Il consorzio spagnolo 3DCONS sviluppa sistemi di stampa 3d per la ricerca edilizia

IL CONSORZIO SPAGNOLO 3DCONS SVILUPPA SISTEMI DI STAMPA 3D PER LA RICERCA EDILIZIA

3DCONS , un consorzio di costruzioni spagnolo, ha completato un progetto di ricerca e sviluppo di stampa 3D collaborativo finalizzato allo sviluppo di innovativi sistemi di stampa 3D e materiali per la costruzione.

Il consorzio, guidato dalla società di costruzioni spagnola VIAS Y CONSTRUCCIONES , ha lavorato al progetto per oltre tre anni e ha presentato i risultati del progetto all’istituto di scienze dell’edilizia Eduardo Torroja (IETCC) a Madrid. Con gli sviluppi presentati come parte del progetto, 3DCONS spera che consentirà la futura automazione della costruzione di edifici, riabilitazione e isolamento termico con la stampa 3D.

Il progetto di ricerca nazionale spagnolo ” 3DCONS : New 3D Construction Processes” è finalizzato allo sviluppo di sistemi di stampa 3D specificamente “per la riabilitazione dei rivestimenti mediante stampa diretta e produzione di elementi prefabbricati” à la carte “(senza stampi o casseforme).”

Il progetto di ricerca sulle costruzioni si basava su un finanziamento di oltre otto milioni di euro ed è stato finanziato dal Centro per lo sviluppo tecnologico industriale (CDTI), un’organizzazione pubblica per lo sviluppo tecnologico in Spagna. Il finanziamento faceva parte del CIEN STRATEGICO, un programma che finanzia grandi progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale con il contributo del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR).

Così come VIAS, membri del consorzio comprendono spagnoli materiali, costruzione, produzione e software aziende LafargeHolcim , Saint-Gobain Placo , GEOCISA , PROINGESA , Atanga e CYPE .

Benjamín González, direttore dello sviluppo aziendale di CYPE, ha dichiarato: “Con i risultati ottenuti in 3DCONS, la Spagna sarà in grado di mantenere la capacità di competere a livello internazionale e promuovere un settore nazionale della stampa 3D considerato da molti come la nuova rivoluzione industriale”.

Incluso nel rapporto del progetto 3DCONS presentato all’IETCC, c’era un sistema di stampa 3D che consente la stampa diretta di una nuova facciata su una superficie esistente, che si dice sia la prima del suo genere. Inoltre, il progetto di ricerca ha anche sviluppato un sistema per la stampa di elementi prefabbricati senza la necessità di stampi o casseforme.

Il consorzio ha anche presentato una gamma di materiali da costruzione 3D stampabili da utilizzare con i sistemi, basati su cemento, calce e gesso. I materiali, sviluppati dalle società di materiali da costruzione LafargeHolcim e Saint-Gobain Placo, consentono una vasta gamma di applicazioni di costruzione per i sistemi di stampa 3D, incluso il restauro di siti storici del patrimonio. Carlos Ruiz, che ha guidato la ricerca e lo sviluppo degli intonaci a Saint-Gobain Placo, ha spiegato che, con il progetto è arrivato un cambiamento nell’uso dell’intonaco per la costruzione, come è ora possibile convalidare il suo uso come materiale di stampa 3D.

Jorge Rodríguez, responsabile Environmental Innovation e ICT presso VIAS, ha anche spiegato durante la presentazione dei risultati che l’automazione dei processi di costruzione potrebbe consentire il controllo dei tempi di esecuzione, dei costi e della qualità del prodotto finale. Può anche consentire una maggiore libertà creativa, consentendo alle aziende di personalizzare e adattare i processi di costruzione controllando diverse proprietà dei materiali come spessore e geometria.

“Per la stampa di facciate su scala edilizia è necessario uno scalare industriale della tecnologia sviluppata, [tuttavia] nel campo dei prefabbricati [elementi senza stampi] ci sono potenziali applicazioni che possono essere trasferite in breve sul mercato” ha spiegato Jorge Rodríguez.

“UNO DI QUELLI GIÀ IN CORSO CON UNA PRIMA VERA APPLICAZIONE PIANIFICATA È LA STAMPA DI CASSERI PERSI PER L’ESECUZIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI CON GEOMETRIE COMPLESSE.”

Con il progetto 3DCON, c’è stato un maggiore input nella ricerca e implementazione della stampa 3D per la costruzione. Recentemente, l’ Università di tecnologia di Graz (TU Graz) in Austria ha svolto ricerche per lo sviluppo di parti in calcestruzzo stampato 3D per la costruzione, come parte del progetto COEBRO . Simile a 3DCON, il progetto cerca anche di eliminare l’uso di casseforme nella costruzione in cemento.

Inoltre, la compagnia di materiali edili mediorientali Al Kathiri Holding ha ricevuto l’approvazione dal Ministero per l’edilizia dell’Arabia Saudita per sviluppare e utilizzare il calcestruzzo stampato in 3D per progetti basati sul governo.

Be the first to comment on "Il consorzio spagnolo 3DCONS sviluppa sistemi di stampa 3d per la ricerca edilizia"

Leave a comment