I Russi sono riusciti a far crescere la ghiandola tiroidea di un topo a gravità zero con il bioprinter 3d magnetico Organ.Aut a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS)

Gli scienziati russi sono riusciti a far crescere la ghiandola tiroidea di un topo a gravità zero usando un bioprinter 3D a bordo sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). L’esclusivo bioprinter magnetico 3D, chiamato Organ.Aut, è stato consegnato all’ISS da un veicolo spaziale Soyuz MS-11 il 3 dicembre da Expedition 58.

Il bioprinter di Organ.Aut 3D è una copia di uno che è stato perso nell’aborto della missione MS-10 di Soyuz l’11 ottobre. Il cosmonauta russo Oleg Kononenko, precedentemente addestrato a lavorare con una bioprot 3D, ha iniziato l’esperimento sulla stampa tessuto vivente il 4 dicembre alle 17:00 GMT. Al momento, i primi risultati dell’esperimento sono già stati ottenuti – gli scienziati russi sono riusciti a far crescere la tiroide di un topo a gravità zero. Invitro, la cui controllata 3D Bioprinting Solutions ha realizzato il bioprinter 3D, ha dichiarato a Ria Novosti: “Abbiamo ricevuto foto dallo spazio. La fotocamera mostra chiaramente una costruzione vivente della tiroide di un topo montata. ”

I risultati dell’esperimento saranno inviati sulla Terra per l’analisi nel dicembre 2018, dopodiché inizierà la loro ricerca. I risultati saranno presentati a febbraio 2019. Invitro afferma che la maturazione degli organi e dei tessuti stampati in 3D a gravità zero avviene molto più velocemente e in modo più efficiente rispetto alla Terra.

“Non c’è nulla di impossibile”, ha detto il CEO di Invitro, Aleksandr Ostrovsky. “Gli stessi risultati tridimensionali per il bioprinting possono essere utilizzati in una varietà di settori. Ci piacerebbe risolvere il compito dei trapianti. Questo è un enorme mercato. Anche molto interessato alla prospettiva di stampare prodotti alimentari dalle cellule, anche nello spazio. “Alla domanda se gli organi umani saranno presto stampati in 3D sulla ISS, Ostrovsky ha detto:” L’unica domanda riguarda i costi. In questo momento stiamo lavorando a nuovi tipi di bioprinting “.

Gli Stati Uniti prevedono di inviare la loro bio-stampante 3D all’ISS nella primavera del 2019.

Il bioprinter FABION 3D, anch’esso sviluppato da 3D Bioprinting Solutions, è riuscito a raggiungere con le cellule dei topi la gravità della Terra nel 2015.

Be the first to comment on "I Russi sono riusciti a far crescere la ghiandola tiroidea di un topo a gravità zero con il bioprinter 3d magnetico Organ.Aut a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS)"

Leave a comment