetto . Come afferma lei stessa, non è una professionista della stampa 3D e sta esplorando la tecnologia per divertirsi e promuovere le culture open source e maker.

Ecco perché è stato così strano sentire che Dale Dougherty, il fondatore di Make Magazine – una pubblicazione stimabile per la robotica e i progetti di fai-da-te della stampa 3D – abbia pubblicato  un tweet che accusava Wu di non essere una persona reale.

Se seguite seguito i feed di Reddit su Wu, allora potresti aver incontrato alcune teorie cospirative che affermano che la  giovane maker di Shenzhen sia in realtà solo la faccia pubblica del suo fidanzato ingegnere. Queste teorie sono sono infondate , ma seppelliti in un feed Reddit, non davano motivi di preoccupazione per Wu.

Quando Dougherty ha deciso di sostenere queste affermazioni e pubblicarle però, le cose sono diventate un po ‘più complicate. Secondo Wu, uno dei suoi sponsor si è già ritirato da un accordo che aveva stipulato con lei e ha ricevuto molte critiche nel suo paese d’origine la Cina.

“Non c’è modo di farlo scomparire via”, ha spiegato Wu a TNW . “Non c’è retroazione che farà dimenticare la gente. La scena Maker in Cina è incentrata sulla convalida occidentale e [Dougherty] mi ha ripetutamente definita falsa e  ha lasciato il tweet pubblico per giorni. L’ha detto, la gente lo ripeterà. Questo dubbio è ora collegato al mio nome e al mio lavoro. ”

Il tweet originale di Dougherty è stato cancellato e ha porto le sue scuse a Naomi Wu su Make . Dove si legge : “Naomi, mi scuso per i miei ultimi tweet che mettono in dubbio la tua identità. Ho sbagliato, e mi dispiace … A Naomi e tutti nella comunità, voglio dire con la massima fermezza che vogliamo a Make: essere inclusivi e fornire un’arena per tutti i Maker per condividere i loro progetti, valori, sfide e l’umanità in un ambiente sicuro e solidale. Se falliamo, lo prendiamo sul serio. Ho fallito domenica e ho imparato una lezione preziosa da parte di tutti voi a riguardo. Posso fare di meglio e lo farò. ”

Tuttavia, se quello che Wu dice è vero, il danno è già stato fatto, e lei probabilmente riceverà il peso maggiore delle conseguenze delle azioni di Dougherty, mentre la sua reputazione difficilmente sarà offuscata.

Torniamo indietro, però. Perché mai Dougherty farebbe una dichiarazione così avventata e pubblica sul famoso produttore femminile?

Wu ritiene che l’attacco possa essere stato il risultato delle sue critiche verso la mancanza di rappresentanza femminile negli eventi della rivista Make, in particolare nei suoi eventi svolti nella Cina continentale. Secondo la maker, l’anno scorso ha fatto una denuncia sul piccolo numero di produttori cinesi al Shenzhen Maker Faire.

Si dice che queste proteste  siano state affrontate aggiungendo delledonne all’evento, ma   in posizioni amministrative e scolastiche, cosa che secondo Wu non basta. Quest’anno, l’evento ha fatto sì che le donne si mettessero in fila per parlare, anche se Wu era furibonda nel vedere che nessuna di loro era stata promossa o fosse stata presentata nel materiale promozionale dell’evento. Wu ritiene che sia stata forse la sua dura posizione sull’uguaglianza di genere a provocare Dougherty.

Nelle sue scuse, Dougherty invita Wu a presentarsi alla prossima Maker Faire a Shenzhen sul palco principale, anche se lei dice che non lo farà a meno che altre donne nell’evento non siano pubblicizzate maggiormente. “L’avrei preso in considerazione se avessero accettato di pubblicizzare le altre donne”, ha detto a The Outline . “Ma non ho intenzione di aiutarli a emarginare altre donne.”

Ciò che questa serie di eventi dimostra è che c’è ancora molta disuguaglianza all’interno delle case di produzione e di stampa 3D. Sentire che un uomo bianco di alto profilo e influente abbia deciso di uscirsene fuori con un tweet che scredita e insidia un fiorente creatore di fai-da-te per quello che sembra essere senza motivo, è piuttosto scoraggiante.

Fortunatamente, ci sono donne forti e di talento come Naomi “SexyCyborg” Wu in prima linea nella lotta per l’uguaglianza di genere all’interno del campo tecnologico. Attualmente, Wu sta chiamando gli sponsor di Make Magazine perchè ritengano Dougherty responsabile delle sue affermazioni sessiste.

Ecco il messaggio di Wu Ehi @make advertisers! @Microsoft @intel @nvidia @BNBuzz @Parrot @TXInstruments @digikey
It would be incredibly helpful if you could take a minute to let @make know you’re aware of what’s going on and would like to see a better response. Thank you!

– Naomi Wu (@RealSexyCyborg) , 13 novembre 2017

Be the first to comment on "Il fondatore di Make Magazine Dale Dougherty prima accusa Naomi ‘SexyCyborg’ Wu di essere un fake e poi ritratta e si scusa ma oramai la frittata è fatta"

Leave a comment