Il conto alla rovescia per la missione “Don’t Stop Me Now” è iniziato per Rocket Labs

Lo spazio è una delle frontiere più attraenti per l’uomo e il 2020 è stato uno degli anni più emozionanti per l’esplorazione dello spazio. Per cominciare, le compagnie stanno inviando razzi nello spazio, razzi non potenziati che sono, almeno per ora, mentre si preparano per future missioni sulla Luna e, successivamente, su Marte. Marzo non è ancora finito e abbiamo già assistito a 17 lanci di missili di successo in orbita. E la società di tecnologia spaziale Rocket Lab sta accelerando il ritmo, ora pianificando il lancio della sua seconda missione entro la fine del mese.

Chiamato “Don’t Stop Me Now”, il prossimo lancio della missione schiererà payload per la National Aeronautics and Space Administration (NASA), il National Reconnaissance Office (NRO) e l’ Università del New South Wales (UNSW) Canberra Space .

Fondato in Nuova Zelanda nel 2006 dall’ingegnere Peter Beck, Rocket Lab è noto per la stampa 3D di motori a razzo leggeri e ad alte prestazioni, come la Rutherford. Il carico utile per la prossima missione verrà lanciato a bordo del razzo Electron dell’azienda , il dodicesimo lancio dell’elettrone di Rocket Lab da quando l’azienda ha iniziato i suoi lanci nel maggio 2017 .

Nel complesso, questa missione consentirà la ricerca universitaria nel campo magnetico terrestre, supporterà la sperimentazione di nuove architetture per comunicazioni di piccole dimensioni e dimostrerà un approccio commerciale rapido per portare nello spazio piccoli satelliti governativi, che aiuta a far avanzare l’esplorazione scientifica e umana.

Il prossimo lancio di Rocket Lab sarà il secondo per la NRO, un’importante agenzia di intelligence statunitense, la prima a bordo dell’ultima missione dedicata della compagnia, “Birds of a Feather”, che è stata lanciata a bordo di un razzo Rocket Lab Electron il 31 gennaio dal Rocket Lab Launch Complex 1, in Nuova Zelanda.

Beck ha affermato che la missione è un ottimo esempio del tipo di ricerca all’avanguardia e innovazione che i piccoli satelliti stanno consentendo.

“È un privilegio che la NASA e il NRO vengano lanciati di nuovo su Electron, e siamo entusiasti di dare il benvenuto all’UNSW anche sul nostro manifest per la prima volta”, ha continuato. “Abbiamo creato Electron per rendere lo spazio facile per tutti, quindi è gratificante soddisfare le esigenze dei payload di sicurezza nazionale e dei progetti di ricerca degli studenti nella stessa missione.”

Secondo la società, la missione di rideshare lancerà numerosi piccoli satelliti, tra cui il satellite ANDESITE (dimostrazione di rete ad hoc per indagini satellitari estese e altri sforzi del team) creato da studenti e professori di ingegneria elettrica e meccanica dell’Università di Boston (BU) . Il satellite verrà lanciato nell’ambito della CubeSat Launch Initiative della NASA (CSLI) e condurrà uno studio scientifico rivoluzionario nel campo magnetico terrestre.

Una volta nello spazio, il satellite ANDESITE avvierà le misurazioni della magnetosfera con sensori integrati, successivamente rilasciando otto satelliti pico che trasportano piccoli sensori magnetometrici per tracciare le correnti elettriche che fluiscono dentro e fuori dall’atmosfera, un fenomeno noto anche come meteorologia spaziale. Queste variazioni dell’attività elettrica che corrono attraverso lo spazio possono avere un grande impatto sulla nostra vita qui sulla Terra, causando interruzioni a cose come le comunicazioni radio e i sistemi elettrici.

Il satellite ANDESITE fa seguito al primo lancio didattico di Nanosatellites (ELaNa) di Rocket Lab per la NASA, la missione ELaNa-19, che ha lanciato una serie di satelliti educativi in ​​orbita su Electron a dicembre 2018, nell’ambito di un’iniziativa per attrarre e trattenere studenti nei settori della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica.

La missione trasporta anche tre carichi utili progettati, costruiti e gestiti dall’NRO. La missione è stata acquisita con il contratto di agenzia Rapid Acquisition of a Small Rocket (RASR). RASR consente all’NRO di esplorare nuove opportunità di lancio che forniscono un approccio aerodinamico e commerciale per ottenere piccoli satelliti nello spazio, oltre a fornire a coloro che lavorano nella piccola comunità satellitare un accesso tempestivo ed economico allo spazio.

“Siamo entusiasti di collaborare con Rocket Lab per un’altra missione ai sensi del nostro contratto RASR”, ha dichiarato Chad Davis, direttore dell’ufficio dello spazio di NRO. “Quest’ultima missione è un ottimo esempio della natura collaborativa della comunità spaziale e il nostro obiettivo come partner spaziali di procurarci missioni di rideshare che non solo soddisfino le nostre esigenze di missione, ma forniscano opportunità a coloro che lavorano con smallsats per ottenere un facile accesso allo spazio.”

Una dichiarazione della società suggerisce anche che i payload ANDESITE e NRO saranno uniti nella missione dal satellite M2 Pathfinder, una collaborazione tra l’UNSW Canberra Space e il governo australiano. M2 Pathfinder testerà l’architettura delle comunicazioni e altre tecnologie che aiuteranno a informare le future capacità spaziali dell’Australia. Il satellite dimostrerà la capacità di una radio basata su software di bordo di funzionare e riconfigurare mentre è in orbita.

Il capo del progetto dei veicoli spaziali presso l’UNSW Canberra e l’ingegnere dei sistemi spaziali, Andrin Tomaschett, ha rivelato che “siamo molto entusiasti di lanciare M2 Pathfinder con Rocket Lab che sono stati così molto flessibili nell’accogliere le nostre esigenze specifiche dei veicoli spaziali, per non parlare dell’ambizioso nove- mese di progetto. Il successo di questo veicolo spaziale sbloccherà molto di più, per i nostri clienti e per l’Australia, alimentando i complessi progetti di veicoli spaziali e le missioni su cui il nostro team sta attualmente lavorando. “

Mentre il responsabile della missione ELaNa del NASA Launch Services Program (LSP), Scott Higginbotham, ha ritenuto che attraverso la CubeSat Launch Initiative, la NASA coinvolge la prossima generazione di esploratori dello spazio, fornendo ai team universitari, come ANDESITE, un’esperienza di guida reale nella vita reale una vera missione di ricerca spaziale in collaborazione con la NASA.

Chiamata in onore del membro del consiglio di amministrazione del Rocket Lab e della appassionata fan della rock band Queen Scott Smith, recentemente scomparsa, la missione avrà una finestra di lancio di 14 giorni che si aprirà il 27 marzo, nella penisola di Māhia in Nuova Zelanda. Il modo migliore in cui il pubblico può visualizzare il lancio è tramite il webcast video live di Rocket Lab : un flusso live sarà reso disponibile circa 15-20 minuti prima del tentativo di lancio.

Be the first to comment on "Il conto alla rovescia per la missione “Don’t Stop Me Now” è iniziato per Rocket Labs"

Leave a comment