Ikea una stampante 3d in ogni centro in Francia e Belgio progetto pilota

Ikea un nuovo programma pilota per esplorare le potenzialità con una stampante 3d presente in azienda

Ikea riciclaggio 05Se siete una di quelle persone che usano la stampa 3d per la casa, avrete probabilmente notato che i mobili Ikea sono particolarmente facili da combinare con componenti stampate in 3D. In realtà, ci sono in linea degli hack  destinati ai mobili Ikea. Sembra che il gigante svedese abbia finalmente colto questo concetto, in quanto stanno lanciando una serie di programmi pilota in Belgio e in Francia, dove i clienti possono portare i mobili rotti alle stazioni di riparazione Ikea per il riciclaggio o il fissaggio con l’aiuto di una stampante 3D .

In parte, questo concetto interessante verte sulla riparazione del mobile con la conseguenza di diminuire i rifiuti. Negli ultimi anni la quantità di rifiuti che come società stiamo generando sta aumentando rapidamente. I Mobili, e in particolare i mobili Ikea che costano poco stanno rapidamente diventando un problema per la gestione dei rifiuti. Nella sola Inghilterra si stima  che 10 milioni di articoli per la casa finiscano in discarica ogni anno, anche se 3 milioni di questi pezzi potrebbero  essere utilizzati da altre persone.

“E ‘interessante il fatto che c’è una percezione di questi mobili accessibili che  in qualche modo diventa anche usa e getta,” ha dichiarato Steve Howard, Chief Sustainability Officer di Ikea. “E noi abbiamo avuto modo di constatarlo. Pensiamo che sia nostro dovere far presente al cliente se il suo mobile vecchio sia veramente da buttare oinvece se si può riciclare”.

Con questo nuovo programma “Chain Resource Project” Ikea  quindi spera di trasformare il concetto di arredo, in qualcosa che crescerà insieme a noi. Se il vostro bambino non ha più bisogno di un fasciatoio, perché non aggiungere poche componenti  stampate in 3D e trasformarlo in una scrivania? Anche se  non è la scrivania che si desidera avere, altre persone potrebbero essere molto felice con un alternativa a basso costo. Questo concetto ‘di economia circolare ‘ mira soprattutto a ridurre i rifiuti attraverso la riparazione, il riutilizzo, il rinnovo e il riciclaggio – qualcosa che cambierà anche il modo in cui Ikea produrrà mobili e interagirà con i propri clienti.

E per rendere questo programma più attraente per i clienti, ai clienti belgi e francesi che entrano in contatto con questo progetto e consegnano i vecchi mobili riutilizzabili vengono riconosciuti dei buoni spesa . Ikea sottolinea  che hanno visto molto entusiasmo per le soluzioni alternative alla discarica . Molte persone non hanno nemmeno bisogno dei buoni sconto per i loro sforzi, ma sono felici di vedere che ai mobili è data nuova vita . Un programma in Svezia, in cui la gente poteva portare i mobili in plastica per il riciclaggio (anche se non  acquistati all’Ikea), è stato un enorme successo.

Programmi analoghi sono attesi altrove in futuro, e si potrà contare contare sulla stampa 3D, dice Ikea. L’azienda spera di avere finalmente stampanti 3D in loco in ogni negozio Ikea, così rotture  o parti mancanti non condanneranno un mbile alla discarica immediatamente. Blueprints saranno inoltre messe a disposizione per i clienti con le stampanti 3D a casa. Il programma per essere reso completo in tutto il mondo potrebbe richiedere però una decina d’anni.

Be the first to comment on "Ikea una stampante 3d in ogni centro in Francia e Belgio progetto pilota"

Leave a comment