Il 3D Printer Party di Burgos

Burgos, la capitale dello stato di Castiglia, è una città storica di circa 200.000 abitanti nella parte settentrionale della Spagna, sede di una cattedrale che è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO e di numerosi edifici medievali che danno alla città un carattere affascinante che continua a attirare visitatori. Tuttavia, non è un luogo rivolto solo al passato, e in effetti  abbraccia  non solo il presente, ma  anticipa  il futuro. Nel 2010, il Museo dell’Evoluzione Umana ha aperto a Burgos, nel 2013 la città è stata selezionata come Capitale della Gastronomia Spagnola, non piccola impresa data la sua piccola dimensione, e negli ultimi quattro anni ha ospitato uno dei raduni più attivi per i fan e uomini d’affari nell’arena della stampa 3D: il 3D Printer Party .

Il raduno di quest’anno, che si è svolto dal 4 al 6 maggio, è stato ospitato nel campus dell’Università di Burgos come parte di un più ampio evento della Settimana della Scienza, ma ha finito per rubare lo spettacolo. Oltre ad essere un importante evento di stampa 3D in Spagna, è anche il sito di un nuovo record mondiale per il numero di stampanti 3D che lavorano simultaneamente in un singolo evento con 161 macchine che creano una frenesia di fabbricazione. Questo sforzo concertato ha spostato il record precedente titolari, entrambi negli Stati Uniti, di Airwolf3D e LeTourneau University di Longview, in Texas, con 159 macchine concorrenti che stampano ciascuna.

Con questo debutto, Burgos ha lasciato il segno nella scena di stampa 3D spagnola, in quanto i tre precedenti eventi del 3D Printer Party si erano svolti a León. Questo non è stato un colpo di stato da parte di Burgos, tuttavia, poiché l’evento è stato intenzionalmente spostato a Burgos dai suoi creatori Leonesi José Ángel Castaño, Victoria Marcos Maldonado e Beatriz Melón dell’Associazione nazionale per l’educazione e lo sviluppo della tecnologia [Asociación Nacional de Educación y Fomento de la Tecnología (ANEFT)]. Oltre all’appoggio di León e di quello fornito dall’Università, l’evento è stato reso possibile grazie al sostegno della società di Burgos Abadía Tecnológica , la società di filamenti 3D FFF World e una serie di altre società tecnologiche a livello locale e nazionale .

Oltre a battere il record del mondo, l’evento ha messo in mostra l’ampia varietà di applicazioni di stampa 3D che vengono esplorate ovunque sia disponibile la tecnologia, dalla robotica alla medicina per rendere il mondo ancora più piacevole, con molti degli oggetti in mostra che hanno è stato prodotto prima dell’evento come il culmine di centinaia di ore di lavoro umano.

Un partecipante, Guillermo Quiroga di KiroLab 3D , ha presentato un meccanismo di Antikythera stampato in 3D , che è fondamentalmente un antico computer analogico sviluppato in Grecia utilizzato per prevedere posizioni astronomiche e altri eventi celesti e per tenere un calendario per gli antichi Giochi Olimpici.

Guillermo Quiroga, con il meccanismo di Antikythera stampato in 3D.
Quiroga ha descritto le ragioni della sua decisione di ricreare l’antico dispositivo utilizzando una tecnologia all’avanguardia:

“Solo il Museo Archeologico Nazionale di Atene ha una ricostruzione di un meccanismo di Antikythera, realizzato con metalli e metacrilato, ma la creazione di questo design estremamente complesso con la stampa 3D democratizza la possibilità di studiare il primo computer al mondo. Questa macchina calcolava e prevedeva posizioni astronomiche ed eclissi fino a 19 anni prima … e le date esatte per sei antichi giochi greci … Una volta completata la stampa 3D, i file per la stampa sono stati rilasciati liberamente in modo che chiunque nel mondo con accesso a una stampante 3D può creare il proprio. ”
Anche MakerGal3D, con sede in Galizia, ha guidato un progetto ambizioso per stampare in 3D una spadalunga 4,8 metri , progettata e affettata in 170 pezzi e poi stampata in 3D da 40 produttori in 300 ore di stampa. 15 kg di PLA in seguito, i pezzi sono stati assemblati per formare una massiccia replica della spada di El Cid.

Altri display includevano scatole chemio stampate con l’estetica dei supereroi; modelli architettonici; e robot funzionali. E anche se non ci sono stati molti palloni o eventi legati a ping pong come in alcune parti, dalle foto è chiaro che si trattava di una festa di stampa 3D da non perdere e sicuramente non da trascurare.

Be the first to comment on "Il 3D Printer Party di Burgos"

Leave a comment