Il cioccolato e la stampa 3d dove siamo ?

Non è un segreto che il cioccolato sia un alimento universalmente amato. In effetti, l’americano medio mangia più di nove chili di cioccolato all’anno. Dal 2013, sia le aziende di stampa 3D che le compagnie di cioccolato hanno investito in modo crescente in macchine da stampa 3D  nel settore. La stampa 3D del cioccolato consente alle aziende di offrire prodotti personalizzati ai propri clienti ad un prezzo molto più basso rispetto al passato, e se gli sviluppi continuano, potrebbe cambiare il modo in cui il cioccolato viene prodotto nel suo complesso.

L’uso della stampa 3D nell’industria del cioccolato ha offerto agli utenti più opzioni per le prelibatezze personalizzabili che mai. Il processo di stampa funziona quasi esattamente allo stesso modo della stampa 3D tradizionale, anche se è richiesta attenzione alla temperatura. Con semplici disegni CAD, i clienti e gli utenti possono vedere le loro creazioni commestibili prendere vita. Gli utenti possono anche godere di design 3D incredibilmente complessi che sarebbero impossibili da progettare con la modellazione  delle mani. La personalizzazione come questa è già disponibile per i consumatori nelle location di Chocolate World di Hershey. I clienti possono prendere un “selfie” di se stessi e gli amici e guardare i loro volti essere piantati su una barra di Hershey o possono usare un iPad e selezionare un disegno prestabilito.

Sfide / Limiti

Come detto sopra, la stampa 3D del cioccolato è molto sensibile alla temperatura. Il processo può anche richiedere molto tempo a causa di problemi di temperatura. Il cioccolato deve essere sufficientemente riscaldato da sciogliersi per consentire la produzione, ma gli strati inferiori devono anche essere abbastanza freschi e asciutti da consentire all’oggetto di mantenere la sua forma. A differenza della stampa 3D con plastica e metallo, il cioccolato è più limitato nei disegni in termini di altezza e struttura.

Mars Inc.

Mars Inc. potrebbe essere l’azienda più interessante nel settore della confetteria e della cioccolata per il fatto di essere un’azienda privata ed estremamente riservata. Mentre Mars Inc. non ha dichiarato esplicitamente che stanno investendo nella produzione additiva, il loro vice presidente del marketing nel Regno Unito, Michael Magee, ha accennato alla possibilità. Nel 2014, ha dichiarato “E chi lo sa, un giorno potresti avere una fabbrica virtuale di Marte nella tua casa, con la possibilità di ordinare online e stampare la tua barra preferita sulla tua stampante 3D.”

Hershey e  3D Systems

Nel 2015, Hershey’s e 3D Systems hanno collaborato per creare la stampante 3D CocoJet . Il CocoJet è in mostra e crea creazioni personalizzate per i clienti nelle location di Hershey’s Chocolate World. Le aziende mantengono un rapporto forte con questo giorno con iterazioni fatte periodicamente. Questa relazione mostra il potenziale della stampa 3D all’interno dell’industria del cioccolato, in quanto entrambe sono due delle più grandi aziende nei loro campi.

Mondelez International

Mondelez International , società madre di marchi come Toblerone, Cadbury, Oreo, Chips Ahoy !, Ritz ecc., È un altro grande fornitore di cioccolato che ha investito nella stampa 3D. Al festival South by Southwest del 2014, i consumatori si sono messi in fila per creare il proprio biscotto Oreo personalizzato in 3D. Mentre la società non ha mostrato pubblicamente le proprie capacità di stampa 3D al cioccolato, Sanjay Solanki, responsabile globale della ricerca e sviluppo di nuovi prodotti e innovazione, ha dichiarato: “Alcuni anni fa ci sono volute settimane prima che prendessimo una tavoletta di cioccolato per i test dei consumatori. Ora possiamo usare la stampa 3D e farlo durante la notte. ”

Nestlé

Nestlé , i grandi marchi multinazionali di alimenti e bevande includono KitKat, barrette di cioccolato, Gerber, Coffeemate, Pure Life Water, Pellegrino, Stouffer ecc. Nestle è coinvolta nella stampa 3D di prodotti alimentari dal 2013. Nel 2013 Nestlé ha collaborato con Google per festeggia la più recente iterazione del sistema operativo Android chiamato 4.4 KitKat. Nestlé ha contattato artisti locali sudafricani per elaborare disegni e il team ha stampato le sculture di cioccolato. L’evento è stato chiamato “Android KitKat Presents Chocnology”. Purtroppo, Nestlé non ha divulgato alcuna informazione pubblica in merito alla stampa 3D del cioccolato. Tuttavia, la divisione di ricerca e sviluppo di Nestlé, chiamata NIHS (Nestlé Institute of Health Sciences), è ancora attivamente investita nella produzione additivacon uno dei loro progetti di alto profilo chiamato “Project Iron Man”. Project Iron Man analizza l’utente, analizza in che cosa sono carenti e quindi stampa alimenti costituiti dai nutrienti che mancano.

Uso individuale / Small Business

Nel 2013, una società inglese chiamata Choc Edge ha creato la sua prima stampante 3D al cioccolato chiamata Choc Creator. A differenza di CocoJet di Hershey, Choc Creator è disponibile per la vendita al pubblico per $ 3,200. Il Choc Creator consente agli utenti di stampare in 3D le loro creazioni di cioccolato da una moltitudine di fonti CAD. Sebbene l’azienda consigli il cioccolato fondente, gli utenti possono utilizzare qualsiasi tipo di cioccolato a loro scelta. Il prezzo relativamente basso e la flessibilità del CAD rappresentano un’opportunità entusiasmante per i cioccolatieri. I cioccolatieri che possiedono e gestiscono una piccola impresa ora possono offrire ai loro clienti una miriade di progetti che in precedenza non potevano essere prodotti.

Conclusione

Mentre siamo lontani anni da un mondo in cui ogni barretta di cioccolato è stampata in 3D, è importante notare che l’industria del cioccolato è un settore maturo e globale che vale più di $ 50 miliardi. Hershey sta investendo molto nella stampa 3D con i sistemi 3D e l’aumento delle stampanti a buon mercato a casa come i Choc Creators potrebbero essere indicatori del fatto che la produzione di cioccolato cambierà drasticamente.

Be the first to comment on "Il cioccolato e la stampa 3d dove siamo ?"

Leave a comment