Il David di Michelangelo sarà stampato in 3d per l’EXPO di Dubai 2021

GEMELLO DIGITALE DEL DAVID DI MICHELANGELO PER DUBAI EXPO 2021

Un gruppo di architetti e ingegneri italiani creerà un gemello digitale per replicare la statua di Michelangelo, il David, per l’ Expo di Dubai 2021 . Questo progetto, sostenuto dalla Galleria dell’Accademia , mira a mostrare i vantaggi dell’utilizzo della stampa 3D nell’arte. La statua sarà la prima replica autorizzata dal Museo dopo che Cecile Hollberg, direttrice dell’Accademia, ha vinto una battaglia per il copyright su di essa nel 2017.

Il team che rappresenta il Padiglione Italia all’Expo, combinerà fotogrammetria e scansione laser per creare una replica della statua. Il progetto intende esporre la fusione tra Industria 4.0 e la bellezza dell’arte storica. La statua sarà il fulcro del padiglione, situato come se collegasse terra e cielo. Per inaugurare il conto alla rovescia di 1 anno, il team ha tenuto una conferenza stampa a Firenze per discutere il lancio del nuovo progetto.

“Il significato di questa operazione è far conoscere ai visitatori di Expo Dubai le competenze multidisciplinari legate alla cultura digitale, legate alla digitalizzazione e all’intelligenza collettiva rese possibili grazie al riutilizzo delle informazioni”. Lo ha detto Paolo Glisenti, Commissario Generale di Sezione per l’Italia a Expo Dubai in conferenza stampa.

Situato nella Galleria dell’Accademia di Firenze, il David di Michelangelo fu creato tra il 1501 e il 1504, il suo corpo misura 17 piedi di lunghezza e 6,5 piedi di larghezza. L’iniziativa è supportata dalle competenze di architetti e ingegneri dell’Università di Firenze e opera sotto la supervisione del Commissariato italiano per Expo 2020 Dubai . La replica verrà creata scansionando la statua originale e utilizzando quei dati per riprodurre una copia stampata in 3D.

Il Padiglione Italia si pone come un “teatro della memoria” ha affermato Davide Rampello, curatore della mostra. Avere un gemello digitale di una statua storica che rappresenta l’apice della bellezza e dell’eredità dell’arte, consente di estendere questi valori nel tempo. Poiché la replica sarà l’unica copia autorizzata del David in circolazione, se dovesse accadere qualcosa all’originale, questa replica sarebbe un valido sostituto. Inoltre, avere una macchina che riproduce il David al contrario di uno scultore, significa che la copia sarà ancora fedele alle abilità di Michelangelo poiché vengono accuratamente catturate dalla scansione digitale, piuttosto che imitate manualmente.

La riproduzione del David si articola in tre fasi che fondono competenze tecnologiche e artigianali. Un grande treppiede verrà utilizzato per effettuare le misurazioni utilizzando sensori attivi e passivi. Entrambi i sensori elaboreranno una nuvola di punti densa, che è una versione del David composta da piccoli punti dati, con ogni punto che ha le sue rispettive coordinate 3D. Nel processo verrà utilizzata anche la fotogrammetria, un processo che utilizza immagini radianti elettromagnetiche per acquisire informazioni. Una volta completato questo processo, il team avrà una copia digitale completa del David.

Successivamente, il team dovrà ricostruire fisicamente la statua. “Utilizzeremo una stampante che ci permetterà di frammentare il meno possibile, al fine di evitare problemi legati all’incollaggio dei pezzi, che risulterebbero in una replica deformata” ha spiegato in conferenza stampa Grazia Tucci dell’Università di Firenze. Per quanto riguarda i materiali, la plastica sostenibile e le varie resine sono allo studio come possibili scelte per il progetto.

Al fine di migliorare e preservare l’estetica della statua, l’ultimo passaggio coinvolge gli artigiani che restaurano manualmente la statua e gli ingegneri che fresano la superficie.

Ci sono circa 32 statue di David in diverse città del mondo. La statua è stata selvaggiamente replicata in quanto è un simbolo universale di bellezza e bontà.

Nel 1997, con l’obiettivo di far progredire la tecnologia della scansione 3D, la Stanford University e l’ Università di Washington hanno prodotto una replica digitalizzata dell’intero David. La statua è stata scansionata utilizzando lo Stanford Large Statue Scanner di Cyberware e le parti irraggiungibili sono state catturate utilizzando un telemetro laser triangolare. Infine, l’impostazione architettonica della statua è stata scansionata con un prototipo di telemetro laser a tempo di volo.

Nel 2017, Ridley Scott ha anche replicato il David, per il suo film Alien: Covenant. Una copia esistente nel V&A Museum è stata scansionata usando un treppiede telescopico da diverse angolazioni. La statua è stata quindi costruita in polistirolo su un’armatura in acciaio che è stata fissata a una piastra di base per il supporto. La rifinitura è consistita nell’ingerire le fettine di polistirolo e levigare la superficie con sottili strati di gesso duro.

Come mezzo di sperimentazione con la loro nuova attrezzatura, la società svizzera di stampa micro 3D, Cytosurge , ha utilizzato FluidFM® µ3Dprinter per ricreare una micro versione del David di Michealangelo in rame.

Be the first to comment on "Il David di Michelangelo sarà stampato in 3d per l’EXPO di Dubai 2021"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi