Il designer newyorkese Joe Doucet presenta un’esclusiva collezione di articoli per la casa stampata in 3D per la vetrina di Cooper Hewitt

Designer crea un’esclusiva collezione di articoli per la casa stampata in 3D per la vetrina di Cooper Hewitt

Dai tagliabiscotti , i vasi e le collezioni di giardinaggio agli attaccapanni , alle lampade e agli utensili da cucina , sembra che oggigiorno la casa stampata in 3D sia di gran moda. Il designer newyorkese Joe Doucet , definito “il progetto vivente per il designer del XXI secolo” da Forbes , ha recentemente utilizzato la tecnologia per creare una nuova collezione di articoli per la casa stampata in 3D per una nuova mostra al Cooper Hewitt Smithsonian Design Museum .

Doucet ha progettato il set stampato in 3D di pentole, posate, posate, e capsule di immagazzinamento in ceramica, in scala di grigi, appositamente per i Tablescapes del museo: Designs for Dining Showcase. La collezione, discreta ma attraente, secondo una dichiarazione di Doucet, è stata “progettata con risorse limitate in mente” per “rappresentare il pranzo nel 21 ° secolo.

Oltre alla co-fondazione del  marchio di design OTHRnel 2016 e all’appellativo di AvantGuardian per Design by Surface Magazine , Doucet ha anche ricevuto un onore nel suo campo l’anno scorso: è stato nominato vincitore 2017 dello Smithsonian Cooper-Hewitt National Design Premio come Product Designer.

“Siamo una pratica multidisciplinare pluripremiata che crede che il design sia uno strumento per creare opportunità”, recita il sito web di Doucet. “Crediamo che la visione creativa possa trasformare un oggetto in un’ossessione, un prodotto in un modello e un business in un marchio. Crediamo che, collaborando con i marchi più interessanti del mondo, possiamo creare modi innovativi per la progettazione del prodotto, il packaging, l’architettura, il design al dettaglio, l’arredamento e la tecnologia per dare forma domani. ”
La Cooper Hewitt, situata nell’Upper East Side di Manhattan, è una grande fan del lavoro di Doucet e ha commissionato i prototipi stampati in 3D nella collezione per la vetrina dei Tablescapes, che saranno disponibili per la visualizzazione al museo fino al 14 aprile 2019.

Le navi stampate in 3D possono effettivamente essere utilizzate per eseguire diverse funzioni per il servizio di ristorazione e la preparazione; per esempio, i coperchi sono usati normalmente per sigillare le ciotole al fine di mantenere il loro contenuto fresco all’interno, ma possono anche essere usati anche come sottopentola e piatti.

Spiegò Doucet: “Creando vasi ibridi, che fungono da cucina, servizio e conservazione per il cibo, eliminiamo la necessità di utilizzare elementi separati per ogni passaggio ed evitare di sprecare acqua potabile per pulire ogni oggetto tra un uso e l’altro”.
La collezione completa di stampe 3D è stata realizzata con due diversi polimeri di Shapeways basati a New York . Shapeways ha anche prestato al museo le sue attrezzature di stampa 3D per dimostrare il processo durante la mostra.

Doucet ha detto a Dezeen dei prototipi stampati in 3D: “Si prevede di essere in acciaio stampato in 3D e vetro stampato in 3D nel prossimo futuro, ma i prototipi sono stati realizzati con l’attuale tecnologia commerciale”.
Doucet ha creato alcuni dei suoi pezzi per la gamma di prodotti stampati in 3D, come guanti da corsa e ha chiesto ad altri, come Yonoh, Phillippe Malouin e Claesson Koivisto Rune di contribuire ad aggiungere alla collezione di articoli per la casa la settimana.

Le protuberanze nodose che coprono la totalità dei vasi stampati in 3D aiutano a fornire aderenza, e sono anche pensate per distribuire uniformemente il calore durante la cottura, e quindi dissipare rapidamente il calore durante il servizio.

La collezione di articoli per la casa stampata in 3D promuove anche la cucina interculturale, in quanto include anche una serie di bacchette in aggiunta ai più tipici utensili occidentali.

Questa non è la prima esperienza di Doucet con la stampa 3D. Il designer ha utilizzato la tecnologia in passato, ad esempio quando ha creato una capsule collection di cravatte a maglia 3D con Giovedì Finest . La stampa 3D rende possibile la personalizzazione degli articoli, come utensili e stoviglie, in modo specifico per l’utente, in termini sia di scala che di mano da utilizzare.

Be the first to comment on " Il designer newyorkese Joe Doucet presenta un’esclusiva collezione di articoli per la casa stampata in 3D per la vetrina di Cooper Hewitt"

Leave a comment