Ikea e la stampa 3d presenta la linea OMEDELBAR di Bea Åkerlund stampata in 3d

Ikea annuncia la sua prima collezione di oggetti stampati in 3D: la linea OMEDELBAR di Bea Åkerlund

Ikea alle prese con il lancio della sua prima collezione stampata in 3d, “OMEDELBAR”, che dovrebbe arrivare il prossimo anno negli store svedesi. Sono prevalentemente  pezzi decorativi , il primo oggetto stampato in 3D nella collezione è una mano stilizzata ispirata alla rete che può essere appesa alla parete o utilizzata come appendiabiti decorativo per gioielli. L’articolo eccentrico e accattivante è stato prodotto in collaborazione con il designer svedese Bea Åkerlund. Dopo aver lavorato con Madonna, Beyoncé, Lady Gaga, Rihanna e altre star pop, Åkerlund sa fare una collezione sciroccata….

Sebbene non sia esattamente un’innovazione  nell’industria manifatturiera additiva, la collezione OMEDELBAR è un notevole passo avanti nel campo delle produzioni di massa. Secondo Jakub Pawlak, Trader Free Range di Ikea Poland e lead del progetto, Ikea è oggi uno dei primi grandi marchi ad utilizzare la stampa 3D nell’arredamento della produzione di massa. Ancora più importante, la mano di OMEDELBAR è un segno evidente che la stampa 3D è qui per rimanere, con applicazioni sempre più in vista .

“Abbiamo iniziato questo progetto un anno e mezzo fa, prevedendo il boom della stampa 3D nella produzione di massa. Tradizionalmente la tecnologia è stata usata per la prototipazione nelle industrie high-tech o negli stampi utilizzati per i metodi di produzione tradizionali “, spiega Pawlak. “Ora, chiudiamo velocemente sul punto dove la stampa 3d diventa economicamente più efficiente nella produzione di massa. In questo contesto, la mano OMEDELBAR avrà il suo posto nella storia della produzione del design “.

“Il segno di un boom è ovunque”, dichiara Shane Hassett, CEO della società di stampa 3D Wazp che ha collaborato con Ikea. Mentre la stampa 3D cresce in popolarità, i grandi player stanno cominciando a rilasciare nuove tecniche proprie.

Nel caso della mano OMEDELBAR, la tecnica di stampa 3D non era completamente nuova, ma piuttosto una svolta sul classico metodo SLS (Selective Laser Sintering). Lanciata dalla compagnia finlandese Materflow, dove è stata stampata la mano Ikea, questo processo SLS ruota intorno a una stampante riscaldata a 177 gradi, dove un blocco di polvere con oggetti stampati all’interno lavora per circa 40 ore. Dopo la rimozione, il blocco viene inserito in una scatola di legno sigillata, dove rimane per una intera giornata di 24 ore fino a  quando la temperatura scende a 60 gradi.

“Abbiamo sviluppato questa tecnica per poter avviare immediatamente una nuova sessione di stampa anziché lasciare raffreddare la macchina”, dice Sami Mattila,partner fondatore di Materflow.

A seguito del processo di raffreddamento, la costruzione viene separata. Gli oggetti stampati vengono tolti (automaticamente o manualmente) e poi puliti, asciugati, testati e spediti. La Stampa 3D è fatta con il Nylon 12, Mattila spiega che il materiale è stato scelto per la sua durata, la flessibilità, la resistenza chimica, l’insensibilità alla frattura da stress e all’alta resistenza alle radiazioni UV. Il risultato è un componente duraturo e straordinario che semplicemente non avrebbe potuto essere ottenuto con i metodi tradizionali.

Per quanto riguarda il futuro di Ikea nella stampa 3D, Pawlak prende atto di 4 possibili direzioni che il produttore svedese potrebbe imboccare nei prossimi anni. La prima è già in corso con la mano OMEDELBAR: piccoli oggetti decorativi con poca funzionalità. Secondo è quello che Pawlak chiama “piccoli colpi di vita”. La terza direzione possibile ruota attorno a creare disegni più complessi che in precedenza non erano possibili con le tecniche di produzione tradizionali. Infine, Pawlak vede la stampa 3D su richiesta come una possibilità molto reale per Ikea se i costi di produzione continueranno a diminuire.

“Io prevedo che in due anni IKEA avrà una sorta di soluzione per questo. Ma [se ci saranno stampanti nei nostri negozi IKEA, nelle stazioni di stampa vicino ai diversi mercati o punti di raccolta locali, questo è ancora da vedere “, scrive Pawlak sul sito web di Ikea.

Indipendentemente da quale traccia Ikea deciderà di percorrere, i rappresentanti dell’azienda affermano che nei prossimi due anni possiamo aspettarci che un ibrido di installazioni di produzione e distribuzione potrebbe essere presente in tutto il mondo, dove i prodotti possono essere configurati  per le esigenze di Ikea. Come osserva Hassett, “abbiamo tutto quello di cui abbiamo bisogno oggi per creare una soluzione; Ora è solo questione di tempo “.

Be the first to comment on "Ikea e la stampa 3d presenta la linea OMEDELBAR di Bea Åkerlund stampata in 3d"

Leave a comment