Il Bioplotter 3D Envisiontec

Bioplotter 3D Envisiontec: nuove funzionalità di bioprinting
Il bioplotter 3D di EnvisionTEC è stato al centro di oltre 333 lavori scientifici, dalla stampa 3D di tessuti umani alla stampa 3D di un’ovaia per l’impianto di topo . È una delle bioprinter 3D più comunemente usate (e le prime) nel settore sia per l’ingegneria dei tessuti che per la ricerca sulla biofabbricazione.

Ora, il fornitore globale di soluzioni di stampa 3D di livello professionale sta espandendo le capacità di bioprinting del loro prodotto di punta appena in tempo per la conferenza annuale della Società europea per i biomateriali (ESB) a Dresda, in Germania. Lanciato nel 2000, il bioplotter 3D è probabilmente una delle bioprinter più stagionate sul mercato e ora sta ottenendo due nuove opzioni di testine di stampa che aiuteranno a far avanzare la ricerca biomateriale.

Il primo è un aggiornamento della testina fotopolimerizzante, che ora consente fino a cinque lunghezze d’onda o loro combinazioni durante un progetto. La seconda è una testina Ink-Jet a bassa temperatura progettata per erogare materiali attraverso un processo senza contatto.

Uno dei numerosi processi di solidificazione disponibili per i clienti del bioplotter 3D è la fotopolimerizzazione. Secondo EnvisionTEC, mentre la lunghezza d’onda di 365 nanometri (nm) rimane la più comunemente richiesta dai fotoiniziatori utilizzati dagli utenti accademici e industriali, questa lunghezza d’onda ha un impatto negativo sulla sopravvivenza delle cellule durante un uso prolungato o ripetuto, specialmente nel campo di ricerca della bioprinting.

Pertanto, la società ha cercato un modo per risolvere questa necessità di spostarsi verso i fotoiniziatori che reagiscono alla gamma di luce visibile, a cui le cellule possono essere esposte con un minimo effetto biologico.

Per evitare il costante scambio manuale di sorgenti luminose quando si utilizzano materiali diversi, nonché per consentire combinazioni di fotoiniziatori, EnvisionTEC ha ideato un aggiornamento per la propria macchina, un aggiornamento a penna a più lunghezze d’onda che ora fornisce cinque lunghezze d’onda in una penna a singola fonte. Tramite il software Bioplotter 3D, le singole lunghezze d’onda o le loro combinazioni sono selezionabili dall’utente e possono essere assegnate a singole parti.

I clienti attuali con teste fotopolimerizzanti esistenti possono avere le loro teste esistenti aggiornate per consentire l’uso delle nuove penne sorgente. Le lunghezze d’onda incluse sono 365, 385, 395, 405 e 455 nm.

Il secondo punto forte dell’azienda, la testina Ink-Jet a bassa temperatura, è finalizzato all’erogazione di idrogel a bassa viscosità come rivestimenti durante la stampa 3D di parti o per la fabbricazione di impalcature ibride. La chiave è che la valvola di microdispensing integrata può essere controllata attraverso il software per erogare singoli punti di materiale non collegati o per collegarli a linee di goccioline erogate.

Con un’apertura di 100 micron, questa testa è limitata a materiali a bassa viscosità, come gli idrogel. Inoltre, tutti i componenti a contatto con il materiale di erogazione possono essere sterilizzati in autoclave, consentendo anche l’erogazione di sospensioni cellulari. E a seconda della scelta dei materiali, la testina Ink-Jet può essere utilizzata per creare progetti di stampa a punti veloci, per distribuire materiali in posizioni specifiche sulla piattaforma (progetti organo su un chip), per riempire i pori di impalcature ibride, o per distribuire rivestimenti su scaffold 3D stampati contemporaneamente.

EnvisionTEC afferma che l’intero supporto della cartuccia è riscaldabile, da un intervallo di temperatura ambiente fino a 70 gradi centigradi, al fine di mantenere i materiali nella cartuccia alle loro temperature di lavorazione adeguate. Inoltre, questa testina è stata progettata per l’uso di cartucce da 10 ml ma si adatta anche a cartucce usa e getta da 3 ml, con una durata di erogazione compresa tra 0,4 e 100 ms e un intervallo di frequenza compreso tra 1 e 100 Hz.

La famiglia di stampanti 3D-Bioplotter è composta da tre modelli : la serie Starter, la serie Developer e la serie Manufacturer, ognuna con capacità crescenti. Il bioplotter 3D originale è ora alla sua quarta generazione e vi sono passati oltre 15 anni di sviluppo hardware e software.

Uno degli utenti frequenti del bioplotter 3D, Teja Guda, assistente professore di ingegneria biomedica presso l’Università del Texas a San Antonio, ha dichiarato di recente che “la particolarità della stampante è che è in grado di stampare cellule viventi all’interno del materiale mentre lo stampi. “

La stampante 3D modulare è facile da usare pur essendo in grado di effettuare ricerche avanzate allo stesso tempo. La serie Bioplotter stampa con biomateriali open source, usando l’aria o la pressione meccanica per estruderli attraverso una varietà di siringhe. Entrambi i nuovi capi sono attualmente in mostra a Dresda, presso lo stand EnvisionTEC, dove i partecipanti possono vederli in azione e conoscere meglio la ricerca che queste nuove aggiunte renderanno possibili.

Be the first to comment on "Il Bioplotter 3D Envisiontec"

Leave a comment