Il direttore della NASA Jim Bridenstine parla di biomedicina industrializzata nello spazio alla 70esima Conferenza internazionale astronautica (IAC) a Washington DC

“Siamo sul punto di lanciare ancora una volta gli astronauti americani sui razzi dal suolo americano per la prima volta dal ritiro della navetta nel 2011. Ora dobbiamo tornare a quell’attività con i nostri partner internazionali mentre lavoriamo per commercializzare l’orbita terrestre bassa (LEO). Siamo alla ricerca di scoperte che trasformeranno il modo in cui viviamo sulla Terra e quando si verificano queste scoperte, il capitale fluirà in quella che sarà la capacità di abitazione commerciale e le stazioni spaziali commerciali in LEO. Quindi come lo facciamo? Una delle nostre linee di sforzo è la biomedicina industrializzata “, ha annunciato la NASA amministratore Jim Bridenstine il Venerdì durante un aggiornamento pubblico sul dell’agenzia Artemis programma e il ruolo fondamentale delle partnership internazionali nel riportare gli astronauti sulla Luna e andare su Marte.

La discussione, Dalla luna a Marte: il programma Artemis della NASA , ha avuto luogo durante la Giornata pubblica alla 70a Conferenza internazionale astronautica (IAC) a Washington DC. È il giorno in cui le persone normali hanno l’opportunità di andare all’IAC e ascoltare gli aggiornamenti sull’attività della NASA, tra cui importanti scoperte e missioni future. IAC riunisce agenzie spaziali, astronauti e scienziati di tutto il mondo per discutere delle ultime scoperte, missioni e idee per l’esplorazione dello spazio.

NASA Administrator Jim Bridenstine delivers remarks introducing Vice President Mike Pence during the opening ceremony of the 70th International Astronautical Congress, Monday, Oct. 21, 2019 at the Walter E. Washington Convention Center in Washington. Photo Credit: (NASA/Bill Ingalls)

Bridenstine è molto focalizzata sui prossimi passi dell’umanità nello spazio. Durante il suo discorso, che è stato trasmesso in diretta sul sito della NASA, ha sottolineato l’importanza di imparare a conoscere la biomedicina nello spazio e ha sottolineato l’utilità di andare nello spazio in modo sostenibile, imparando a utilizzare le risorse disponibili sul posto, come parte dell’esperienza umana in orbita, che ci permetterà di vivere e lavorare per lunghi periodi di tempo. Suggerendo anche che alla fine le tecnologie e le capacità che svilupperemo su ISS, LEO e Moon, saranno replicabili su Marte.

“Mentre andiamo avanti, c’è molto da fare, ma in questo momento stiamo usando l’ISS per stampare in 3D tessuti umani e infine organi umani usando cellule staminali adulte, allo scopo di trasformare le nostre vite qui sulla Terra”, ha proseguito su Bridenstine.

Amministratore della NASA Jim Bridenstine al 70 ° Congresso Astronautico Internazionale (Photo Credit: NASA / Bill Ingalls)

“Al momento stiamo lavorando alla creazione di retine artificiali in orbita. Queste sono le cose che non puoi fare qui sulla Terra a causa del modo in cui i materiali sono stratificati, ma puoi farlo nella microgravità dello spazio usando l’ISS. Immagina una scatola, che si adatta al palmo della tua mano, e poi sale nello spazio con materiali all’interno. Ma quando quella scatola ritorna sulla Terra, la apriamo per trovare mille retine artificiali. Queste retine potrebbero aiutare le persone che hanno degenerazione maculare e sono a rischio di perdere la vista. Non sto dicendo che so che succederà, tutto ciò che sto trasmettendo è che ci stiamo lavorando giorno dopo giorno “, ha suggerito.

L’uso della ISS per generare scoperte è solo il primo passo che, secondo Bridenstine, porterà alla formazione di capitale in modo da poter avere un futuro con più stazioni spaziali finanziate dall’industria commerciale. Questo è il modo in cui la NASA può avere una presenza continua in LEO.

“La NASA vuole essere un cliente di molti in un mercato commerciale molto solido in LEO. Proprio come quello che stiamo facendo con il rifornimento commerciale della ISS, vogliamo avere numerosi fornitori in competizione tra loro in termini di costi e innovazione. Perché è così che riduciamo i costi e aumentiamo l’accesso “.

Rifornimento commerciale, personale commerciale e infine abitazione commerciale fanno parte di ciò che l’amministratore della NASA considera la chiave per un’operazione commerciale di successo in LEO. Un aviatore e politico in pensione della Marina, Bridenstine, ha ripetuto più volte che gli Stati Uniti stanno andando nello spazio con partner internazionali e commerciali, sostenendo che, per vedere l’abitazione in LEO di natura commerciale, “abbiamo bisogno di biomedicina industriale e materiali avanzati per essere riuscito.”

Ha suggerito che “quando la missione di Apolo è terminata, abbiamo avuto un gap di otto anni prima che le navette iniziassero a spaziare, e dopo che le navette finivano, abbiamo ritirato un altro gap di otto anni. Quindi vogliamo assicurarci di non avere un vuoto durante la nostra presenza in LEO. Dobbiamo tornare sulla Luna, tranne per il fatto che quando lo facciamo questa volta, non torneremo sulla Luna, andremo avanti verso la Luna. “

Negli ultimi anni, la NASA è stata un ottimo strumento per scienziati, partner commerciali e internazionali per generare un’architettura aperta nello spazio, dove la competitività guida l’immaginazione creativa e, come suggerito da Bridenstine, riduce i costi. Numerose attività di bioprinting e stampa 3D hanno raggiunto l’ISS, viaggiando come carichi utili su missili commerciali. Solo due settimane fa, la NASA e Made In Space hanno parlato dell’imminente lancio della struttura Made In Space Recycler per testare i sistemi per il ritrattamento della plastica in filamenti per la stampa 3D per creare nuovi articoli in microgravità. Alla fine di luglio, la Bio Fabrication Facility della NASA è partita per una missione di rifornimento presso l’ISS, dove gli astronauti dell’ISS National Lab faranno crescere il tessuto cardiaco. Dozzine dile aziende stanno diventando sempre più interessate a proporre idee che potrebbero aiutare a risolvere molte delle sfide che gli umani dovranno affrontare durante l’esplorazione dello spazio, e l’agenzia americana sta certamente aprendo le porte per generare un ambiente competitivo che si trasformerà in un futuro commerciale per tutti .

I visitatori di IAC hanno anche appreso da Bridenstine alcune delle future missioni per la NASA, incluso il nuovo rover lunare VIPER che mapperà il ghiaccio d’acqua sulla Luna; il modulo di comando riutilizzabile Gateway, che orbiterà attorno alla Luna e supporterà le missioni umane sulla superficie lunare per 15 anni, e l’astronave OSIRIS-REx, che attualmente viaggia verso un asteroide vicino alla Terra chiamato Bennu per riportare un piccolo campione per lo studio. Tutte queste missioni forniranno la ricerca necessaria per le missioni dell’equipaggio per sopravvivere nello spazio.

Il capo della NASA ha sottolineato l’impatto che l’agenzia ha in tutto il mondo “per ispirare i bambini e modellare la loro immaginazione, non solo verso l’esplorazione, la scienza e la scoperta”, ma anche “verso gli Stati Uniti e come il paese sta costruendo una coalizione di nazioni. “Secondo Bridenstine, la NASA riceve meno della metà dell’uno percento del bilancio federale americano, ma le basi che ha posto per immergersi nello spazio sono enormi, anche aumentando la probabilità di scoprire la vita su un altro pianeta.

La stampa 3D avrà sicuramente un ruolo cruciale nell’esplorazione dello spazio profondo e sarà una tecnologia fondamentale per i voli a lungo termine, evitando che i veicoli spaziali trasportino carichi utili così grandi, rendendo il viaggio completamente più sostenibile.

“Andremo sulla Luna per imparare a vivere e lavorare per lunghi periodi di tempo, perché alla fine quando andremo su Marte, dovremo essere lì per molto tempo. Terra e Marte si trovano sullo stesso lato del Sole una volta ogni 26 mesi, ciò significa che quando i nostri astronauti vanno, devono essere pronti a rimanere. La luna è il terreno di prova, ma Marte è la destinazione. “

“Siamo andati sulla Luna negli anni ’60 con il programma Apolo, ma accade così che nella mitologia greca Apolo abbia una sorella gemella, Artemide, ed è la dea della Luna. Quindi, questa volta, andiamo sotto il nome di Artemide, questa volta resteremo e avremo un nucleo molto diversificato e altamente qualificato che include le donne. Questa è la nostra generazione: siamo la generazione Artemis, dobbiamo possederla, prenderne il controllo e farlo accadere. ”

La mostra della NASA presso IAC presentava anche una roccia lunare, meteorite di Marte, un modello in scala 1:10 del rover Mars 2020 e un modello del Gateway

Be the first to comment on "Il direttore della NASA Jim Bridenstine parla di biomedicina industrializzata nello spazio alla 70esima Conferenza internazionale astronautica (IAC) a Washington DC"

Leave a comment