Il cranio del primo re vichingo danese Gorm the Old stampato in 3d

Gli archeologi 3D stampano e ricostruiscono il cranio del primo re vichingo danese Gorm the Old
Una squadra di archeologi danesi ha utilizzato la tecnologia di stampa 3D per ricostruire il cranio di Gorm the Old, il primo re vichingo della Danimarca storicamente riconosciuto. Il famoso re regnò nel paese scandinavo dall’anno 936 fino alla sua morte nel 958 DC.

Le tecnologie di scansione e stampa 3D si sono rivelate estremamente utili nel campo dell’archeologia, dove gli specialisti si sono rivolti alle tecnologie per analizzare e ricostruire manufatti antichi, reliquie e ossa senza dover manipolare fisicamente l’oggetto originale.

Infatti, Gorm the Old non è nemmeno il primo re ad avere i suoi resti trasformati in 3D, dal momento che un progetto del 2016 ha utilizzato tecniche di scansione 3D per replicare digitalmente la tomba di Re Riccardo III . Per il re danese, tuttavia, il teschio stampato in 3D è il primo.

Lo scheletro di Gorm the Old fu originariamente scoperto nel 1978, sepolto sotto il pavimento della Jelling Church, situata nel villaggio di Jelling da dove regnava Gorm il Vecchio. Prima che le vecchie ossa del re fossero sepolte nel 2000, una squadra del National Museum of Denmark ha eseguito delle scansioni CT dello scheletro.

E mentre la qualità delle scansioni 3D non hanno consentito un’analisi molto conclusiva, hanno però permesso agli archeologi di stampare in 3D le repliche delle ossa del cranio spezzate del re: il cranio originale è stato schiacciato e appiattito dopo secoli di sepoltura e ricostruito.

“È una bella sensazione stare con [le ossa stampate in 3D] nella tua mano, girarle e guardarle”, ha detto Adam Bak, il curatore di Kongernes Jelling del National Museum of Denmark. “Da una prospettiva di pura comunicazione scientifica, è molto meglio avere un” vero “osso in mano che leggere un testo su una persona storica. Non posso negare che ho anche interpretato Amleto con il suo teschio “.

La replica stampata in 3D del teschio reale ha permesso agli archeologi di apprendere alcune nuove informazioni su Gorm the Old. Ad esempio, il re aveva una crescita ossea alla base del cranio chiamata protuberanza occipitale esterna.

“Ha avuto una crescita molto pronunciata sul collo proprio nel punto in cui incontra la parte posteriore della testa”, ha spiegato Marie Louise Jørkov, postdoc di Forensic Pathology presso l’Università di Copenaghen. “Assomiglia al becco di un uccello ed è davvero pronunciato. Non è del tutto sconosciuto, ma non lo vediamo molto spesso. ”

Anche se rare, le protuberanze occipitali possono essere causate dalla pressione o dal peso esercitato sui muscoli e sui legamenti che vengono effettuati dalla protrusione. Nel caso di Gorm, l’urto non sarebbe stato visibile a meno che non avesse croppato o senza capelli, e probabilmente non ha causato sintomi reali, tranne forse per alcuni disturbi del sonno.

Quando  è stato chiesto se fosse possibile riesumare le ossa del re per   una scansione ad alta risoluzione o per estrarre il DNA dalle ossa, gli archeologi si sono mostrati titubanti.

“È stato nella tomba per 800 anni, che per gran parte di quel tempo era sott’acqua, e le sue ossa sono molto danneggiate”, ha spiegato Bak. “Dubito che sia possibile estrarre il DNA o lo stronzio [un elemento che può indicare dove una persona viveva]. Inoltre, è stato disinterrato tre volte, quindi è anche questione di permettergli di riposare in pace “.

Se le ossa di Gorm the Old vengono rimosse o meno, almeno c’è un teschio stampato in 3D che può essere mostrato e tenutoin mano !

 

Be the first to comment on "Il cranio del primo re vichingo danese Gorm the Old stampato in 3d"

Leave a comment