Il Centro per la nanotecnologia biomolecolare (CBN) dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT),utilizza il sistema di produzione additiva DragonFly

L’IIT 3D in Italia stampa i sensori integrati negli imballaggi elettrici utilizzando il sistema DragonFly di Nano Dimension
L’imballaggio verrà utilizzato per la prototipazione rapida di dispositivi e microsistemi di sistemi microelettromeccanici e trasduttori indossabili
Victor Anusci , 26 settembre 2019 0 30 1 minuto di lettura
Sensori integrati IIT Nano Dimension Sensore 3D incorporato nell’imballaggio elettrico Stampato 3D su DragonFly di Nano Dimension (in basso) rispetto all’imballaggio tradizionale (in alto)

Dimension Ltd Nano . ha annunciato oggi che uno dei suoi clienti,il Center for Biomolecular Nanotechnologies (CBN) dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT),utilizza il sistema di produzione additiva DragonFly per stampare in 3D sensori integrati in imballaggi elettrici.

IIT è un istituto di ricerca leader in Italia con la missione di promuovere lo sviluppo tecnologico e l’istruzione superiore in scienze e tecnologia. IIT prevede di utilizzare l’imballaggio elettrico per la prototipazione rapida di dispositivi e microsistemi di sistemi micro-elettromeccanici (MEMS) di prossima generazione e trasduttori indossabili per la tecnologia dell’informazione e della comunicazione (TIC) e applicazioni biomediche.

I ricercatori IIT useranno la loro esperienza in MEMS per sviluppare un monitoraggio affidabile in tempo reale e raccoglitori di energia per una lunga durata della batteria o un funzionamento senza batteria dei dispositivi.

“Una delle principali scoperte raggiunte dai ricercatori è stata la procedura di incorporazione dei sensori negli strati interni della confezione, in genere un processo complesso a più fasi”, ha affermato Amit Dror, CEO di Nano Dimension. “La stampa 3D di sensori integrati all’interno di imballaggi elettrici evita i processi di stampaggio ad iniezione, riduce la necessità di contatto umano nelle fasi di assemblaggio rispetto ai metodi tradizionali ed elimina fili, saldatura e connettori. Il posizionamento dei sensori negli strati interni del pacchetto può anche liberare spazio, per rendere la struttura più piccola, più leggera e meno costosa da produrre. ”

L’incorporamento dei sensori è stato ottenuto sfruttando il sistema di deposizione a getto d’inchiostro multimateriale estremamente preciso di DragonFly che consente la stampa 3D simultanea di inchiostro conduttivo in nanoparticelle d’argento (metallo) e inchiostro isolante (dielettrico) attraverso un processo di fabbricazione strato per strato. La stampa è stata messa in pausa per posizionare il sensore su cavità prestampate e ha continuato a completare il lavoro e sigillare il sensore.

“L’idoneità del sistema DragonFly alla produzione rapida e conveniente di prototipi funzionali, combinata con l’ampio ecosistema di applicazioni per la raccolta di energia e salute, lo rende una scelta ideale per il nostro team per ottenere prestazioni più elevate, sviluppo rapido e stampare forme complesse che non possono essere ottenute utilizzando processi di produzione tradizionali “, ha affermato il prof. Massimo De Vittorio del CBN-IIT di Lecce, Italia.

L’acquisto di DragonFly da parte di IIT è stato facilitato da Cadlog Group , rivenditore a valore aggiunto di Nano Dimension in Italia, la cui missione è quella di fornire soluzioni di produzione additiva all’industria elettronica.

La forza lavoro IIT è composta da circa 1.700 persone provenienti da oltre 60 paesi, che lavorano insieme per condurre ricerche all’avanguardia in settori multidisciplinari come la robotica, la nanobiotecnologia, l’industria, la scienza computazionale e la medicina. La ricerca presso l’IIT CBN di Lecce si concentra sullo sviluppo di micro e nanotecnologie per il corpo umano e per l’ambiente, studiando e sfruttando nanomateriali e biomateriali e le loro interazioni su scala nanometrica.

Be the first to comment on "Il Centro per la nanotecnologia biomolecolare (CBN) dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT),utilizza il sistema di produzione additiva DragonFly"

Leave a comment