Il designer Philipp Aduatz Al Milano Design Week 2018 e la sedia in cemento stampata in 3d

La tecnologia di stampa 3D in calcestruzzo è qualcosa che viene sempre più utilizzata nei cantieri per unire rapidamente edifici e viene proposta come una potenziale soluzione alla crisi globale degli alloggi . Un utilizzo meno comune ma sempre più diffuso per la stampa 3D  è nel campo del design, per la stampa 3D di mobili e altre sculture funzionali su larga scala. Al Milano Design Week 2018 vede il designer Philipp Aduatz collaborare con la stampa 3D startup Incremental3d. Hanno prodotto una sedia in cemento stampato in 3D, che sarà esposta tra gli altri pezzi interessanti.

Il designer di Vienna Aduatz è conosciuto nel mondo del design per creare oggetti funzionali in edizione limitata, di natura altamente scultorea, e per lavorare con materiali innovativi e tecnologie di fabbricazione come la tecnologia di stampa 3D. Fondata nel settembre 2017 a Innsbruck in Austria, Incremental3d ha aperto la strada allo sviluppo di un approccio di stampa 3D concreto unico, simile alla stampa 3D FFF. La tecnica consente di stampare rapidamente e con precisione geometrie a mano libera, senza strutture di supporto.

I compatrioti hanno collaborato alla creazione del cosiddetto “Chaiselongue digitale”, un mobile in cemento. L’innovativo processo di fabbricazione di questo pezzo ha richiesto diverse fasi. In primo luogo, lo stampo negativo è stato stampato in 3D dal calcestruzzo. Ciò ha permesso di ottenere un alto livello di dettaglio e precisione nella struttura, che è stato poi impostato sul posto estraendo la miscela di calcestruzzo sul modello. Al termine dello stampo, il tempo di stampa totale è durato meno di un’ora. Le fibre di carbonio sono state utilizzate anche per rinforzare il calcestruzzo in certe aree, garantendo la stabilità e la resistenza alla trazione della struttura di forma non convenzionale nelle sue parti più sensibili.

Dopo aver stampato la sedia, è stato aggiunto un rivestimento in poliuretano resistente ai raggi UV. Quest’ultima fase è stata eseguita utilizzando un buon artigianato vecchio stile, mostrando le potenzialità di progetti di design innovativi come questo per riunire diverse forme di esperienza, con lavoro manuale creativo e automazione digitale che lavorano in armonia.

Questa combinazione di diversi elementi, contesti e metodi di lavoro si estende agli altri articoli della mostra di Aduatz. Un’altra sedia nota come “sedia a gradiente” era interamente realizzata con oggetti da costruzione trovati durante la ristrutturazione del suo studio. Come ogni bravo artista, raccolse cose che erano in giro e le mise insieme per fare qualcosa di nuovo. Il telaio della sedia era realizzato in legno, rivestito con un tessuto di mattoni e poi completamente coperto da intonaco, rinforzato con un tessuto in fibra di vetro. Un altro pezzo noto come “sedia nuvola” è realizzato in legno, filo metallico, schiuma di poliuretano, resina epossidica e poliuretanica, fibra di vetro e vernice. Incremental3d ha anche contribuito con altre sculture sorprendenti alla mostra, realizzate utilizzando la loro impressionante tecnica di stampa 3D concreta. Un grande vaso, con un disegno simile a un grande pezzo di tessuto pesante pieghettato liberamente in vari punti e riunendosi in cima, sarà in mostra. La sua geometria elaborata e complessa mostra l’alto livello di risoluzione di cui è capace la tecnologia di stampa 3D dell’azienda.

Be the first to comment on "Il designer Philipp Aduatz Al Milano Design Week 2018 e la sedia in cemento stampata in 3d"

Leave a comment