Il Braccio robotico che diventa una stampante 3d e che corregge gli errori di Brian Harms

Uno studente del Southern California Institute of Architecture di Los Angeles , Brian Harms, ha sviluppato un metodo per utilizzare  un braccio robotico per stampare in 3d grazie ad un serbatoio di gel, che permette la stampa  senza la necessità di strutture di supporto e con, potenzialmente, l’aggiunta di una funzione di “undo” per eliminare gli errori

Il gel sostiene la resina liquida depositato dal robot mentre si indurisce, superando una lacuna di altre tecnologie di stampa 3D, in cui devono essere stampati insieme con gli oggetti stessi delle strutture per evitare che gli oggetti collassino

Harms sviluppato uno strumento di stampa speciale per il progetto
Il processo permette anche di stampare in maniera vettoriale, cioè la testina di stampa può muoversi in tre dimensioni piuttosto che dover costruire oggetti estremamente sottili da strati bidimensionali.

La resina utilizzata per stampare indurisce quando viene esposta alla  luce e viene iniettata attraverso una speciale testina aghiforme sviluppata da Harms e dalla sua squadr. Una volta che l’oggetto viene rimosso dal gel, il gel può essere riutilizzato.

Progetto Harms ‘segue altri recenti innovazioni di stampa 3d senza stampante classica. Nel mese di maggio, Petr Novikov e Saša Jokić dell’ Istituto di Barcellona di Architettura Avanzata ha presentato un braccio robotico in grado di stampare gli oggetti a mano libera utilizzando plastica termoindurente. Nel mese di febbraio, una penna  che stamperebbe in 3d  ha raccolto quasi $ 500.000 nel suo primo giorno  su Kickstarter.

da dezen .com

Be the first to comment on "Il Braccio robotico che diventa una stampante 3d e che corregge gli errori di Brian Harms"

Leave a comment