I metalli amorfi stampati in 3d migliorano l’acustica della chitarra ?

I METALLI AMORFI STAMPATI IN 3D POSSONO MIGLIORARE L’ACUSTICA DELLA CHITARRA?

Nik Huber Guitars , un produttore di chitarre con sede in Germania, ha collaborato con gli specialisti del metallo amorfo Heraeus AMLOY , per installare un ponte stampato in 3D realizzato in metallo amorfo su una delle sue chitarre.

Nik Huber Guitars voleva provare un materiale per sviluppare una delle sue chitarre al fine di migliorare le sue caratteristiche sonore. I metalli amorfi, che mantengono le proprietà strutturali atomiche affini al vetro, sono particolarmente elastici, consentendo una trasmissione efficiente delle vibrazioni. Il materiale, quindi, fornisce un insieme di proprietà che lo rendono adatto alla produzione di chitarre, un settore che raramente ha sperimentato materiali diversi, secondo Nik Huber, fondatore e CEO di Nik Huber Guitars: “I metalli amorfi stampati in 3D sono un materiale promettente per la costruzione di chitarre grazie alle loro proprietà uniche. “

“SOPRATTUTTO NEL NOSTRO MERCATO CONSERVATIVO DI CHITARRE È IMPORTANTE ESSERE APERTI A ULTERIORI SVILUPPI, MA ANCHE A NUOVI MATERIALI E TECNOLOGIE.”

Fondata nel 1996, Nik Huber Guitars produce chitarre artigianali da 24 anni. Oggi, Nik Huber e il suo team producono circa 240 strumenti all’anno. Cercando di innovare le sue chitarre e la qualità del suono, l’azienda è aperta a sfruttare nuovi materiali come legni speciali o metalli.

Come tale, ha cercato i servizi di Heraeus AMLOY, la società che ha stampato in 3D il ponte amorfo. Heraeus AMLOY è la divisione dei metalli amorfi di Heraeus , un gruppo tecnologico tedesco specializzato in metalli preziosi. Heraeus è stata fondata nel 1851 e oggi comprende attività nei settori ambientale, energetico, elettronico, sanitario, della mobilità e delle applicazioni industriali. La società ha compiuto notevoli sforzi per lo sviluppo di metalli amorfi stampati in 3D , lavorando su di essi dal 2016, dove ha incluso per la prima volta il materiale nel suo portafoglio di metalli per stampa 3D. Nell’aprile 2019, Heraeus ha affermato di aver prodotto il ” più grande componente metallico amorfo ” utilizzando la produzione additiva.

I metalli amorfi si formano attraverso il rapido raffreddamento del metallo fuso. La velocità di raffreddamento è troppo elevata perché gli atomi del materiale formino una struttura cristallina. Invece, gli atomi si solidificano in modo amorfo e disordinato, bloccando il metallo in uno stato vetroso non cristallino. La maggior parte dei metalli sono cristallini nel loro stato solido, il che significa che hanno una disposizione di atomi altamente ordinata. I metalli amorfi sono anche resistenti ai graffi e alla corrosione e altamente biocompatibili.

La natura dei metalli amorfi presenta grandi potenziali usi nella stampa 3D di metalli . Ad esempio, la NASA ha esplorato i vantaggi dell’utilizzo del materiale nel suo veicolo spaziale durante l’ esplorazione di ambienti difficili . Tobias Caspari, SVP di Additive Manufacturing presso Heraeus , ha precedentemente sottolineato potenziali usi, “I metalli amorfi cambieranno il nostro futuro. Possiedono una vasta gamma di caratteristiche precedentemente incompatibili: sono molto forti e tuttavia malleabili, oltre che più duri e più resistenti alla corrosione dei metalli convenzionali. “

Jürgen Wachter, capo di Heraeus AMLOY, spiega che i metalli amorfi sono “ideali per strumenti a corda come chitarre”. Spiegando il motivo per cui, Wachter afferma che “Poiché i metalli amorfi sono significativamente più elastici dei materiali cristallini, trasmettono molto bene le vibrazioni. “Ulteriori vantaggi nella produzione di chitarre includono la resistenza ai graffi e alla corrosione del metallo, impedendo l’usura del ponte e la necessità di eventuali sostituzioni.

Grazie alla libertà di progettazione abilitata dalla stampa 3D, il ponte non ha una struttura convenzionalmente solida come la maggior parte dei ponti. Invece, ha una struttura interna a nido d’ape, che ha un effetto significativo sul periodo di vibrazione del ponte, poiché smorza le vibrazioni meno delle strutture solide chiuse. Questo può quindi fare una differenza importante nelle proprietà del suono.

“Si potrebbe anche imitare il suono di altri metalli cambiando le strutture all’interno del ponte”, aggiunge Jürgen Wachter. “Un ponte di metallo amorfo sembrerebbe quindi un ponte di ottone, per esempio. La differenza è che grazie alla sua elasticità mantiene il suono più a lungo, non si consuma e sembra ancora nuovo anche dopo anni. ”

Be the first to comment on "I metalli amorfi stampati in 3d migliorano l’acustica della chitarra ?"

Leave a comment